Salta al contenuto principale della pagina

DIRITTO PRIVATO COMPARATO

CODICE 64926
ANNO ACCADEMICO 2021/2022
CFU
  • 12 cfu al 2° anno di 7995 GIURISPRUDENZA(LMG/01) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE IUS/02
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PROPEDEUTICITA
    Propedeuticità in ingresso
    Per sostenere l’esame di questo insegnamento è necessario aver sostenuto i seguenti esami:
    • GIURISPRUDENZA 7995 (coorte 2020/2021)
    • DIRITTO COSTITUZIONALE I 64900
    • ISTITUZIONI DI DIRITTO PRIVATO 64899
    Propedeuticità in uscita
    Questo insegnamento è propedeutico per gli insegnamenti:
    • GIURISPRUDENZA 7995 (coorte 2020/2021)
    • DIRITTO DI FAMIGLIA COMPARATO 55603
    MODULI Questo insegnamento è composto da:
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    Il corso si propone di introdurre gli studenti e le studentesse alla comparazione giuridica.

    Nel mondo attuale, infatti, la visione del e della giurista non può limitarsi al diritto interno, stante le crescenti influenze derivanti da realtà diverse da quella italiana. È dunque necessario comprendere la mentalità giuridica straniera e come negli altri Paesi vengano risolte questioni analoghe alle nostre.

    Dipartimento Lingue: mutuato il I modulo del corso di Diritto privato comparato A-L (indipendentemente dalla lettera iniziale del proprio cognome)

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    Presentazione istituzionale dei sistemi giuridici di common law e civil law. Storia giuridica delle relative aree e terminologia giuridica nel contesto antico e moderno. particolare attenzione ai termini ricorrenti negli strumenti normativi dell’Unione Europea o nei loro lavori preparatori.

    PREREQUISITI

    Per frazionamento M-Z: poiché, ai fini della comparazione, è necessario conoscere il diritto privato interno, si consiglia il ripasso dei capitoli del manuale di Istituzioni di diritto privato relativi agli istituti che saranno analizzati in prospettiva comparatistica.

     

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    ANDREA FUSARO (Presidente)

    MAURO GRONDONA

    FRANCESCA BRUNETTA D'USSEAUX (Presidente Supplente)

    ELENA ANNA GRASSO (Presidente Supplente)

    ANDREA ALBERTO BELLOLI (Supplente)

    AGOSTINO BONAVERA (Supplente)

    MARIA BENEDETTA CAROSI (Supplente)

    FRANCO LONGO (Supplente)

    FRANCESCA BRUNETTA D'USSEAUX (Presidente)

    UMBERTO DE MAGISTRIS

    ELENA ANNA GRASSO (Presidente Supplente)

    ALESSANDRO CAPROTTI (Supplente)

    MATTEO PATRONE (Supplente)

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    I semestre dal 14 settembre al 4 dicembre 2020
    II semestre dal 15 febbraio al 7 maggio 2021

    Orari delle lezioni

    L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    Frazionamento A-L

    L'appello di dicembre 2021 si svolgerà a distanza su piattaforma teams (le indicazioni verranno comunicate agli iscritti all'appello via mail, il giorno antecendete l'appello stesso)  

    Laurea Magistrale in Giurisprudenza

    Gli studenti e le studentesse frequentanti sosterranno due verifiche scritte a risposta aperta; la prima a dicembre 2021 e la seconda a maggio 2022. L’esame avrà ad oggetto il programma svolto durante le lezioni, comprensivo degli approfondimenti su specifici argomenti ed integrato dai materiali che saranno utilizzati a lezione (disponibili su aulaweb). Il voto finale risulterà dalla media dei voti ottenuti nelle due verifiche con facoltà per la docente di aumentarlo in caso di particolare profitto.

    Qualora gli studenti e le studentesse frequentanti non possano o vogliano sostenere entrambe le prove scritte, si potranno presentare agli appelli previsti dal calendario del Dipartimento per sostenere l'esame oralmente, preparandosi sui testi indicati sul Manifesto per studenti e studentesse frequentanti. (Si ricorda che l'esame è unico e si sostiene in un'unica soluzione; per quanto riguarda gli studenti e le studentesse iscritti/e al secondo anno, l'esame si sostiene al termine del corso, dopo la conclusione del secondo modulo, quindi a partire dall'appello di maggio 2022).

    Sono considerati frequentanti gli studenti e le studentesse che hanno partecipato ai 2/3 delle lezioni. La frequenza sarà accertata mediante appelli periodici. La frequenza è valida sino alla sessione autunnale.

    Non frequentanti: l'esame è unico e si svolge in forma orale al termine delle lezioni di entrambi i moduli, durante le ordinarie sessioni d'esame (per quanto riguarda gli studenti e le studentesse iscritti/e al secondo anno l'esame può essere sostenuto alla fine delle lezioni, dopo la conclusione del secondo modulo, quindi a partire dall'appello di maggio 2022).

    OVE  NECESSARIO per l'alto numero di iscritti, la prova orale, sia per frequentanti, sia per non frequentanti, sarà preceduta da una breve PROVA SCRITTA (domande a risposta multipla, funzione compito di aulaweb) il cui superamento darà ACCESSO alla parte orale dell'esame stesso    

    Dipartimento di Lingue e Culture moderne

    Il programma e le modalità di esame sono quelle indicate per la Laurea Magistrale in Giurisprudenza, rispettivamente per frequentanti e non frequentanti, limitatamente al modulo I. (L’esame per gli studenti e le studentesse frequentanti consisterà in un'unica prova scritta che si svolgerà alla fine del primo semestre (dicembre 2021)).

    N:B:  Gli studenti e le studentesse non frequentanti, sia della Laurea Magistrale in Giurisprudenza, sia afferenti al Dipartimento di Lingue e Culture moderne  devono, per sostenere l’esame, iscriversi preventivamente (entro il termine di 5 g prima dell’appello), con le modalità telematiche predisposte e regolate dall’Ateneo.

     

    Frazionamento M-Z

    L'esame è unico e si svolge in forma orale al termine delle lezioni di entrambi i moduli, durante le ordinarie sessioni d'esame.

    N.B. Sono considerati frequentanti gli studenti che hanno partecipato ai 2/3 delle lezioni nella loro totalità.

    La frequenza sarà accertata mediante appelli periodici.

    La frequenza è valida sino alla sessione autunnale del successivo anno accademico.

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    L'esame valuterà se lo studente abbia acquisito la conoscenza dei principali tratti caratteristici degli ordinamenti analizzati. Verificherà anche se lo studente abbia acquisito la proprietà del linguaggio tecnico giuridico specifico dell'insegnamento e abbia la capacità di orientarsi rispetto alle fonti del diritto oggetto di analisi durante le lezioni. Si verificherà infine la capacità di correlare i diversi argomenti trattati.