Salta al contenuto principale della pagina

CHIMICA PER CONSERV., CONSOLIDAM. E RESTAURO BBCC (LM)

CODICE 72648
ANNO ACCADEMICO 2017/2018
CFU 10 cfu al 2° anno di 9009 METODOLOGIE PER LA CONSERV. RESTAURO BENI CULTURALI (LM-11) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE CHIM/02
LINGUA Italiano
SEDE GENOVA (METODOLOGIE PER LA CONSERV. RESTAURO BENI CULTURALI)
PERIODO Annuale

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L’insegnamento si propone di fornire gli strumenti necessari per la comprensione termodinamica e cinetica dei principali processi di alterazione dei Beni Culturali (con particolare riferimento ai materiali metallici e pittorici) come pure dei processi di estrazione dei metalli. Uso di tecniche chimico fisiche di indagine per la caratterizzazione dei prodotti di degrado e discussione delle problematiche di intervento.

MODALITA' DIDATTICHE

Lezioni frontali

Esercitazioni pratiche

PROGRAMMA/CONTENUTO

LEZIONI

1] Verifica della formazione generale e delle conoscenze di base degli studenti (1-2   questionari e/o tests).

2] Reazioni chimiche di formazione principali classi composti; reazioni redox e processi di   alterazione e corrosione.

3] Cenni funzioni di stato; stabilita’ termodinamica; diagrammi di fase ad 1, 2, 3 componenti.

4] Tecniche per la misura Durezza.

5] Tecniche per la misura Peso specifico.

6] Tecniche di Analisi termica; DTA, TGA, DSC.

7] Tecniche di Microscopia; LOM, SEM, TEM.

8] Tecniche Diffrattometria X-ray.

9] Tecniche Analisi Spettrofotometriche; UV, VIS, IR, FTIR, Assorbimento atomico AAS.

10] Tecniche XRF.

ESERCITAZIONI ed attivita’ laboratorio.

Mirate sopratutto alla dimostrazione di una tecnica e del suo relativo utilizzo pratico.

NOTA: Il programma dell’insegnamento potra’ subire midifiche (sia nel contenuto delle lezioni che circa l’oggetto delle esercitazioni pratiche), sulla base sia della formazione pregressa degli studenti che delle loro capacita’ di apprendimento (di entrambe le comoscenze teoriche e pratiche )

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Non vengono consigliati specifici testi (vista sopratutto la variegata tipologia di argomenti e tecniche trattate).

Ai fini della comprensione ed apprendimento degli argomenti delle lezioni si ritiene sufficiente

il materiale fornito via-via agli studenti durante il corso (materiale fotocopiato; files in Word, PDF, PowerPoint).

Tuttavia, si demanda alla discrezione dello studente l’eventuale bisogno ed utilizzo di testi di base o di testi specifici di una particolare metodica analitica e/o tecnica diagnostica; a tal fine si suggerisce comunque di consultare l’insegnante.

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

PIETRO MANFRINETTI (Presidente)

GIOVANNI PETRILLO

LEZIONI

MODALITA' DIDATTICHE

Lezioni frontali

Esercitazioni pratiche

INIZIO LEZIONI

A partire dal 2 Ottobre 2017 (I semestre)

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

Discussione sulle conoscenze basilari e fondamentali di Chimica e Chimica fisica , apprese a seguito delle Lezioni ed Esercitazioni laboratorio ed inerenti varia gamma di composti e materiali pertinenti Beni culturali.

1] discussione possibili reazioni chimiche e processi preparazione composti o di loro alterazione (ambiente riducente-ossidante, trattamenti termici)

2] relazioni Diagramma stato - stabilita' termica e termodinamica

3] metodi analitici e strumentali nella diagnostica relativa a B.C.

4] possibile prova semi-pratica di misura o determinazione

5] discussione Tesina (4-12 pagg.), nel caso questa fosse stata precedentemente proposta allo studente.

 

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

L’esame è finalizzato alla verifica del livello delle conoscenze apprese e capacita’ maturate a seguito delle Lezioni seguite ed Esercitazioni laboratorio eseguite.

L’esame e’ costituito essenzialmente da una prova orale.

La prova di esame verte in:

a] una esposizione e relativa discussione su uno o piu’ degli argomenti affrontati nel corso.

b] relazione su una Tesina, predisposta in intesa con lo studente, ed inerente una tra le principali tecniche di indagine chimico-fisica ed analitica ad utilizzo nei B.C. (sia questa una tra le tecniche gia’ considerate ed utilizzate durante il corso, sia questa differente dalle prime ma di provato o possibile utilizzo diagnostico nei B.C.

Nota: nelle modalita’ di esame, puo’ anche rientrare una breve prova teorico-pratica.  

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
25/01/2018 15:00 GENOVA Orale
15/02/2018 15:00 GENOVA Orale
14/06/2018 15:00 GENOVA Orale
21/06/2018 15:00 GENOVA Orale
28/06/2018 15:00 GENOVA Orale
05/07/2018 15:00 GENOVA Orale
05/07/2018 15:00 GENOVA Orale
27/09/2018 15:00 GENOVA Orale

ALTRE INFORMAZIONI

Una frequenza regolare alle LEZIONI è fortemente consigliata e raccomandata.

La frequenza alle ESERCITAZIONI LABORATORIO e’ indispensabile e richiesta; viene permessa la mancata presenza  ad 1 sola esercitazione (su un totale di circa 8)

[vedi ‘Modalita’ didattiche]

NOTA: gli studenti devono fornirsi di CAMICE da laboratorio chimico.