Salta al contenuto principale della pagina

EDUCAZIONE ALL'IMMAGINE (LABORATORIO)

CODICE 67651
ANNO ACCADEMICO 2017/2018
CFU 1 cfu al 1° anno di 9322 SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA (LM-85 bis) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-ART/02
LINGUA Italiano
SEDE GENOVA (SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA )
PERIODO 1° Semestre
MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

PRESENTAZIONE

Per educazione artistica si è considerato l’apprendimento delle tecniche del disegno e della pittura e quant’altro per esprimere idee e emozioni . I 5 sensi ci permettono di entrare in contatto col mondo e attraverso l’apprendimento di modalità espressive di relazionarci ad esso.

Non vogliamo oggi parlare di educazione artistica bensì di sviluppo di creatività.

Il nostro compito è quello di chiarirci come e in quale modo un bambino  impara a conoscere il mondo attraverso le immagini.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Avviare, in stretta dipendenza con gli obiettivi espressi per la disciplina, l’approccio ai beni culturali attraverso la diretta esperienza e la comprensione dei rapporti tra contenitore e contenuto. Le istituzioni museali cittadine (dimore storiche, pinacoteche) verranno utilizzate come laboratori didattici per apprendere le strategie più adatte al fine di comunicare contenuti storico-artistici e, nel contempo, stimolare l’immaginazione sugli usi e i costumi in quel determinato contesto, oggi musealizzato. Inoltre per una buona comprensione dei nessi storici e delle sequenze epocali verranno visitate alcune chiese, utilizzate per esemplificare gli espisodi decorativi in stretta connessione con i voleri della committenza e le esigenze del culto. In entrambi i contesti - il cui approccio terrà conto della diversificazione per la scuola dell’infanzia e quella primaria - saranno affrontati, in parallelo, i metodi di approccio alla lettura dell’opera d’arte e del bene culturale in genere.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Uno dei mezzi  più potenti di autorappresentazione che l’uomo abbia avuto/creato è l’immagine.

La creatività è una facoltà dell’essere vivente, fa parte del proprio DNA, è parte integrante di ognuno di noi, non esiste un essere vivente che non sia ‘creativo’, altrimenti sarebbe un essere ‘morente’.
L’arte è qualcosa di diverso, possiamo definirla come l’espressione più completa della storia dell’uomo perché ne raccoglie gli aspetti razionali del pensiero, li elabora attraverso le emozioni e li comunica su un piano spirituale.
No esiste arte senza creatività ma può senz’altro esistere creatività senz’arte.

«Il bambino gioca, disegna o dipinge in una lingua simbolica di un’antichità millenaria, nella quale anche l’adulto, consciamente o inconsciamente, attraverso tutti i tempi, in tutte le civiltà, ha dato espressione alla sua totalità.» ( Dora M. Kalff, Il gioco della sabbia,)

Porre l’attenzione al concetto ‘immagine’ disgiunto da quello di ‘arte’ ci permette di lavorare con una consapevolezza maggiore nell’ambito dell’educazione nelle scuole dell’obbligo, anche se spesso le modalità di produzione derivanti dai due concetti sono simili.

MODALITA' DIDATTICHE

Lezione frontale con mezzi audiovisivi. Visite esterne a Centri di lavoro creativo.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Attraverso lo studio e la comparazione dei segni dell’arte rupestre, il disegno infantile, l’arte della follia e la produzione artistica contemporanea mediante ci si avvierà ad una coscienza critica che ci permetterà di progettare corsi di educazione all’immagine creativa basilari per l’apprendimento e l’evoluzione dell’infanzia.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

L’ARTE DEI FOLLI E L’ARTE IRREGOLARE,G. Mangiapane, A.M. Pecci, V. Porcellana (a cura di) Arte dei margini. Collezioni di Art Brut, creatività relazionale, educazione alla differenza

Milano : Franco Angeli, 2013.

CREATIVITA' E SVILUPPO MENTALE, W. Lowenfeld, W Lambert Brittain, Ed. Giunti Barbera, Firenze 1984.

ORIGINE DELL'ARTE E DELLA CONCETTUALITA', Emmanuel Anati, Ed. Jaca Book, Milano 1988.

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

CARLO MERELLO (Presidente)

ROSSANA VITIELLO (Presidente)

LEZIONI

MODALITA' DIDATTICHE

Lezione frontale con mezzi audiovisivi. Visite esterne a Centri di lavoro creativo.

INIZIO LEZIONI

Mercoledì 4 Ottobre ore 8/10 presso aula A2

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

Orale

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
15/01/2018 14:00 GENOVA Orale La prova è orale e avverrà insieme all'insegnamento Educazione all'immagine (Laboratorio) con il prof. Carlo Merello
07/02/2018 09:00 GENOVA Orale La prova è orale e avverrà insieme all'insegnamento Educazione all'immagine (Laboratorio) con il prof. Carlo Merello
17/02/2018 09:00 GENOVA Orale La prova è orale e avverrà insieme all'insegnamento Educazione all'immagine (Laboratorio) con il prof. Carlo Merello
21/05/2018 14:00 GENOVA Orale La prova è orale e avverrà insieme all'insegnamento Educazione all'immagine (Laboratorio) con il prof. Carlo Merello
06/06/2018 14:00 GENOVA Orale La prova è orale e avverrà insieme all'insegnamento Educazione all'immagine (Laboratorio) con il prof. Carlo Merello
25/06/2018 14:00 GENOVA Orale La prova è orale e avverrà insieme all'insegnamento Educazione all'immagine (Laboratorio) con il prof. Carlo Merello
09/07/2018 14:00 GENOVA Orale La prova è orale e avverrà insieme all'insegnamento Educazione all'immagine (Laboratorio) con il prof. Carlo Merello
05/09/2018 14:00 GENOVA Orale La prova è orale e avverrà insieme all'insegnamento Educazione all'immagine (Laboratorio) con il prof. Carlo Merello
19/09/2018 14:00 GENOVA Orale La prova è orale e avverrà insieme all'insegnamento Educazione all'immagine (Laboratorio) con il prof. Carlo Merello

ALTRE INFORMAZIONI

Si valuterà il lavoro prodotto in laboratorio e a casa  sulla base delle indicazioni date dall'insegnante