Salta al contenuto principale della pagina

STORIA DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI

CODICE 57026
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 10 cfu al 3° anno di 8768 SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE (L-36) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SPS/06
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 1° Semestre
    PROPEDEUTICITA
    Propedeuticità in ingresso
    Per sostenere l’esame di questo insegnamento è necessario aver sostenuto i seguenti esami:
    • SCIENZE INTERNAZIONALI E DIPLOMATICHE 8768 (coorte 2020/2021)
    • STORIA CONTEMPORANEA 57036
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    Il corso studia la storia delle relazioni internazionali nel Novecento e nel nuovo millennio, dedicando particolare attenzione alle origini, allo sviluppo e alla fine della guerra fredda, nonché all'evoluzione del sistema internazionale nel decennio post-guerra fredda.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    L'insegnamento ha l'obiettivo di fornire agli studenti adeguate conoscenze metodologiche e culturali in ambito internazionale ed europeo, prestando particolare attenzione al passaggio dal sistema internazionale della guerra fredda al nuovo ordine internazionale del XXI secolo.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

     Al termine dell'insegnamento lo studente dovrà:

    • comprendere le dinamiche che hanno caratterizzato il sistema internazionale nel Novecento;
    • applicare le conoscenze acquisite agli eventi attuali, ovvero, analizzare le attuali dinamiche internazionali utilizzando gli strumenti forniti dall'insegnamento come chiave di lettura; 
    • sviluppare un giudizio critico sulle dinamiche internazionali del XX secolo ed essere in grado di analizzare criticamente le dinamiche internazionali attuali;
    • accrescere le proprie abilità comunicative, sia in forma scritta (prova scritta riservata ai frequentanti) sia in forma orale avvalendosi di un lessico adeguato (attraverso lezioni seminariali, presentazione di tesine in aula e discussioni in classe)
    • sviluppare la propria capacità di apprendimento, attraverso le lezioni frontali, la discussione in classe e lo studio dei testi di riferimento. 

     

     

     

    PREREQUISITI

    Lo studente deve avere già sostenuto gli esami di Storia Moderna e Storia Contemporanea

    MODALITA' DIDATTICHE

     

    Salvo decisioni diverse prese dall’Ateneo, il corso si svolgerà in presenza, con lezioni frontali. Per partecipare alle lezioni in presenza, gli studenti dovranno seguire le regole di volta in volta indicate sul sito dell’Ateneo e sul sito del Dipartimento.

     

     

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    Il corso affronta la storia delle relazioni internazionali dal 1900 a oggi. Alla parte introduttiva, dedicata all’illustrazione delle linee di continuità e discontinuità nel passaggio dall’Otto al Novecento, seguirà l’analisi dei principali momenti di svolta del Novecento: la fine della I guerra mondiale, la formazione del sistema di Versailles, il periodo tra le due guerre, l'ascesa del nazismo e lo scoppio della II Guerra mondiale, l’evoluzione del sistema internazionale nei blocchi contrapposti della guerra fredda, il processo di decolonizzazione, le crisi in Medio Oriente, la fine della guerra fredda e la ricerca di un nuovo ordine internazionale.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

     Gli studenti frequentanti e non frequentanti dovranno riferire all'esame su: A. Varsori, Storia internazionale dal 1919 a oggi, Bologna, il Mulino, 2019.

    Gli studenti non frequentanti dovranno riferire all'esame anche su uno dei seguenti volumi a loro scelta: M. Del Pero, Era Obama. Dalla speranza del cambiamento all'elezione di Trump, Milano, Feltrinelli, 2017 M.E. Guasconi, Prove di politica estera: la Cooperazione Politica Europea, l'Atto Unico Europeo e la fine della guerra fredda, Milano, Mondadori Università, 2020; T.G. Fraser, Il conflitto arabo-israeliano, Bologna, il Mulino, vari anni di ed.; M.K. Hall, La guerra del Vietnam, Bologna, il Mulino, 2007.

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    MARIA ELEONORA GUASCONI (Presidente)

    LUCA BARBAINI

    GUIDO LEVI (Supplente)

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    I Semestre il 27 settembre 2022

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    L'apprendimento è valutato mediante una prova orale della durata di 15-20 minuti che verterà su tutto il manuale; gli studenti non frequentanti dovranno anche riferire su uno dei testi a scelta.

    Gli studenti frequentanti avranno la possibilità di fare una prova scritta che si svolgerà sulla prima parte del programma: dalla Conferenza di Parigi alla nascita del Patto di Varsavia nel 1955 (pp. 19-192) e di presentare delle tesine in aula su un argomento trattato durante il corso e concordato con la docente, la cui valutazione farà parte del voto finale. 

     

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

     La Commissione è designata dal Consiglio di Dipartimento e presieduta dai docenti titolari del corso.

    La valutazione consiste in un esame orale di circa 20 miunti e si basa prioritariamente sulla conoscenza della materia. Sono valutate anche la capacità espositiva, l’utilizzo corretto del lessico specialistico e la capacità di approccio critico alle tematiche studiate durante il corso.

     

    Calendario appelli

    Data Ora Luogo Tipologia Note
    16/12/2022 10:00 GENOVA Orale
    17/01/2023 10:00 GENOVA Orale
    07/02/2023 10:00 GENOVA Orale
    23/05/2023 14:30 GENOVA Orale
    13/06/2023 14:30 GENOVA Orale
    11/07/2023 14:30 GENOVA Orale
    05/09/2023 14:30 GENOVA Orale

    ALTRE INFORMAZIONI

    La docente inserirà materiale didattico e tutte le slide presentate a lezione su aulaweb.

    Si consigliano gli studenti con certificazione di DSA, di disabilità  o di altri bisogni educativi speciali di contattare sia il referente 
    Prof. Aristide Canepa (aristide.canepa@unige.it), sia il docente,  all’inizio del corso, per concordare modalità didattiche e d’esame 
    che, nel rispetto degli obiettivi dell’insegnamento, tengano conto  delle modalità di apprendimento individuali e forniscano idonei 
    strumenti compensativi”.