Salta al contenuto principale della pagina

STORIA DELL'INTEGRAZIONE EUROPEA

CODICE 75386
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 12 cfu al 1° anno di 11162 RELAZIONI INTERNAZIONALI (LM-52) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE M-STO/04
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 2° Semestre
    MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    L'insegnamento mira a fornire gli strumenti e le capacità critiche per una conoscenza approfondita della storia dell'unificazione europea e dei principi teorici che ne sono alla base, avvicinando lo studente all’uso delle fonti documentarie e alla complessità delle interpretazioni storiografiche sul tema.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    Al termine del corso lo studente è in grado di: - conoscere i processi storici che hanno portato ai primi tentativi di unificazione europea, i principi teorici che ne sono alla base, le iniziative di movimenti, partiti, forze politiche, economiche e sociali a favore dell’unità continentale dal secondo dopoguerra sino ai nostri giorni; - avere consapevolezza della dimensione storica della realtà dell’Unione Europea e delle sue possibili evoluzioni; - comprendere la storiografia e le fonti dell’integrazione europea; - elaborare paper di approfondimento su temi specifici.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    Al termine delle lezioni lo studente:

    * conosce le nozioni storiche approfondite sulla storia dell'integrazione europea dal 1945 a oggi;

    * ha appreso i cenni sulla storia dell'idea d'Europa;

    * possiede una conoscenza diretta delle fonti documentarie e orali sulla storia dell'integrazione europea;

    * possiede una conoscenza delle diverse tendenze storiografiche sul tema;

    * ha la capacità di applicare una metodologia che consenta di preparare e presentare paper specifici, sulla base di una ricerca individuale sulle fonti storiche:

    * ha gli strumenti adeguati ad analizzare e comprendere la complessità dell'Unione Europea, tra spinte nazionali e integrazione sovrannazionale, che possano essere concretamente utilizzati per preparare dossier con proposte innovative su temi di attualità.

    PREREQUISITI

    Conoscenza della storia contemporanea.

    MODALITA' DIDATTICHE

    Le lezioni sono frontali e la frequenza è consigliata. Uno studente è considerato frequentante con la partecipazione al 70% delle lezioni.

    Gli studenti frequentanti potranno essere coinvolti nella simulazione di una riunione di un'istituzione della UE o di un organismo sovranazionale europeo.

    Durante il corso verranno organizzati e consigliati seminari tematici di approfondimento su temi di attualità del processo d'integrazione europea.

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    PROGRAMMA

    Radici dell’Europa. Un’Europa in movimento

    L’idea d’Europa nella storia

    La svolta di fine 700

    Caratteri e principali figure dell’europeismo ottocentesco

    La prima guerra mondiale e la Società delle Nazioni. La critica di Einaudi alla SdN

    Progetti, movimenti, idee di unificazione europea nell’Europa tra le due guerre

    Il Piano Briand

    Il progetto Monnet di Unione franco-britannica

    Idea d’Europa e progetti di costituzione europea nella seconda guerra mondiale e nell’immediato dopoguerra

    I movimenti per l’unità europea

    L’Europa all’avvio della guerra fredda

    Strategie per l’unificazione europea

    Jean Monnet e Altiero Spinelli

    L’atteggiamento americano nei confronti dell’unificazione europea: dal periodo tra le due guerre al Piano Marshall

    L’OECE

    Il Patto di Bruxelles

    Il Congresso dell’Europa dell’Aja

    Il Consiglio d’Europa

    Il Piano Schuman

    La CECA

    La CED

    I padri fondatori dell’Europa: Alcide De Gasperi, Konrad Adenauer, Robert Schuman, Paul-Henri Spaak

    L’art. 38 della CED e il progetto di Comunità politica europea

    L’Assemblea ad hoc

    Dalla caduta della CED all’UEO

    I Trattati di Roma

    La PAC

    L’Italia nella CEE e il suo ingresso nello SME: 1958-1978

    La politica europea di De Gaulle. I Piani Fouchet e la crisi della sedia vuota

    La proposta Kennedy di equal partnership del luglio 1962

    L’Europa tra la fine degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta e il contesto internazionale

    Gli allargamenti della CEE/UE

    La crisi del sistema di Bretton Woods

    La Conferenza dell’Aja e il rilancio del processo d’integrazione: compimento, allargamento, approfondimento

    I primi progetti di unificazione monetaria. Il Piano Werner

    Il Serpente monetario

    Lo SME

    Dalle elezioni dirette del PE al progetto Spinelli

    L’Atto Unico europeo

    Il Trattato di Maastricht e il ventennio costituzionale

    L’ingresso dell’Italia nell’Unione monetaria

    Il Trattato di Nizza

    La dichiarazione di Laeken e il trattato costituzionale

    Il Trattato di Lisbona

    L’euroscetticismo

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Testi consigliati

    - U. MORELLI, Storia dell’integrazione europea, Milano, Guerini, 2011

    - D. PREDA, Alcide De Gasperi: European Founding Father, Brussels, Peter Lang, 2017

    Inoltre:

    - Corrado Malandrino, Stefano Quirico, L’idea di Europa. Storie e prospettive, Carocci, 2020

    Gli studenti non frequentanti dovranno inoltre riferire su uno dei seguenti volumi:

    Matteo Antonio Napolitano, Verso l’Europa unita. Il percorso politico-istituzionale di Giulio Bergmann, Roma, Aracne, 2020.

    Francesco Bonini, Sandro Guerrieri (a cura di), Le Costituzioni degli altri. La Carta italiana in un quadro globale

    Lara Piccardo, Dalla Patria all’Umanità. L’Europa di Giuseppe Mazzini, Bologna, Il Mulino, 2020

    Giorgio Grimaldi, I Verdi italiani e l’Europa. Il Sole che ride dagli albori all’azione nel Parlamento europeo (1978-2009), Bologna, Il Mulino, 2020

    Giorgio Grimaldi, I Verdi in Germania. L’ecologia in politica dai movimenti all’Europa, Pavia, Collana del Jean Monnet Interregional Centre of Excellence, 2020

    Raffaella Cinquanta, Partigiani di tutta Europa, unitevi!”. L’ideale dell’Europa unita nelle riviste clandestine della Resistenza italiana, Bologna, Il Mulino, 2020

    Euroscepticisms. Resistance and Opposition to the European Community/European Union, a cura di Guido Levi e Daniela Preda, Bologna, Il Mulino, 2018

    Daniela Preda, Alcide De Gasperi: European Founding Father, Brussels, Peter Lang, 2017

    Guido Levi, L’europeismo ai tempi della Costituente, Padova, Cedam, 2020

    Gli studenti Erasmus dovranno presentare una relazione di approfondimento su un tema a loro scelta e riferire su uno dei seguenti volumi:

    U. MORELLI, L’Unione europea. Storia, istituzioni, politiche, Loescher 2007

    S. PISTONE, L'integrazione europea. Uno schizzo storico, UTET, 1999.

    W. LOTH, Building Europe, a history of European integration, Berlin, de Gruyter, 2015

    M. T. BITSCH, Histoire de la construction européenne, Ed. Complexe, 1999

    DOCENTI E COMMISSIONI

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    II semestre, febbraio/marzo 2023.

     

    Orari delle lezioni

    L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    L'esame mira ad accertare la conoscenza adeguata dei temi oggetto del corso e la sua durata varia, modulandosi rispetto ai singoli casi, in modo da permettere tale verifica. L’esame è orale e prevede domande sia sulla parte istituzionale che su quella monografica. Gli studenti frequentanti, durante il Corso, dovranno preparare dossier e presentare relazioni orali, che rientreranno nella valutazione complessiva. Gli studenti non frequentanti dovranno approfondire un tema a scelta attraverso la lettura di un volume tra quelli pubblicati su questa scheda insegnamento e su aulaweb.

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    La Commissione è designata dal Consiglio di Dipartimento e presieduta dal docente titolare del corso. La valutazione è basata principalmente sulla conoscenza della materia, ma anche sulla qualità dell'esposizione, l'utilizzo corretto del lessico specialistico e la capacità di ragionamento critico sullo studio realizzato.

     

    ALTRE INFORMAZIONI

    Si consigliano gli studenti con certificazione di DSA, di disabilità o di altri bisogni educativi speciali di contattare sia il referente Prof. Canepa, sia il docente all’inizio del corso per concordare modalità didattiche e d’esame che, nel rispetto degli obiettivi dell’insegnamento, tengano conto delle modalità di apprendimento individuali e forniscano idonei strumenti compensativi.