Salta al contenuto principale
CODICE 67168
ANNO ACCADEMICO 2016/2017
CFU
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE ING-IND/02
LINGUA Italiano
SEDE
PERIODO 2° Semestre
MODULI Questo insegnamento è un modulo di:

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire le nozioni fondamentali della geometria dello scafo e delle caratteristiche strutturali dei principali tipi di scafi.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

Obiettivi formativi specifici: Scopo del corso è quello di illustrare i criteri per la verifica di resistenza degli elementi strutturali della nave, fornendo all’allievo i mezzi necessari per eseguire il loro dimensionamento sia con calcoli diretti approssimati sia in accordo ai regolamenti degli istituti di classifica. Sono descritti concetti e procedure per la definizione delle principali azioni che sollecitano le strutture di uno scafo, per la definizione della robustezza strutturale globale e locale nonché per le verifiche di stato limite globali e locali generalmente adottate nella pratica progettuale.

MODALITA' DIDATTICHE

Tipologia delle attività didattiche e loro articolazione: 60 ore di lezioni frontali di cui circa 25 applicative, con supporto di calcolatore.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Contenuti essenziali:

Principi di dimensionamento delle strutture navali (tensioni ammissibili, verifiche di stato limite, introduzione dei concetti di “carico” e di “risposta strutturale”).

Modelli strutturali (schematizzazione tradizionale delle strutture navali: trave nave e tensioni primarie, telai e grigliati e tensioni secondarie, elementi locali e tensioni terziarie, gerarchia strutturale).

Verifiche di resistenza della trave scafo (norme e calcoli diretti): definizione delle condizioni di carico della trave scafo in acqua tranquilla ed in mare ondoso, implicazioni nel dimensionamento strutturale dello scafo, interazione fra modelli strutturali globali e locali.

Definizione dei parametri di dimensionamento locale (pressioni, punti di riferimento, area gravante, campata, geometria delle sezioni resistenti, striscia associata, ecc.).

Schemi semplificati per il dimensionamento locale (fasciami, rinforzi ordinari, travi rinforzate, pannelli nervati e travature ovvero grigliati e telai, combinazione della risposta strutturale dei diversi modelli).

Classificazione delle azioni agenti sulle strutture navali (carichi esterni, interni, statici, dinamici, ecc., loro modalità di applicazione sulle strutture, trasferimento dei carichi).

Valutazione dei carichi secondo i regolamenti delle società di classifica (cenni su: condizioni ambientali, condizioni operative, carichi di trave nave e carichi locali, combinazione dei carichi agenti, analisi critica dei requisiti regolamentari e delle formulazioni di verifica).

Verifiche regolamentari degli elementi strutturali: snervamento, instabilità, cenni su rotture a fatica e verifiche in esercizio.

Saranno sviluppati esempi applicativi sui seguenti temi:

  1. Calcolo delle caratteristiche geometriche delle sezioni resistenti delle travi di tipico uso navale
  2. Calcolo per valutare le caratteristiche geometriche della sezione resistente della trave nave (metodi approssimati)
  3. Analisi della robustezza globale di un pontone parallelepipedo
  4. Verifiche dirette dei componenti strutturali della sezione trasversale di una nave (pannelli elementari di fasciame, rinforzi comuni, elementi primari schematizzati come travi isolate)
  5. Esempi applicativi di telai e/o grigliati
  6. Dimensionamento di una sezione trasversale utilizzando il software di una società di classifica

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Riferimenti bibliografici:

  • Rizzo, C.M. and Tedeschi, R. (2012): Appunti per il corso di Costruzioni Navali. Livorno, Poligrafico Accademia Navale
  • Regolamenti per la costruzione e la classificazione delle navi delle principali Società di Classificazione (www.iacs.org.uk e siti internet delle società di classificazione).

 

Per consultazione anche:

  • Marsich S., Appunti di Tecnologia della Nave, IPIN, Genova
  • Lomeo A., Appunti di Allestimento, IPIN, Genova
  • AA.VV. (2003): Ship Design and Construction, SNAME
  • AA.VV. (1988): Principles of Naval Architecture, SNAME
  • Hughes, O.F. Ship structural design, a rationally based computer aided optimization approach, SNAME, 1988. (Nuova edizione: Ship Structural Analysis and Design, 2010 redatta con con Paik JK)
  • Rawson KJ, Tupper EC, Basic Ship Theory, Butterworth Heinemann
  • Eyres DJ, Bruce GJ, Ship Construction, Butterworth Heinemann

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

ALBERTO MARINO' (Presidente)

CESARE MARIO RIZZO (Presidente)

LEZIONI

INIZIO LEZIONI

13 Febbraio come da Calendario Accademia Navale

Orari delle lezioni

L'orario di questo insegnamento è consultabile all'indirizzo: Portale EasyAcademy

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

Orale

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

All'esame orale dovranno essere presentate le relazioni delle esercitazioni svolte durante il corso.

Calendario appelli

Dati Ora Luogo Tipologia Note
21/06/2017 08:30 LIVORNO Orale
06/07/2017 14:30 GENOVA Orale
06/07/2017 14:30 GENOVA Orale

ALTRE INFORMAZIONI

Propedeuticità: Conoscenza dei contenuti dei corsi di Disegno tecnico navale, Scienza delle costruzioni I, Costruzioni navali (modulo Tecnologia della nave).