Psicologia
Laurea magistrale

Dopo la laurea

Psicologo

Chi è?

La laurea nella classe LM-51 - Psicologia e la successiva certificazione di tirocinio annuale post laurea consentono l'ammissione all'esame di stato per l'iscrizione all'Albo degli Psicologi, sezione A.

È una figura professionale che

  • conosce le principali teorie esplicative nell'ambito della psicologia generale e fisiologica, della psicologia dello sviluppo e dell'educazione, della psicologia sociale e di comunità, della psicologia del lavoro e delle organizzazioni, della psicologia dinamica e clinica
  • conosce le metodologie di progettazione e di valutazione degli interventi in ambito individuale, di gruppo, di comunità e organizzativo
  • utilizza strumenti e metodologie di ricerca e di intervento, volti alla promozione della salute e alla prevenzione del disagio in contesti individuali, familiari, organizzativi e di comunità
  • conosce le metodologie di supporto ai processi di apprendimento e di socializzazione in età scolastica e durante il ciclo di vita, in situazioni normali e patologiche
  • conosce i metodi e gli strumenti di valutazione diagnostica, utilizzabili con individui, gruppi e organizzazioni.
Cosa fa?
  • Assessment dei bisogni individuali e collettivi e analisi dei fattori sociali, psicologici e comportamentali di rischio e di protezione per la salute bio-psico-sociale in diversi contesti sociali ed educativi e per differenti sottogruppi di popolazione
  • diagnosi delle caratteristiche di personalità e assessment delle risorse psicosociali, dei bisogni e delle aspettative nelle diverse fasi d'età, mediante strumenti qualitativi e quantitativi
  • progettazione, coordinamento, gestione e valutazione di programmi di prevenzione e promozione della salute e del benessere individuale e di gruppo
  • interventi nell'ambito dei disturbi dello sviluppo e dell'apprendimento
  • valutazione dei programmi di intervento indirizzati alla soluzione dei problemi psicosociali dei cittadini, con specifico riferimento ai contesti educativi, associativi, socio-assistenziali, sanitari e lavorativi
  • valutazione e interventi nell'ambito clinico dei Disturbi dello sviluppo e dell'apprendimento.
Dove lavora?

Il laureato iscritto all'albo può esercitare la professione nei diversi ambiti della psicologia, in particolare nella psicologia dello sviluppo e di comunità, nei limiti previsti dalla normativa che regola la professione dello psicologo (sezione A dell'albo).

Il modello Europsy identifica tre grandi ambiti professionali, che assorbono la quasi totalità degli sbocchi professionali degli psicologi:

  • clinico e salute
  • educazione
  • lavoro e organizzazioni.

Tuttavia queste tre aree non saturano completamente i possibili ambiti di intervento. Esistono infatti aree di lavoro emergenti in cui gli psicologi possono mettere in atto pratiche professionali riconosciute come significative dalla comunità degli psicologi stessi: ad esempio psicologia dell'emergenza, dello sport, giuridica, ecc.

Per svolgere l'attività di psicoterapeuta lo psicologo deve conseguire la specializzazione prevista dall'art. 3 della legge 56/89.