Salta al contenuto principale della pagina

BIOLOGIA APPLICATA ALLA DIAGNOSTICA E ALLA CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI MODULO II

CODICE 61701
ANNO ACCADEMICO 2018/2019
CFU 3 cfu al 1° anno di 9009 METODOLOGIE PER LA CONSERV. RESTAURO BENI CULTURALI (LM-11) GENOVA
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/05
LINGUA Italiano
SEDE GENOVA (METODOLOGIE PER LA CONSERV. RESTAURO BENI CULTURALI)
PERIODO 2° Semestre
MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Obiettivo del modulo 2 è quello di fornire agli studenti conoscenze sui materiali di origine animale impiegati in lavorazioni artistiche e artigianali. Saranno inoltre descritti gli organismi sia marini che terrestri, dannosi per le opere d'arte e sulle tecniche più idonee per combatterli.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

La frequenza e la partecipazione alle attività formative previste consentiranno allo studente di acquisire le conoscenze generali di Zoologia necessarie per affrontare studi nel campo della conservazione e del restauro dei beni culturali.

Nello specifico lo studente sarà in grado di:

  • Conoscere la biologia di base  dei metazoi (e.g. struttura, sistematica, ecologia) con particolare riferimento a quelli di interesse nel campo dei beni culturali
  • Conoscere le caratteristiche dei materiali artistici e artigianali di derivazione animale.
  • Conoscere il ruolo degli animali nell’espressione artistica
  • Conoscere le tecniche diagnostiche necessarie per la caratterizzazione e il riconoscimento dei metazoi con particolare riferimento a quelli di interesse nel campo dei beni culturali
  • Comprendere il ruolo dei metazoi quali biodeteriogeni dei manufatti artistici (opere pittoriche, manufatti lapidei e lignei etc)
  • Conoscere le tecniche di contenimento dei metazoi dannosi per le opere d’arte

MODALITA' DIDATTICHE

L’insegnamento si compone esclusivamente di lezioni frontali. La frequenza alle lezioni è fortemente consigliata. Le lezioni frontali in aula sono erogate mediante presentazioni multimediali. Alla fine di ogni parte del programma sono previsti test in aula di autovalutazione dell’apprendimento.

PROGRAMMA/CONTENUTO

  • Gli animali nella cultura e nell’economia delle società umane. 
  • Materiali di origine animale
  • Breve rassegna degli animali dannosi al patrimonio culturale (mammiferi, uccelli, insetti, crostacei, molluschi, anellidi, spugne) e dei principali materiali soggetti ad aggressione. 
  • Analisi in dettaglio degli insetti: morfologia, anatomia, regimi alimentari, cicli di sviluppo. Insetti che causano danni al patrimonio artistico e culturale: insetti aggressori/consumatori del legno fresco, del legno in opera e di altri materiali (carta, lana, seta, pelle, piume) e insetti che utilizzano il legno o altri materiali per la costruzione del nido. 
  • Tecniche di identificazione e diagnosi del danno e metodi di lotta contro gli insetti (mezzi meccanici, fisici, chimici e lotta biologica). 
  • Sostanze prodotte da insetti e utilizzate nel restauro.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Tutte le slides utilizzate durante le lezioni e altro materiale didattico saranno disponibili su AulaWeb al termine di ogni ciclo di lezioni.

I libro sotto indicato è suggerito come testo di appoggio, ma gli studenti possono comunque utilizzare anche altri testi di livello universitario. Il testo consigliato è disponibile e consultabile presso la biblioteca della Scuola di Scienze M.F.N.

- Chiappini E., Liotta G., Reguzzi M.C., Battisti A., Insetti e restauro: legno, carta, tessuti, pellame e altri materiali. Calderini edagricole, Bologna.
- Litta G., Gli insetti e i danni del legno: problemi di restauro. Nardini editore, Firenze.
- Caneva G., Nugari M.P., Salvadori O., La biologia nel restauro. Nardini editore, Firenze.

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

GIORGIO BAVESTRELLO (Presidente)

CARLO ALESSANDRO MONTANARI (Presidente)

LUIGI VEZZULLI (Presidente)

CARLA PRUZZO

LEZIONI

MODALITA' DIDATTICHE

L’insegnamento si compone esclusivamente di lezioni frontali. La frequenza alle lezioni è fortemente consigliata. Le lezioni frontali in aula sono erogate mediante presentazioni multimediali. Alla fine di ogni parte del programma sono previsti test in aula di autovalutazione dell’apprendimento.

INIZIO LEZIONI

26 marzo 2019

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

L'esame è orale e consiste nell'esposizione di un argomento a scelta dello studente e nella risposta a domande poste dal docente su argomenti trattati durante l'insegnamento.  Saranno disponibili 3 appelli nella sessione invernale (gennaio-febbraio) e 3 appelli nella sessione estiva (giugno, luglio, settembre).

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame e sul grado di approfondimento richiesto per ogni argomento saranno forniti nel corso delle lezioni.

L’esame orale verterà sugli argomenti trattati a lezione e avrà lo scopo di valutare non solo se lo studente ha raggiunto un livello adeguato di conoscenze, ma anche se ha acquisito la capacità di richiamare le nozioni teoriche applicandole a semplici contesti concreti. Sarà anche valutata la capacità di esporre gli argomenti in modo chiaro e con una terminologia corretta.

Calendario appelli

Data Ora Luogo Tipologia Note
25/01/2019 14:30 GENOVA Orale
13/02/2019 14:30 GENOVA Orale
13/06/2019 14:30 GENOVA Orale
04/07/2019 14:30 GENOVA Orale
25/07/2019 14:30 GENOVA Orale
13/09/2019 14:30 GENOVA Orale
26/09/2019 14:30 GENOVA Orale

ALTRE INFORMAZIONI

La frequenza costante e regolare alle lezioni è fortemente raccomandata.