Salta al contenuto principale

Il Corso di studio magistrale in Ingegneria meccanica - progettazione e produzione fornisce una formazione ampia ed estremamente flessibile. Sono previsti diversi curricula e corsi a scelta che permettono di personalizzare le proprie competenze.

Il rapporto fra docenti e studenti è diretto e proficuo, grazie alla specificità e praticità degli argomenti trattati. Molte lezioni si tengono in laboratorio e comprendono attività pratiche da svolgersi individualmente o in piccoli gruppi, aspetto che favorisce lo sviluppo dell’autonomia e l’attitudine al lavoro di gruppo.

I docenti del corso di studio hanno rapporti consolidati di collaborazione e ricerca con numerose aziende, prevalentemente distribuite sul territorio ligure, ma non mancano i contatti con realtà nazionali e internazionali di prestigio. Già durante lo svolgimento delle lezioni ciò si concretizza in seminari con esperti provenienti da varie realtà aziendali e in visite didattiche.

Cosa studierai

Il corso è fondato su approfondimenti delle materie di base tipiche dell’ingegneria meccanica e completato con una serie di insegnamenti specifici dei vari curriculum. I contenuti di base sono costituiti da:

  • progettazione e gestione degli impianti industriali
  • progettazione sistematica e strutturale delle macchine
  • misure e meccatronica
  • energia e macchine
  • tecnologie meccaniche e sistemi di assemblaggio
  • approfondimenti relativi ai metodi numerici.

Incrementa le competenze di base mediante l'uso di strumenti di progettazione assistita e analizza le problematiche relative alle vibrazioni meccaniche. Vengono inoltre approfondite tematiche quali la sostenibilità industriale, la scelta e la gestione di specifiche metodiche di controllo della qualità dei prodotti.

Permette di conseguire competenze specifiche in un settore importante dal punto di vista economico e ambientale, nel quale il contributo dell'ingegnere meccanico è essenziale. Il curriculum ha carattere interdisciplinare, con contenuti che comprendono i materiali innovativi, la meccanica e l'aerodinamica del veicolo e i motori a combustione interna.

Prevede una stretta integrazione tra argomenti di ingegneria meccanica, come la costruzione di macchine o la meccanica applicata, e argomenti di ambito elettrotecnico, elettronico e informatico. L’approccio didattico generalmente parte dalle esigenze applicative per poi introdurre i concetti teorici necessari per arrivare alle soluzioni più adatte. Le attività di laboratorio consentono infine di applicare quanto studiato a lezione e di venire a contatto con la realtà industriale, toccando con mano componenti comunemente utilizzati in automazione e meccatronica.

Dopo la laurea

La laurea magistrale in Ingegneria meccanica - progettazione e produzione consente l'accesso all'esame di stato per l'iscrizione alla Sezione A dell'albo degli Ingegneri, settore industriale.

Il laureato in INGEGNERIA MECCANICA - PROGETTAZIONE E PRODUZIONE

Chi è?

La figura professionale formata da questa laurea, a coronamento di un percorso basato su due successivi titoli - laurea e laurea magistrale - può svolgere innumerevoli funzioni sia su aspetti tecnologici che di gestione dei progetti e degli impianti. In particolare:

  • ingegnere progettista, con funzioni che vanno dall'ideazione dello schema concettuale, alla modellazione e prototipazione virtuale, alla scelta dei componenti e sottosistemi, al dimensionamento e allo sviluppo e test di prototipi
  • ingegnere di produzione, con funzioni di scelta e ottimizzazione delle tecnologie per la produzione e l'assemblaggio di componenti e sistemi, di verifica della loro conformità alle specifiche di prodotto e infine di gestione e esercizio di sistemi produttivi complessi
  • ingegnere di progetto e di cantiere, con compiti di gestione di progetti e cantieri complessi, gestione dei rapporti con clienti e fornitori, soluzione delle problematiche di montaggio e avviamento, soprattutto dal punto di vista della qualificazione tecnica delle forniture e dei prodotti
  • ingegnere per funzioni R&D, capace di individuare (scouting tecnologico) e di utilizzare tecnologie innovative per lo sviluppo o il miglioramento di prodotti e sistemi meccanici, partendo dalle fasi iniziali di definizione dei requisiti tecnologici per arrivare alla progettazione, alla prototipazione e  al test in laboratorio e sul campo.

In generale questa figura professionale ha acquisito:

  • capacità sia di collaborare e coordinare personale che nel mondo industriale svolge funzioni operative (ad esempio di officina e di cantiere), sia di scambiare informazioni e trovare soluzioni a problemi interdisciplinari, dialogando con ingegneri e tecnici con specializzazione diverse (ad esempio elettronici, informatici, elettrici)
  • capacità di apprendimento continuo, che è indispensabile alla crescita professionale e consente nel tempo di passare da mansioni professionali più operative a ruoli di gestione e soluzione di problematiche via via più complesse, maturando una visione sistemica dei problemi e delle relative soluzioni.

Cosa fa?

  • Conosce gli strumenti matematici, i fondamenti fisici e ingegneristici per la comprensione e l'utilizzo delle tecnologie abilitanti utilizzate nei sistemi meccanici
  • usa gli strumenti di lavoro per la progettazione e simulazione di componenti e sistemi (strumenti CAD-CAE-CAM)
  • ha competenze sui materiali meccanici, compresi i criteri per la loro scelta e l'utilizzo, le tecnologie di produzione e assemblaggio, le metodologie di test
  • conosce la componentistica (componenti unificati, componentistica commerciale - sistemi di azionamento, sensori, trasmissioni meccaniche) e la sceglie ai fini di uno specifico progetto
  • conosce i sistemi di misura e la loro integrazione con sistemi di controllo automatico
  • ha conoscenze di impiantistica industriale, con relative capacità di modellazione e progettazione.

In relazione ai tre ambiti curriculari:

  • per il curriculum progettazione e produzione, conosce metodiche avanzate di progettazione assistita e competenze relative alla sostenibilità industriale
  • per il curriculum veicoli terrestri, ha competenze ingegneristiche avanzate sulla specifica classe di prodotti
  • per il curriculum meccatronica, ha competenze relative all'integrazione tra meccanica, elettronica con presenza di funzioni intelligenti.

Dove lavora?

La laurea in Ingegneria meccanica - progettazione e produzione offre ai neo ingegneri una specializzazione prevalentemente nei campi della progettazione meccanica e della produzione, a supporto sia del mondo della ricerca sia del mondo del lavoro, anche in settori orientati all'innovazione tecnologica.

La specializzazione offre sbocchi occupazionali presso aziende, enti pubblici o privati e strutture di ricerca nel campo della progettazione, della produzione, delle attività manifatturiere, dell'impiantistica industriale, dell'automazione, della robotica e dei veicoli, per le diverse fasi del ciclo di vita quali installazione, collaudo, monitoraggio, manutenzione e gestione di macchine, impianti e sistemi complessi.