Salta al contenuto principale

II semestre

Corso di laurea in Lettere e magistrale in Letterature moderne e spettacolo

1 CFU 

Docente: Pier Maria Bocchi

Inizio: 08 marzo 2024 

Orario: 13.00 -16.00

Dove: aula 5, via Balbi 2

Modalità: in presenza. Per iscriversi inviare una email a piemmebi@fastwebnet.it avendo cura di indicare come oggetto “ISCRIZIONE LABORATORIO” e di specificare nome cognome, matricola, Corso di Studio, anno di corso.

Il corso è aperto a un massimo di 25 studenti.

Le iscrizioni si chiuderanno il 05 marzo 2024.

Il laboratorio intende fornire agli studenti gli strumenti necessari e indispensabili per la corretta formulazione e la comunicazione del pensiero critico. Durante le lezioni verranno individuate e analizzate le pratiche di scrittura critica con particolare riferimento alle forme della critica cinematografica.
Saranno proposte agli studenti esercitazioni di scrittura, di analisi e di produzione di testi diversi fra loro, per contesto, funzione e stile (quotidiani/riviste/dizionario/on-line). Particolare attenzione sarà riservata infine alla recensione, forma regina della critica.
Parte del laboratorio sarà dedicata alla creazione di una rassegna cinematografica in accordo con CircuitoCinema di Genova.

In collaborazione con il Teatro dell’Ortica e la Fondazione Auxilium

2 CFU

Docente: Ilaria Piaggesi

Inizio: 19 febbraio 2024

Orario: lunedì ore 17-19, fino alla fine di giugno (un incontro settimanale di due ore, con l'aggiunta di 5 incontri da due ore distribuiti durante tutto il periodo e 8h di lavoro individuale).

Dove: la maggior parte degli incontri si terrà presso la sala conferenze di Casa della Giovine, Piazza Santa Sabina / alcuni incontri si terranno presso le aule di Via Balbi. Il primo incontro si terrà il 19 febbraio presso l'aula 1 di Via Balbi 2.

Modalità: in presenza. Il laboratorio è a numero chiuso (massimo 10 studenti). Per iscriverti devi contattare la docente all'indirizzo mail ilaria.piaggesi@gmail.com

Il laboratorio si rivolge principalmente agli studenti e alle studentesse che desiderano approfondire l'uso del teatro come medium nella relazione d'aiuto e nel lavoro sociale, attraverso una messa in gioco teorica e pratica.
Il laboratorio prevede un percorso pratico basato sulla narrazione, l'autobiografia dei soggetti, la presa in carico dei temi dell'oppressione e della violenza, l'espressione corporea ed è finalizzato alla creazione di una drammaturgia non preordinata.
Prima dell’inizio del II semestre, saranno fornite le informazioni per partecipare alla selezione, attraverso un colloquio.
Compatibilmente con la situazione sanitaria, il laboratorio si terrà in presenza e coinvolgerà le utenti (ragazze migranti) della struttura e gli studenti.

In collaborazione con il Teatro Akropolis

1 CFU

Docenti: Clemente Tafuri, David Beronio, Luca Donatiello

Inizio: lunedì 11 marzo 2024

Orario: il calendario delle lezioni è visionabile sul sito: https://www.teatroakropolis.com/contronatura-2024/

Dove:
Università di Genova – Scuola di Scienze umanistiche – Aula N – Via Balbi 4
Teatro Akropolis – Via Mario Boeddu 10, Genova Sestri Ponente
Villa Durazzo Bombrini – Via Muratori 5, Genova Cornigliano
Auditorium Ex Manifattura Tabacchi – Via Bottino 6, Genova Sestri Ponente

Modalità
In presenza 
Destinatari
: tutte le studentesse e gli studenti dell'Università di Genova, ma principalmente agli studenti iscritti ai curricula di Musica e Spettacolo dei corsi di studio in Lettere e in Letterature moderne e spettacolo.
Requisiti: nessun requisito richiesto, il corso è aperto a tutti
Numero di partecipanti: max 20 studenti
Durata: 25 ore 

Presentazione del corso

Il corso verterà su alcuni dei principali temi che animano gli scritti giovanili di Nietzsche, nei quali viene elaborata una teoria estetica che si riferisce all'epoca arcaica della Grecia e alla forma d'arte più importante che essa ha prodotto: il coro ditirambico. Le attività proposte durante il corso verranno condotte a partire da questa traccia, ponendola a confronto con la contemporaneità e individuando nuove possibili vie con cui approcciarsi al teatro e al lavoro dell'attore.

Il laboratorio sarà suddiviso in una parte pratica e una teorica, per un totale di 25 ore complessive di lezione.

La parte teorica, oltre a lezioni frontali, prevederà momenti di confronto sui temi del corso, la visione di contributi video e la visione di spettacoli dal vivo. La parte pratica prevederà un lavoro incentrato sul corpo e sulla relazione fisica, condotto attraverso esercizi e tecniche di training alla portata di tutti gli studenti. 

Sono inoltre previste uscite a teatro per la visione di spettacoli e per un confronto diretto con artisti e gruppi della scena contemporanea.


Modalità di iscrizione
Compilare il form presente sul sito https://www.teatroakropolis.com/contronatura-2024/

Scadenza iscrizioni: sabato 9 marzo 2024

In collaborazione con il Teatro Carlo Felice

1 CFU

Docente: Luca Rossetto Casel 

Inizio: 07 marzo

Orario: giovedì 15-18

Dove: aula 4, via Balbi 2

Modalità: in presenza. Per iscriverti dovrai contattare il docente all'indirizzo mail luca.rossettocasel@gmail.com. Il laboratorio è a numero chiuso (massimo 20 studenti). In caso di sovrannumero, verranno considerati requisiti preferenziali:

  1. iscrizione ai corsi di laurea triennale in Lettere e magistrale in Letterature moderne e spettacolo e Lingue e culture moderne
  2. avere sostenuto un esame di Storia della musica, di Drammaturgia musicale o di Regia del teatro musicale

Il Laboratorio è incentrato sulla presentazione di alcuni titoli del repertorio operistico, analizzati e raffrontati in rapporto alle caratteristiche linguistiche e drammaturgiche rispettivamente adottate.
Attraverso la lettura musicale del titolo prescelto, il laboratorio mira a costituire un'introduzione al teatro d'opera e a sviluppare un ascolto attivo e consapevole.
L'attività laboratoriale potrà svolgersi presso i locali del teatro nel corso delle prove.

Docente: Asborno Greta

Inizio: 05 aprile 2024

Orario: 15:00-18:00

Dove: aula 2, Balbi 2

Obiettivo e contenutiIl laboratorio si pone l'obiettivo di avviare gli studenti all'utilizzo di software di montaggio (free) e alla creazione di prodotti audiovisivi con particolare attenzione al loro possibile utilizzo in ambito didattico. Il laboratorio mira a offrire conoscenze base di montaggio audiovisivo e editing di immagini fisse. L'esercitazione principale del laboratorio avrà come oggetto il genere dell'intervista.

Per informazioni: greta7194@gmail.com

Presentazione corso

Il corso di "Montaggio Video" è progettato per fornire agli studenti una formazione completa sia in termini teorici che pratici sul mondo del montaggio video. L'obiettivo principale è consentire agli studenti di acquisire una solida comprensione dei principi fondamentali del montaggio cinematografico e sviluppare competenze pratiche nell'utilizzo del software dedicato.
Dopo una piccola panoramica sulla storia del montaggio cinematografico e sui concetti alla base del linguaggio multimediale, gli studenti acquisiranno competenze pratiche iniziando con la familiarizzazione con l'interfaccia del software e i suoi strumenti principali.
Successivamente, passeranno al montaggio di base, imparando a tagliare e montare clip video, gestire l'audio e applicare transizioni ed effetti.
In seguito, gli studenti approfondiranno il montaggio avanzato, lavorando su effetti speciali, animazioni di testo e grafica.
La parte pratica culminerà con un progetto finale, in cui gli studenti avranno l'opportunità di mettere in pratica tutto ciò che hanno imparato durante il corso. Presenteranno e discuteranno i loro progetti con il resto della classe, offrendo un'occasione preziosa per ricevere feedback e condividere esperienze.

Metodologia di Valutazione

Gli studenti saranno valutati in base alla partecipazione attiva durante le lezioni teoriche e pratiche e al progetto finale.

1 CFU 

Docente: Alessio Decaria 

Inizio: 3 aprile 2024

Orario: mercoledì 15:00-17:00, giovedì 15:00-17:00, venerdì 09:00-11:00

Dove: mercoledì aula Q (Balbi 6), giovedì aula 3 (Balbi 2), venerdì aula 5 (Balbi 2)

Modalità: in presenza. 

 

1 CFU 

Docente: Claudia Pastorino

Inizio: 11 marzo 2024

Orario: 13 -15

Dove: aula 7, via Balbi 2 

Modalità: in presenza. Per iscriversi inviare una e-mail all'indirizzo di posta elettronica claudiapastorino@libero.it indicando in oggetto "ISCRIZIONE LABORATORIO" e specificando, nome, cognome, matricola, corso di studio, anno di corso.

Il laboratorio prenderà in esame l'espressione artistica e culturale della canzone in Italia, in Europa e nel mondo.

Percorrerà l’evoluzione dell’industria discografica, dalla sua nascita fino ai nostri giorni; osserverà le figure professionali interne e accessorie all’attività musicale e discografica, i meccanismi produttivi, l’autoimprenditorialità artistica nel terzo millennio, la produzione artistica sia in studio di registrazione che nel concerto dal vivo, la professione cantautorale, ieri e oggi, con particolare riferimento alla “scuola genovese”.

2 CFU 

Docente: Francesco Leprino 

Inizio: venerdì 1 marzo 2024

Orario: la prima lezione sarà di 2 ore (15-17), le altre da 3 ore (15-18)

Dove: aula 9 (Via Balbi 2)

Modalità: in presenza. Per iscriversi inviare una email all’indirizzo di posta elettronica gransole@gransole.net a partire dal 1° febbraio, avendo cura di indicare come oggetto “ISCRIZIONE LABORATORIO” e di specificare nome cognome, matricola, corso di studio, curriculum, anno di corso.

Obiettivo del laboratorio è focalizzare il rapporto fra le espressioni che rimandano alla realtà concreta (la parola e l’immagine nei contesti audiovisivi) e l’ineffabile sonoro della musica.

Strumenti del laboratorio saranno citazioni musicali, filmiche e di videoarte, tramite le quali focalizzare gli effetti e gli affetti che questi incroci linguistici provocano sulla percezione, ricostruendo in maniera critica, attraverso i feedback degli studenti, i processi creativi e i meccanismi comunicativi sottesi.

1 CFU

Docente: Lucio Argano

Inizio: giovedì 9 maggio 2024

Orario: giovedì ore 13-17 e venerdì ore 9-13 (4 incontri)

Dove: giovedì Sala Acquario (Darsena - Economia), venerdì aula 9 (Balbi 2)

Modalità: in presenza. Non c’è numero chiuso. Per iscriversi inviare una email all’indirizzo di posta elettronica lucio.argano@gmail.com avendo cura di indicare come oggetto “ISCRIZIONE LABORATORIO AUTOIMPRENDITORIALITÀ” e di specificare nome cognome, matricola, Corso di laurea e curriculum, anno di corso.

Presentazione

Il Laboratorio, coerentemente con le finalità principalmente del Corso di Laurea Magistrale in Storia dell’arte a cui fa riferimento, ma aperto anche agli altri Corsi di studio del DIRAAS, si pone come momento seminariale operativo con lo scopo di fornire ai partecipanti le conoscenze, gli approcci e gli strumenti per agire nella tutela e valorizzazione del patrimonio dei beni e delle attività culturali mediante formule imprenditoriali, organizzative e progettuali. Viene affrontata la creazione di nuove imprese culturali, secondo le forme associative e societarie ricorrenti e attraverso la predisposizione di business plan culturali in grado di valutarne efficacia, opportunità, rischi, spazi d’intervento e sostenibilità nel tempo. Contemporaneamente, il Laboratorio intende stimolare la capacità di progettazione dei partecipanti, incentivando pratiche d’ideazione, fattibilità, pianificazione, attuazione e valutazione delle iniziative e degli eventi culturali. 

Obiettivi

  • contribuire allo sviluppo manageriale dei partecipanti, inquadrando le azioni di promozione e valorizzazione del patrimonio artistico all’interno di una dimensione imprenditoriale, organizzativa e gestionale nelle sue implicazioni critiche più evidenti (opportunità e rischi, contesto, vincoli, governo di risorse, pianificazione e controllo, comunicazione, qualità, valutazione, capacità critica di analisi, verifica delle diverse fattibilità);
  • fornire elementi informativi e di conoscenza sul funzionamento delle imprese culturali, sui modelli giuridico organizzativi ricorrenti, sulla strumentazione di analisi e valutazione per la costituzione di nuovi soggetti;
  • fornire un kit metodologico di approcci, strumenti e tecniche riferite alla progettazione culturale nelle sue fasi ideative, di valutazione ex ante (fattibilità), di programmazione e attuazione;
  • incentivare la capacità di lavoro di squadra e le dinamiche relazionali, attraverso una metodologia di coinvolgimento collettivo dei partecipanti su esercitazioni e discussioni di casi concreti, ma anche sottolineando l’importanza della gestione dei diversi stakeholder di ogni impresa e progetto;
  • agire sullo sviluppo di competenze di comportamento strategico, progettuali, relazionali e di servizio, stimolando le capacità e le attitudini individuali a intraprendere anche come consapevolezze e risorse di fiducia personale.

Struttura, date, orari

La struttura del Laboratorio si suddivide in due parti:

  • la prima parte si concentra sui “soggetti” che agiscono organizzativamente nel settore culturale in varie forme e che, indipendentemente dalla natura profit o no profit, costituiscono forme d’impresa culturale, con particolare attenzione alle modalità, operazioni e valutazioni che vanno considerate per la loro creazione e gestione (competenze, dimensione di mercato, profilo strategico, domanda e offerta, forme giuridiche e modelli organizzativi, dimensione economico finanziaria, sostenibilità), anche con modelli di business plan culturali e Canvas;
  • la seconda parte, invece, privilegia le attività svolte dalle imprese culturali nelle loro differenti tipologie e declinazioni, focalizzandosi sulla cultura di progetto e quindi sugli strumenti e sulle conoscenze pratiche per la realizzazione di progetti ed eventi culturali (project management culturale).

Il laboratorio ha una durata di 25 ore, di cui 16 di lezione frontale e 9 di studio individuale. È articolato in 4 incontri di 4 ore ciascuno nelle seguenti date:

  • Giovedì 09 maggio 2024 ore 13-17 (4 ore)
  • Venerdì 10 maggio 2024 ore 09-13 (4 ore)
  • Giovedì 16 maggio 2024 ore 13-17 (4 ore)
  • Venerdì 17 maggio 2024 ore 09-13 (4 ore)

Metodologia, materiali e valutazione finale

La metodologia didattica prevede lezioni frontali per la parte teorica, con impiego di sussidi didattici (slide), visione di filmati, discussione di casi.
Nel corso del laboratorio i partecipanti vengono invitati a realizzare progetti e altre attività pratiche in gruppo attinenti ai contenuti trattati in aula, che sono oggetto di valutazione.
Testo eventuale di riferimento: L. ARGANO, Manuale di progettazione della cultura. Filosofia progettuale, design e project management in campo culturale e artistico, F. Angeli, Milano, 2012 (pp. 590).
Tutti i materiali didattici, con la sola esclusione della documentazione video, saranno consegnati ai partecipanti. Fonti bibliografiche saranno a disposizione presso il sito www.lucioargano.it

Syllabus degli incontri

I. Le imprese culturali: la dimensione strategica e di mercato

  • Elementi costitutivi, tipologie, caratteristiche, forme ricorrenti;
  • Il profilo strategico, la missione, i valori e l’etica, la visione, il modello d’attività, il rapporto con il contesto (stakeholder, fattori e norme, raccordo con le politiche, peculiarità settoriali);
  • Mercati, arena competitiva, obiettivi, analisi della domanda, target, sistema di offerta, posizionamento.

II. Le imprese culturali: la dimensione organizzativa ed economico finanziaria

  • Forme e modelli giuridici di riferimento (profit, no profit, Testo Unico Terzo Settore, contratti di rete, etc.);
  • Modelli organizzativi, di funzionamento e meccanismi operativi;
  • Bilancio previsionale, rendiconti finanziari;
  • Adempimenti formali e aspetti amministrativi (costituzione e funzionamento a regime).

III. Il project management culturale: aspetti generali e fase ideativa

  • Cenni sui principi di progettazione culturale (azioni, eventi, ambiti progettuali);
  • Collegamenti e attinenze con l’esercizio d’impresa culturale;
  • Ciclo di vita del progetto culturale;
  • Lo start ideativo e gli inneschi progettuali;
  • Analisi e valutazione del contesto interno, esterno e competitivo;
  • Il perimetro strategico e le logiche del progetto;
  • Lo sviluppo del concept (contenuti) e dell’attività connesse (sistema di offerta e palinsesto).

IV. Il project management culturale: attivazione, pianificazione e realizzazione

  • L’analisi della fattibilità tecnica, organizzativa, economica, di marketing;
  • Forme e fonti di finanziamento pubbliche (bandi) e private, (sponsor, crowdfunding);
  • La valutazione dei rischi e i piani di contingenza/convenienza;
  • La definizione delle linee guida di realizzazione, co-produttive, di networking;
  • La pianificazione delle azioni, dei tempi, pietre miliari, azioni di controllo, delle risorse umane e tecniche e il piano economico-finanziario (budget);
  • Cenni su aspetti contrattuali, sulle burocracies, sulla gestione tecnico-logistica e sulla comunicazione.