Salta al contenuto principale della pagina

PSICOLOGIA DEL TURISMO

CODICE 83684
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 12 cfu al 2° anno di 9912 SCIENZE DEL TURISMO: IMPRESA, CULTURA E TERRITORIO(L-15) - IMPERIA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE M-PSI/01
    SEDE
  • IMPERIA
  • PERIODO 2° Semestre
    MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    L'insegnamento si propone di evidenziare alcuni temi della psicologia che possono risultare utili da un lato per comprendere le esigenze delle diverse tiplogie di turista, dall'altro per attuare una corretta ed efficace comunicazione turistica. Temi quali la percezione, i processi di pensiero, le emozioni, le caratteristiche di personalità, i processi comunicativi verranno declinati in riferimento alle competenze psicologiche  che il laureato in Scienze del turismo dovrebbe conseguire nell'insegnamento della sua formazione per individuare al meglio le esigenze della potenziale clientela, predisporre pacchetti diversi a seconda del tipo di turista, comunicare efficacemente l'offerta predisposta.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    L'insegnamento ha come obiettivi principali:

    • rendere lo studente capace di affrontare le tematiche inerenti i vari aspetti del turismo attraverso uno “sguardo antropologico”.
    • prendere coscienza dello stretto rapporto intercorrente tra l’umano e il suo ambiente.
    • fornire gli elementi di base relativi ad alcuni temi di ricerca in psicologia strettamente connessi con gli argomenti affrontati dalla psicologia del turismo.

    Risultati di apprendimento attesi

    • Conoscenza e comprensione Gli studenti devono acquisire adeguate conoscenze e un'efficace capacità di comprensione dei fondamenti della antropologia e della psicologia che risultino rilevanti per la costruzione e comunicazione dell’offerta turistica.
    • Capacità di applicare conoscenza e comprensione Gli studenti devono essere in grado di applicare le conoscenze acquisite e di comprendere e risolvere problemi riferiti alla progettazione di offerte turistiche declinate in funzione di target specifici.
    • Autonomia di giudizio Gli studenti devono saper utilizzare sia sul piano concettuale che su quello operativo le conoscenze acquisite con autonoma capacità di valutazione e con abilità nei diversi contesti applicativi.
    • Abilità comunicative Gli studenti devono acquisire il linguaggio tecnico tipico delle discipline per comunicare in modo chiaro e senza ambiguità con interlocutori specialisti e non specialisti.
    • Capacità di apprendimento Gli studenti devono sviluppare adeguate capacità di apprendimento che consentano loro di continuare ad approfondire in modo autonomo le principali tematiche delle discipline soprattutto nei contesti lavorativi in cui si troveranno ad operare.

    MODALITA' DIDATTICHE

    Frequenza di almeno il 65% delle lezioni. [nel caso non sia possibile, per motivi sanitari, svolgere le lezioni in presenza le stesse verranno erogate a distanza in modalità streaming]

     Utilizzo di slide e materiali disponibili sul sito di AulaWeb. Impiego di strumenti come Wooclap e/o H5P per esercitazioni in classe

    Si consigliano gli studenti con certificazione di DSA, di disabilità o di altri bisogni educativi speciali di contattare il/la docente all’inizio del corso per concordare modalità didattiche e d’esame che, nel rispetto degli obiettivi dell’insegnamento, tengano conto delle modalità di apprendimento individuali e forniscano idonei strumenti compensativi.

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    Psicologia del turismo: Verranno impartiti i fondamenti della percezione, dell’attenzione, della motivazione, della presa di decisione e del benessere psicologico. Le conoscenze di base verranno declinate negli ambiti applicativi della psicologia del turismo quali la formulazione dell’offerta turistica, l’attenzione alle caratteristiche di alcuni target di interesse specifico, quali i “senior”, nel predisporre iniziative/itinerari/attrazioni volti ad incrementare e rendere competitiva l’offerta proposta.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Psicologia del turismo:

    1. Amoretti G., Varani N. Psicologia e geografia del turismo. Dai motivi del turista all’elaborazione dell’offerta, Libreriauniversitaria.it Edizioni, Padova, 2016 [parte I e parte III]

    2. Albanese A., Cristini C. (a cura di) Psicologia del turismo: prospettive future. Franco Angeli, Milano, 2007 [cap. 7,8,9,13,14,18,19]

     

    Articoli e materiali integrativi potranno essere resi disponibili sul sito Aula Web del corso

    DOCENTI E COMMISSIONI

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    Sem: II

    27 febbraio 2023

    N.B.: Per essere informati su possibili cambiamenti di orario del ricevimento, per avere accesso ai materiali del corso e per iscriversi alla verifica riservata ai frequentanti è necessario iscriversi al corso in parola sul portale  Aula Web

    Orari delle lezioni

    PSICOLOGIA DEL TURISMO

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    2 prove scritte, un test a scelta multipla e una simulazione di colloquio con potenziali clienti, entrambe svolte in AulaWeb.

    Si consigliano gli studenti con certificazione di DSA, di disabilità o di altri bisogni educativi speciali di contattare il/la docente all’inizio del corso per concordare modalità didattiche e d’esame che, nel rispetto degli obiettivi dell’insegnamento, tengano conto delle modalità di apprendimento individuali e forniscano idonei strumenti compensativi.

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    Psicologia del turismo: prova scritta (test a scelta multipla al computer su Aula Web) al termine del corso che verte sui testi 1 e 2 e su quanto detto a lezione e non contemplato dai testi. Chi supera il test può affrontare una prova di decisione basata sulla simulazione di un colloquio con dei potenziali clienti di un'agenzia turistica. La media dei voti ottenuti nelle due prove scritte rappresenta il voto finale. Il programma "ridotto" è valido solo per verifica di fine corso e appelli estivi. A partire dall'appello di settembre viene meno la distinzione fra frequentanti e non frequentanti.

    Psicologia del turismo: è consentito sostenere l’esame per un massimo di 5 volte oltre la verifica di fine corso. Il mancato superamento dell’esame al quarto e al quinto tentativo comporta la registrazione dell’esito negativo e, conseguentemente, l’impossibilità di sostenere l’esame nell’a.a. 2022-23. Lo studente che incappi in questa eventualità potrà sostenere nuovamente l’esame nell’a.a. 2023-24.

    Non è previsto alcun salto d’appello.

    ALTRE INFORMAZIONI

    Informazioni aggiuntive per gli studenti non frequentanti

    Modalità didattiche

     

     

    Psicologia del turismo: apprendimento individuale; materiali didattici su Aula Web.

    Testi di studio

    Psicologia del turismo:

    1. Amoretti G., Varani N. Psicologia e geografia del turismo. Dai motivi del turista all’elaborazione dell’offerta, Libreriauniversitaria.it Edizioni, Padova, 2016 [parte I e parte III]

    2. Albanese A., Cristini C. (a cura di) Psicologia del turismo: prospettive future. Franco Angeli, Milano, 2007 [cap. 7,8,9,13,14,18,19]

    3. Amoretti A., Varani N. Viaggiare nella Terza Età. Casi ed esperienze di turismo senior, Carocci, Roma, 2013.

    Modalità di accertamento

    Psicologia del turismo: prova scritta (test a scelta multipla al computer su Aula Web) che verte sui testi 1, 2 e 3. Chi supera il test può affrontare una prova di decisione basata sulla simulazione di un colloquio con dei potenziali clienti di un'agenzia turistica. La media dei voti ottenuti nelle due prove scritte rappresenta il voto finale. 

    Ripetizione dell’esame

    Psicologia del turismo: è consentito sostenere l’esame per un massimo di 5 volte. Il mancato superamento dell’esame al quarto e al quinto tentativo comporta la registrazione dell’esito negativo e, conseguentemente, l’impossibilità di sostenere l’esame nell’a.a. 2022-23. Lo studente che incappi in questa eventualità potrà sostenere nuovamente l’esame nell’a.a. 2023-24.

    Non è previsto alcun salto d’appello