Salta al contenuto principale della pagina

STATISTICA PER LA RICERCA SPERIMENTALE

CODICE 67826
ANNO ACCADEMICO 2017/2018
CFU 3 cfu al 1° anno di 9285 SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE (LM/SNT2) GENOVA

2 cfu al 1° anno di 10555 SCIENZE DELLE PROFESSIONI SANITARIE DELLA PREVENZIONE (LM/SNT4) GENOVA

SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SECS-S/02
LINGUA Italiano
SEDE GENOVA (SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE)
PERIODO 1° Semestre
MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

PRESENTAZIONE

L'insegnamento della statistica legata alla ricerca sperimentale consentirà ai laureati in scienze riabilitative di organizzare e gestire con padronanza le tecniche e le procedure del management sanitario, nel rispetto delle loro ed altrui competenze.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

La Statistica per la Ricerca Sperimentale intende fornire conoscenze di base relative alle principali analisi statistiche utilizzate nella ricerca medico biologica; in particolare lo studente dovrà conoscere gli elementi di statistica descrittiva e inferenziale, essere in grado di applicare le diverse metodologie statistiche ai dati e di individuare le eventuali relazioni esistenti tra le variabili oggetto di interesse nell’ambito della ricerca medico biologica. Lettura critica di articoli scientifici e modelli di presentazione dei risultati. La medicina sperimentale e la medicina basata sulle evidenze.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L'insegnamento della statistica legata alla ricerca sperimentale consentirà ai laureati magistrali di organizzare e gestire con padronanza le tecniche e le procedure del management sanitario, nel rispetto delle loro ed altrui competenze. In particolare lo studente dovrà essere in grado di misurare quantitativamente la diffusione di una malattia attraverso il calcolo della prevalenza e dell'incidenza, valutare l'impatto sulla salute di fattori di rischio, attraverso il calcolo del rischio attribuibile, del rischio relativo e dell'odds ratio e inoltre saper descrivere le caratteristiche i vantaggi e gli svantaggi dei principali tipi di studi epidemiologici (trasversali, di coorte, caso-controllo).

MODALITA' DIDATTICHE

Il corso viene tenuto  attraverso lezioni frontali. e lezioni teorico pratiche durante le quali saranno proposte delle esercitazioni.

PROGRAMMA/CONTENUTO

1-STATISTICA EPIDEMIOLOGICA Epidemiologia osservazionale e clinica

2-EVENTI SANITARI Popolazione e gruppi a rischio (rischio relativo)

3-STUDI SUL RISCHIO Studi osservazionali descrittivi. Studi osservazionali analitici. Studi sperimentali

4-TEST DI SCREENING E TEST DIAGNOSTICI Valutazione di sensibilità, specificità, valori predittivi. Accuratezza e precisione delle misure. Diagnosi e processo di decisione clinica


5-IL DISEGNO SPERIMENTALE DEGLI STUDI CLINICI CONTROLLATI Pianificazione. Rilevamento dei dati e sistemi informativi. Cecità e placebo. Randomizzazione. Esempi di ricerca e di relazione finale 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

P.B.Lantieri, D. Risso, G. Ravera. ELEMENTI DI STATISTICA MEDICA McGraw-Hill Libri Italia srl
Maria Grazia Valsecchi, Carlo La Vecchia EPIDEMIOLOGIA E METODOLOGIA EPIDEMIOLOGICA CLINICA Accademia Nazionale di medicina Genova

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

FILIPPO ANSALDI (Presidente)

GIORGIO SACCHI

GIAMBATTISTA RAVERA (Presidente e Coordinatore di corso integrato)

LEZIONI

MODALITA' DIDATTICHE

Il corso viene tenuto  attraverso lezioni frontali. e lezioni teorico pratiche durante le quali saranno proposte delle esercitazioni.

INIZIO LEZIONI

Si rinvia alla voce "Orario delle lezioni"

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

La verifica dell’apprendimento avviene in forma scritta nell’ambito della verifica del Corso Integrato di cui la disciplina "Statistica per la ricerca sperimentale" fa parte.

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

L’esame scritto è costituito da circa 10 test a scelta multipla tra 5 possibili risposte, un problema di epidemiologia con risposta libera e un problema che verifichi la capacità di ragionamento e di applicazione delle conoscenze acquisite e capacità di problem solving. Le risposte fornite nel compito potranno essere successivamente discusse con lo studente.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
27/03/2018 09:00 GENOVA Scritto + Orale PRENOTAZIONE ENTRO LE ORE 12 DEL GIORNO PRECEDENTE L'ESAME; ORE 9-16 PROVA ORALE (GALLO) - SEDE: AULA INFOLINGUISTICA DEL POLO ALBERTI; ORE 16-18 PROVA SCRITTA (ANSALDI), AULA 5 POLO ALBERTI
13/04/2018 09:00 GENOVA Scritto + Orale SEDE: ORE 9-16 PROVA ORALE (GALLO) - SEDE: AULA INFOLINGUISTICA DEL POLO ALBERTI; ORE 16-18 PROVA SCRITTA (ANSALDI), AULA 5 POLO ALBERTI PRENOTAZIONE: ENTRO LE ORE 12 DEL GIORNO PRECEDENTE L'ESAME
05/06/2018 14:00 GENOVA Scritto PROVA SCRITTA (ANSALDI) - sede: AULA 5 POLO ALBERTI
19/06/2018 16:00 GENOVA Scritto SOLO PROVA SCRITTA - PROF. ANSALDI ore 16-18- SEDE: AULA 5 POLO ALBERTI.
06/07/2018 09:00 GENOVA Scritto + Orale ORE 9 -16 - PROVA ORALE (GALLO) - SEDE: AULA TELEDIDATTICA PRESSO POLO BIOMEDICO
30/07/2018 09:00 GENOVA Scritto + Orale ORE 9 -16 - PROVA ORALE (GALLO) - SEDE: AULA TELEDIDATTICA PRESSO POLO BIOMEDICO
13/09/2018 16:00 GENOVA Scritto + Orale SOLO PROVA SCRITTA PROF. ANSALDI (EPIDEMIOLOGIA) - ORE 16-18 AULA A DISSAL PRENOTAZIONE ENTRO LE ORE 12 DEL GIORNO PRECEDENTE L'ESAME
14/09/2018 09:00 GENOVA Orale SOLO PROVA ORALE PROF. GALLO - ORE 9 -16 - SEDE: AULA TELEDIDATTICA PRESSO POLO BIOMEDICO PRENOTAZIONE ENTRO LE ORE 12 DEL GIORNO PRECEDENTE L'ESAME

ALTRE INFORMAZIONI

Materiale didattico viene fornito dal docente durante la lezione e messo a disposizione su Aulaweb