Economia delle aziende marittime, della logistica e dei trasporti
Corso di laurea

Prova finale

Cosa è

Per essere ammessi alla prova finale devi aver regolarmente frequentato le attività formative e conseguito i crediti previsti dall'ordinamento.

La prova finale consiste nella discussione di un elaborato teorico e/o applicativo, svolto su un tema concordato con il tuo relatore.

Il tema deve essere relativo ad un insegnamento presente nel tuo piano di studi e attinente agli interessi, agli studi e alle esperienze (es. tirocinio, Erasmus) che hai acquisito durante i tre anni.

L’elaborato può essere scritto in inglese ma deve essere accompagnato da un abstract in italiano.

Dovrai dimostrare di poter sviluppare in modo autonomo l'argomento che hai scelto, utilizzando in maniera appropriata il linguaggio tecnico della disciplina di riferimento per comunicare in modo chiaro con interlocutori specialisti e non.

La valutazione della prova finale valuterà la tua capacità di:

  • svolgere un lavoro autonomo
  • documentarti e informarti in modo corretto
  • scrivere il risultato del tuo lavoro in maniera adeguata e sintetica, utilizzando i termini corretti, citando le fonti e la bibliografia di riferimento
  • presentare alla commissione il tuo lavoro
  • rispondere alle domande poste dalla commissione.

Valutazione

Il voto finale deriva da un unico arrotondamento del punteggio risultante dalla somma di tutti gli elementi precedenti.

L’arrotondamento avviene:

  • per difetto, quando i decimali sono minori o uguali a 5
  • per eccesso, quando i decimali sono maggiori di 5

Quando il punteggio raggiunge (o supera) 110, la commissione all'unanimità può attribuire la lode su proposta del relatore.

N.B Puoi laurearti solo se hai ottenuto voto non inferiore a 66 punti su 110.

Indicazioni tecniche

Fasi della preparazione

La preparazione dell'elaborato si articola in varie fasi:

  1. richiesta al docente di riferimento e definizione dell'argomento: devi contattare il relatore dell'argomento che hai scelto tenendo sempre in considerazione la scadenza prevista per l'iscrizione all'esame finale
  2. conferma della domanda di iscrizione on-line: puoi effettuare l'iscrizione soltanto in assenza di esami in debito
  3. ricerca bibliografica e studio dell'argomento: sulla base delle indicazioni concordate con il tuo relatore, dovrai approfondire l'argomento scelto
  4. stesura dell'indice: recuperato e studiato il materiale devi strutturare una scaletta di massima da discutere con il relatore
  5. stesura del testo: dopo l'approvazione dell'indice devi:
    • procedere alla stesura del tuo elaborato (tra le 30 e le 70 pagine)
    • leggere ed eventualmente completare la ricerca bibliografica
    • prestare particolare cura alla correttezza del testo in italiano.

Struttura dell'elaborato

Eccoti alcune indicazioni di massima:

  • frontespizio: ti consigliamo di utilizzare questo modello
  • indice: può essere a due livelli (capitoli e paragrafi) o tre (con aggiunta di sotto paragrafi) e deve subito far risaltare il contenuto e la consequenzialità logica del tuo lavoro
  • abstract (in italiano e in inglese):
    • deve essere compreso tra le 150 e le 200 parole
    • spiegare l'oggetto del lavoro
    • chiarire la motivazione che ha determinato la scelta dell'argomento
    • descrivere brevemente il metodo di ricerca seguito e i risultati ottenuti
  • capitoli: utilizza periodi brevi, usa la forma impersonale e un lessico ricco e spiega ogni concetto o termine nuovo
  • conclusioni: devono essere chiare e sintetiche, riassumere le acquisizioni sviluppate nel corso del lavoro e lasciare intravedere gli sviluppi futuri dell'argomento.

Formattazione

Per poter scrivere correttamente il tuo elaborato formatta il testo sguendo questi standard:

  • usa questo il frontespizio come prima pagina
  • margini: destro e sinistro, inferiore e superiore 3 cm
  • allineamento del testo: giustificato
  • numeri di pagina: in basso a destra
  • formato del testo: carattere Times New Roman 12,interlinea 1,5, rientro prima riga 1 cm
  • formato delle note a piè di pagina: carattere TimesNew Roman 10, interlinea singola, nessun rientro
  • formato della bibliografia: carattere Times New Roman12, interlinea singola, rientro sporgente di 1 cm
  • carattere: grassetto solo per i titoli di capitoli, paragrafi, sotto paragrafi e per i numeri e la didascalia di grafici e tabelle
  • numeri: numeri romani per i capitoli e numeri arabi per i paragrafi e sotto paragrafi
  • note: a fine pagina e non al termine del capitolo, con numerazione che riparte da 1 in ogni nuovo capitolo

Grafici e tabelle

I grafici e le tabelle all'interno dell'elaborato devono:

  • essere nominati con un titolo in alto
  • essere contrassegnati da un numero progressivo dal quale si possa capire la collocazione all'interno dei diversi capitoli
    Ad esempio: Tab. 2.3 (la terza tabella del cap. 2), Graf. 5.1 (il primo grafico delcap. 5), Fig. 1.1 (la prima figura del cap. 1)
  • riportare in basso l'indicazione della fonte a meno che non si tratti di grafici e tabelle elaborati personalmente da te
    Ad esempio: Fonte: Istat, 2003: p. 235

Citazioni

Riguardo alle citazioni devi tenere presente che:

  • nel corpo del testo le fonti devono essere citate con il richiamo, tra parentesi, del cognome dell'autore e dell'anno della pubblicazione
    Esempio: Il reddito è inteso come variazione della ricchezza conferita dai proprietari, causata dallo svolgimento della gestione aziendale (Zappa, 1951)
  • se devi citare letteralmente un breve passo, inseriscilo tra virgolette e riporta l'indicazione della pagina dalla quale è stato preso
    Esempio: Sembra utile richiamare quanto sostiene Torre (2002: p. 93): "un'efficace implementazione della flessibilità etc"
  • giustifica le citazioni letterali solo in casi in cui sia davvero necessario richiamare un pensiero nella sua formulazione originale o quando vuoi dare particolare enfasi ad una certa affermazione

Bibliografia

Al termine della tesi dovrai inserire un elenco in ordine alfabetico della bibliografia esaminata e citata nel tuo elaborato.

Devi inserire le fonti rispettando le seguenti convenzioni editoriali:

  • Articoli tratti da riviste scientifiche: Pugh D.S., Hickson D.J., Hinings C.R., MacDonald K.M., Turner C., Lupton T., 1963, “A conceptual Scheme for Organizational Analysis”, Administrative Science Quarterly, Vol. 8, n. 3, pp. 289- 315
  • Monografie: Butera F., 1972, I frantumi ricomposti – Struttura e ideologia nel declino del «taylorismo» in America, Marsilio, Venezia
  • Monografie in lingua straniera di cui è stata consultata l’edizione italiana: Thompson J.D., 1967, Organizations in Action, McGraw-Hill, New York (ed. it., L’azione organizzativa, Isedi, Torino, 1988)
  • Curatele: Rossi P., Mori M., Trinchero M. (a cura di), 1975, Il problema della spiegazione sociologica, Loescher, Torino
  • Capitoli di libro: Maggi B., 1992, “La ricerca sociale nelle organizzazioni”, in Costa G. (a cura di), Manuale di gestione del personale, Utet, Vol. 1, pp. 83
  • Relazioni a workshop e convegni: Masino G., 2003, Nuove tecnologie per le decisioni, relazione presentata al IV Workshop dei docenti e ricercatori di organizzazione aziendale, Firenze, 13
  • Risorse Web: Ciani E. e De Blasio G. (2014). A volte funzionano: i sussidi alla stabilizzazione dei precari. Risorsa web reperibile all’indirizzo: http://www.lavoce.info/archives/20619/funzionano-i-sussidi-stabilizzazio... (consultato 25 giugno 2014).

Controllo antiplagio

N.B Ricordati di utilizzare in modo corretto le fonti, citandole sia nel testo sia nella bibliografia finale e riportando sempre tra virgolette le parole di terzi. Ricorda che ci sono conseguenze giuridiche di natura sia penale sia disciplinare per il plagio.

Per contrastare l’uso non corretto delle fonti disponibili in rete i testi degli elaborati finali vengono sottoposti ad un controllo anti plagio tramite un software specifico.

Se il tuo relatore ritiene che tu non abbia utilizzato correttamente le fonti, può chiederti di rivedere l’elaborato ed eventualmente slittare l’esame di laurea ad una sessione successiva.

Puoi realizzare, con il consenso del tuo relatore, una presentazione da proiettare durante la seduta di laurea, caricando il file su chiavetta USB.
Se hai bisogno di più informazioni o chiarimenti scrivi una mail a contatto@economia.unige.it.