Salta al contenuto principale della pagina

FATTORI DI RISCHIO NELL'ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO

CODICE 101052
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 12 cfu al 2° anno di 9298 TECNICHE DELLA PREVENZIONE NELL'AMBIENTE E NEI LUOGH(L/SNT4) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE MED/44
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 2° Semestre
    MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) 

    L’insegnamento si pone l’obiettivo di:

    • fornire agli studenti le nozioni base in materia di salute e sicurezza in ambito occupazionale, con particolare riferimento ai rischi occupazionali relativi ad aspetti di organizzazione del lavoro e i conseguenti effetti sulla salute;
    • fornire agli studenti una generale comprensione dell’impianto normativo in materia di salute e sicurezza sul lavoro, con particolare riferimento agli attori che costituiscono il sistema Gestione Salute e Sicurezza Nei Luoghi di Lavoro (SGSSL);
    • introdurre le tematiche relative alla individuazione delle principali mansioni e categorie di lavoratoriche possono essere esposte a fattori di rischio derivanti dall’organizzazione del lavoro; nonché alle principali misure di prevenzione da adottare;
    • far acquisire agli studenti la capacità di conoscere, valutare e comprendere le caratteristiche principali dell’organizzazione del SGSSL in azienda e le figure professionali coinvolte.

    RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI: 

    Al termine dell’insegnamento, lo studente sarà in grado di:

    • Conoscere e descrivere il documento di valutazione dei rischi;
    • Conoscere, classificare e distinguere i rischi organizzativi, potendo fornire alcuni esempi (es., lavoro a turni);
    • Descrivere e individuare le mansioni e le procedure a maggior rischio;
    • Conoscere i principali effetti sulla salute dei lavoratori; 
    • Conoscere e saper spiegare il ruolo del Medico del Lavoro per la prevenzione e tutela della salute dei lavoratori

    MODALITA' DIDATTICHE

    Lezioni frontali

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    • Aggiornamenti in tema di legislazione vigente sulla salute e sicurezza sul lavoro.
    • Il sistema Gestione Salute e Sicurezza Nei Luoghi di Lavoro (SGSSL);
    • Dovere di informazione e formazione
    • La valutazione dei rischi.
    • Il documento di valutazione dei rischi. Descrizione delle mansioni e delle procedure, individuazione delle fonti di rischio derivanti dall’organizzazione del lavoro, individuazione e piano di attuazione delle misure per la riduzione dei rischi, individuazione dei rischi residui.
    • Lavoro a turni, lavoro al videoterminale, Fattori di rischio psicosociale, rumore, vibrazioni, microclima, violenza nei luoghi di lavoro.
    • Stress lavoro correlato, burnout, mobbing, disturbi dell’adattamento. 
    • La tutela della salute: la sorveglianza sanitaria; il medico competente; la cartella sanitaria e di rischio; visite preventive e periodiche; accertamenti complementari; il giudizio di idoneità; criteri di non idoneità; provvedimenti; ricorso avverso il giudizio; registri degli esposti (rumore, amianto e cancerogeni, agenti biologici).

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Manuale di Medicina del lavoro e Igiene Industriale per Tecnici della Prevenzione - P. Apostoli e L. Alessio Piccin editore, 2010.

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    DANIELA AMICIZIA (Presidente)

    FRANCESCO D'AGOSTINI (Presidente)

    TOMMASO ARRIGO

    PAOLO LUIGI BISIO

    ALBERTO CASELLI LAPESCHI

    GUGLIELMO DINI

    PAOLO DURANDO

    ANTONELLA MADEO

    MARIELLA POPOLLA

    DANILO SCOTTO

    RICCARDO ZANELLA (Presidente e Coordinatore di corso integrato)

    LEZIONI

    Orari delle lezioni

    L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    L’esame si sostiene a livello di corso integrato. La valutazione dell’apprendimento per lo specifico insegnamento avviene tramite domande a risposta aperta.

    L’esame viene svolto in forma scritta. Lo studente dovrà rispondere, in maniera breve ed esaustiva, a tre domande a risposta aperta.

    Ad ogni domanda a cui lo studente risponde verrà attribuito un punteggio (da 18 a 30 e lode) e il voto sarà l’espressione della MEDIA ARTIMETICA derivante dalle 3 domande.

    La non risposta ad una o più delle tre domande o la non sufficienza (voto uguale o inferiore a 17) ad una o più delle tre domande comporta la non sufficienza dell’intera prova scritta.

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    L’esame è sviluppato con la finalità di valutare l’apprendimento cognitivo delle conoscenze in merito alle attuali normative in tema di salute e sicurezza sul lavoro, di conoscenze tecniche specifiche in ambito di valutazione e gestione dei rischi specifici in ambito professionale per la prevenzione e protezione delle patologie lavoro-correlate.

    Saranno, inoltre, valutate le conoscenze sia di base sia specifiche secondo i temi declinati durante le lezioni.

     

    ALTRE INFORMAZIONI

    Sarà possibile, previo accordo con i Docenti del Corso, prevedere la frequenza a gruppi per gli studenti presso le strutture assistenziali e di ricerca del Servizio di Medicina del Lavoro universitaria.