Salta al contenuto principale della pagina

CHIMICA FISICA 1

CODICE 57911
ANNO ACCADEMICO 2016/2017
CFU 6 cfu al 2° anno di 8757 CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE (L-27) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE CHIM/02
LINGUA Italiano
SEDE GENOVA (CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE )
PERIODO Annuale
PROPEDEUTICITA
Propedeuticità in ingresso
Per sostenere l’esame di questo insegnamento è necessario aver sostenuto i seguenti esami:
  • CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE 8757 (coorte 2015/2016)
  • CHIMICA GENERALE ED INORGANICA 65096
Propedeuticità in uscita
Questo insegnamento è propedeutico per gli insegnamenti:
  • CHIMICA E TECNOLOGIE CHIMICHE 8757 (coorte 2015/2016)
  • CHIMICA FISICA INDUSTRIALE 65160
MODULI Questo insegnamento è un modulo di:

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire gli strumenti per lo studio della Termodinamica Chimica attraverso l’impiego dei potenziali termodinamici e del potenziale chimico.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO)

 Al termine del corso lo studente:

1. dovrebbe aver acquisito una conoscenza critica dei principi e delle applicazioni della Termodinamica chimica classica, allo scopo di giustificare ed interpretare la struttura della materia e i mutamenti che essa subisce;

2. dovrebbe avere una conoscenza generale sulle relazioni tra le proprietà chimiche e fisiche relative all’equilibrio termodinamico;

MODALITA' DIDATTICHE

Lezioni frontali con utilizzo di slide che vengono inserite, insieme alle dispense relative, sul Aul@web.

Uso di metodologie didattiche partecipative quali: Cooperative learning per lo sviluppo di mappe concettuali, Microteaching, per imparare ad esporre e Flipped Lesson, per insegnare ad approfondire autonomamente un argomento.

I diversi metodi saranno applicati criticamente alle parti del programma che ne permetteranno l'applicazione coerente con il tempo a disposizione.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Generalità e nomenclatura termodinamica
Le proprietà dei gas
Primo principio della termodinamica e sue applicazioni
Le funzioni di stato e di percorso U e H

Capacità termiche

Esperienze di Joule e di Joule-Thomson
Le applicazioni alle reazioni chimiche
Convenzione termodinamica
Secondo principio della termodinamica e sue applicazioni: Entropia. 

Terzo principio della termodinamica

Le funzioni di stato energia libera ed entalpia libera
I potenziali termodinamici e le loro proprietà
I potenziali chimici e le loro proprietà
Le trasformazioni di fase
I diagrammi di equilibrio a un componente
L’equilibrio chimico
Studio degli equilibri tramite i potenziali termodinamici
Le costanti di equilibrio e le loro proprietà
Le relazioni di Van’t Hoff
Principio di Le Châtelier-Braun
La regola delle fasi secondo Gibbs
Le soluzioni (ideali e loro deviazioni)
Le relazioni di Van’t Hoff

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Dispense del corso

Chimica Fisica di: Peter W. Atkins - Julio De Paula Zanichelli ed, Bologna, 2004

Modern Thermodynamics: From Heat Engines to Dissipative Structures - Dilip Kondepudi & Ilya Prigogine-  John Wiley & Sons Ed.

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

MARIA CARNASCIALI (Presidente)

CRISTINA ARTINI

FABIO MICHELE CANEPA

PIETRO MANFRINETTI

MARCELLA PANI

LEZIONI

MODALITA' DIDATTICHE

Lezioni frontali con utilizzo di slide che vengono inserite, insieme alle dispense relative, sul Aul@web.

Uso di metodologie didattiche partecipative quali: Cooperative learning per lo sviluppo di mappe concettuali, Microteaching, per imparare ad esporre e Flipped Lesson, per insegnare ad approfondire autonomamente un argomento.

I diversi metodi saranno applicati criticamente alle parti del programma che ne permetteranno l'applicazione coerente con il tempo a disposizione.

INIZIO LEZIONI

Dal 26 settembre 2016

Il link all'orario definitivo sarà  www.ctc.unige.it

Orari delle lezioni

CHIMICA FISICA 1

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

Orale

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

La forte correlazione con il modulo di Chimica Fisica 1 e Laboratorio permetterà di valutare l'apprendimento della parte teorica tramite la sua applicazione, legata non solo allo svolgimento delle esperienze di laboratorio, ma anche alla capacità di risolvere gli esercizi. 

Durante l'esame orale, la commissione valuterà il grado di conoscenza e di competenza raggiunti individualmente dallo studente sulla base della qualità delle risposte e della capacità di esposizione.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
16/06/2017 14:00 GENOVA Scritto
23/06/2017 10:00 GENOVA Orale
04/07/2017 14:00 GENOVA Scritto
10/07/2017 10:00 GENOVA Orale
18/07/2017 14:00 GENOVA Scritto
24/07/2017 10:00 GENOVA Orale
18/09/2017 14:00 GENOVA Scritto
22/09/2017 10:00 GENOVA Orale

ALTRE INFORMAZIONI

I requisiti di base richiesti sono: dimestichezza nel calcolo di derivate, integrali e logaritmi, nonchè delle nozioni apprese dall'insegnamento di Chimica Generale ed inorganica del 1° anno del corso di laurea in Chimica e Tecnologie Chimiche.