Salta al contenuto principale della pagina

STORIA DELLE TECNICHE PITTORICHE

CODICE 84648
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 6 cfu al 1° anno di 9009 METODOLOGIE PER LA CONSERV. RESTAURO BENI CULTURALI(LM-11) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-ART/04
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 2° Semestre
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    Il corso prende in considerazione le tecniche pittoriche in relazione alle fonti storiche e alla loro applicazione pratica.

    Saranno esaminate le tecniche esecutive in relazione al supporto, alle differenti modalità di preparazione e alla componente pigmento-legante.

    Il corso include una panoramica teorica e pratico-applicativa sulla diagnostica per immagine.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    L'insegnamento si prefigge di fornire informazioni sui materiali pittorici impiegati dal Medioevo al Settecento, sul loro comportamento e la loro storia, nonché sui procedimenti esecutivi utilizzati su supporti sia mobili che murari. L'intento è quello di rendere consapevoli gli allievi della necessità della conoscenza dei materiali e dei procedimenti tecnici per giungere a più approfondite conoscenze storiche ed impostare correttamente la conservazione dei dipinti. Le lezioni teoriche sono tenute mediante l'uso di piattaforme digitali di comunicazione e di condivisione, garantendo l'interazione tra docente e allievi e fornendo mediante la condivisione schermo slide e materiali visivi o testuali. La componente pratica e applicativa delle tecniche di acquisizione multispettrale sarà eseguita mediante costruzione di un set di riferimento ripreso mediante web e con la condivisione in diretta dello schermo durante la fase di uso di programmi specifici per la colorcorrezione dei dati e per lo sviluppo di tecniche computazionali (fotogrammetria 3d, RTI, immagini sferiche). Gli allievi utilizzeranno la loro strumentazione personale (ove presente) in parallelo al set di riferimento, potendo prendere dimestichezza con le tecniche di imaging condotte con procedure professionali.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    Si prevede la frequenza di lezioni frontali partecipate attraverso l'osservazione e l'analisi pratica di casi di studio e la partecipazione ad attività di acquisizione diagnostica sul campo (laboratorio, set esterni e museali).
    La prima componente fornirà gli strumenti teorici e tecnici per il riconoscimento e la discriminazione delle tecniche esecutive, in relazione a processi storici e stilistici e alla compatibilità chimico fisica di materialiad uso pittorico in relazione al supporto e alla prassi esecutiva.
    La seconda parte fornirà la capacità di lettura intepretativa di dati di immagine sia di repertorio sia acquisiti e autoprodotti dagli allievi stessi, attraverso l'attrezzatura specifica fornita del docente. 
    Gli allievi dovranno acquisire capacità pratico esecutive nel trattamento delle immagini, finalizzate alla studio delle opere pittoriche sia dal punti di vista storico-tecnico,diagnostico e stilistico. Si affronteranno tecniche di imaging di primo livello (fotografia, radenza e transilluminazione, riflettografia in infrarosso e in UV, fluorescenza ultravioletta, falsi colori) e avanzate (tecniche computazionali, RTI e fotomodellazione). Tra gli obiettivi formativi si include leggere, comprendere interpretare riassumere, discutere e produrre testi avanzati e articoli di ricerca riguardanti i beni culturali sia in italiano che in inglese; l’allievo dovrà identificare la significatività dei beni culturali, classificandoli e collocandoli nel contesto storico-artistico di riferimento. Gli allievi dovranno sapere applicare metodi, materiali, misure e tecniche per la caratterizzazione e avere contezza pratica delle metodologie relative al recupero, la conservazione, il restauro e la valorizzazione dei beni culturali in correlazione alle tematiche dell’insegnamento; valutare problematiche di conservazione dei beni culturali nel loro contesto e assumere la responsabilità scientifica della diagnosi, prima e durante l'intervento di conservazione, oltre alle necessarie verifiche e prove di collaudo.L’allievo dovrà maturare autonomia di giudizio, individuando e analizzando criticamente metodi, materiali, misure e tecniche per il recupero, la conservazione, il restauro e la valorizzazione dei beni culturali, reperendo e vagliando fonti di informazione e bibliografiche: ciò sarà propedeutico e formativo nell’ottica della produzione di relazioni tecniche e  elaborati scritti con taglio scientifico o divulgativo (utilizzando eventualmente anche un'altra lingua dell'UE).

    PREREQUISITI

    Per affrontare efficacemente i contenuti dell’insegnamento sono consigliate le seguenti conoscenze di base : 1) conoscenze di base di storia dell'arte medievale e moderna 2)conoscenze di base di principi di chimica e fisica generale e fisica ottica.

    MODALITA' DIDATTICHE

    L’insegnamento si articola in lezioni frontali e di attività pratiche di rilievo e trattamento dei dati. 
    La frequenza alle lezioni teoriche è necesaria per al corretta comprensione delle dinamiche applicative messe in atto durante la fasedi rilievo

    Le lezioni frontali in aula sono erogate mediante presentazioni multimediali e proiezione di materiale di repertorio per l'analisi dei dati di immagine.
    Gli allievi potranno esercitarsi nella interpretazione dei dati diagnostici a supporto delle conoscentze teorico tecniche acquisite durante le lezioini frontali.

    Le esercitazioni di acquisizione pratica mirano a rendere autonomo l'allievo nell'esecuzione di una corretta documentazione finalizzata allo studio delle tecniche sia mediante procedure di primo impatto, applicabili anche con strumentazione personale, sia con tecniche avanzate (usufruendo della strumentazione fornita del docente).
    L'allievo applicherà nozioni teoriche, verificando i risultati in relazione ai casi di repertorio e producendo dati di immagine di corretta documentazione diagnosticaattraverso l'uso di strumentazione e mediante software di ampia reperibilità.

    Le esercitazioni pratiche potrenno essere effettuate sia presso le aule sia presso istituzioni museali e collezioni di accesso pubblico. Si rimanda all'istanza Aulaweb specifica dell'insegnamento per eventuali aggiornamenti a causa di variazioni della situazione sanitaria ed epidemiologica.

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    Il programma dell’insegnamento prevede la presentazione e la discussione dei seguenti argomenti:

    Introduzione alla storia delle tecniche pittoriche e teoria della disciplina;

    Introduzione ai materiali ad uso pittorico;

    Storia tecnica dei Supporti (muro, tela, tavola e casi specifici) e fonti storiche relative;

    Storia tecnica dei Pigmenti e dei leganti, lacche e coloranti e fonti storiche relative;

    Storia tecnica delle vernici e delle finiture e fonti storiche relative;

    Sistemi di diagnostica per immagine e rilievo per lo studio della tecnica esecutiva, della condizione conservativa e a supporto dell'analisti storico-stilistica;

    Teorie e tecniche di base del rilievo di immagine;

    Realizzazione del set di acquisizione.

    Correzione colore, post-poduzione del dato di immagine per singola banda e per false cromie in miscelazione digitale; sviluppo di tecniche computazionali (Reflectance transformation imaging, fotogrammetria 3d, focus stacking)

    Lettura diagnostica di casi pratici.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Tutte le slides utilizzate durante le lezioni e altro materiale didattico saranno disponibili su AulaWeb al termine di ogni ciclo di lezioni/esercitazioni di laboratorio insieme ad altro materiale bibliografico in formato pdf.
    I testi sotto indicati sono da considerare testi di consultazione, importanza prevalente hanno gli appunti di quanto presentato e discusso a lezione:

    C.Cennini, Il libro dell'arte, ed. a cura di F.Frezzato, Vicenza, Neri Pozza, 2004
    Le tecniche artistiche, a cura di C.Maltese, Milano, Mursia, 1973 o edizioni successive (capitoli pertinenti a: scultura, ceramica, stucco, vetri, smalti, disegno, incisione, pittura, mosaico, tarsie e vetrate)
    M.C.Galassi, Il disegno svelato. Progetto e immagine nella pittura italiana del primo Rinascimento, Ilisso, Nuoro, 1998                                                                              S. RINALDI, Storia tecnica dell’arte. Materiali e metodi della pittura e della scultura (secc. V-XIX), Roma 2011, pp. 13-46; 92-103; 109-161; 169-201; 239-256;                   Le tecniche artistiche, a cura di C. MALTESE, ed. cons. U. Mursia, 2014.                                                                                                                                                                                 N.Bevilacqua, L.Borgioli, I.Adrover Gracia (2010), I pigmenti nell'arte, dalla preistoria alla rivoluzione industriale, Il Prato Editore (Saonara, PD)                                       AA.VV., La fabbrica dei colori. Pigmenti e coloranti nella pittura e nella tintoria,   Bagatto Libri   ISBN: 9788877550507.   
    P.Triolo, Manuale pratico di documentazione e diagnostica per immagine per i BB.CC., Il Prato editore, Saonara (PD), 2019

    DOCENTI E COMMISSIONI

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    Consultare orario dettagliato al seguente link: https://easyacademy.unige.it/portalestudenti/

     

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    L'esame è sotto forma di prova orale.

    La prova orale consiste nella discussione di un argomento storico e teorico a scelta dello studente; a seguire sarà affrontato un argomento di tecnica esecutiva; infine sarà mostrata un'immagine diagnostica a scopo di descrizione di procedure pratiche eseguite durante il corso e di corretta interpretazione di dati di analisi. 

    La prova orale può essere sostenuta durante gli appelli pubblicati sul sito di UNIGE. Saranno disponibili 3 appelli nella sessione invernale (gennaio-febbraio) e 3 appelli nella sessione estiva (giugno, luglio, settembre). Si rimanda all'istanza Aulaweb specifica dell'insegnamento per eventuali aggiornamenti a causa di variazioni della situazione sanitaria ed epidemiologica.

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    I dettagli sulle modalità di preparazione per l’esame saranno forniti all’inizio del corso e durante lezioni.

    Lo studente dovrà essere in grado di integrare le conoscenze acquisite  durante le lezioni frontali  con le competenze acquisite nel corso delle attività di rilievo diagnostico, in relazio e a casi di repertorio.

    L’esame orale verterà sugli argomenti teorici trattati i  relazione alla corretta interpretazione dei dati sia di repertorio sia autoprodotti. Sarà  valutata la capacità espositiva, la correttezza terminologica e l'organicità.

    Calendario appelli

    Data Ora Luogo Tipologia Note
    16/01/2023 09:00 GENOVA Orale
    30/01/2023 09:00 GENOVA Orale
    13/02/2023 09:00 GENOVA Orale
    12/06/2023 09:00 GENOVA Orale
    26/06/2023 09:00 GENOVA Orale
    10/07/2023 09:00 GENOVA Orale
    11/09/2023 10:00 GENOVA Orale

    ALTRE INFORMAZIONI

    La frequenza regolare alle lezioni e alle esercitazioni di laboratorio è fortemente raccomandata.