Salta al contenuto principale
CODICE 58008
ANNO ACCADEMICO 2023/2024
CFU
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/08
LINGUA Italiano
SEDE
  • GENOVA
PERIODO 1° Semestre
MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

PRESENTAZIONE

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Fornire una prospettiva antropologica della malattia e della cura. La cura in altri tempi e in altri luoghi. Persone e popoli in movimento: chi sono, di che cosa si ammalano, come possono essere curati, l’approccio transculturale. Storia ed evoluzione del rapporto medico-paziente. Etnopsichiatria: il concetto di sindrome etnospecifica.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

OBIETTIVI FORMATIVI:

  • rendere lo studente capace di affrontare le tematiche inerenti la salute, l’ambiente (biotico e abiotico), la malattia attraverso uno “sguardo antropologico”
  • prendere coscienza dello stretto rapporto intercorrente tra l’umano e il suo ambiente naturale e culturale

RISULTATI DI APPRENDIMENTO ATTESI:

  • aver acquisito adeguate conoscenze e un’efficace capacità di comprensione dei concetti espressi durante le lezioni.
  • essere in grado di applicare le conoscenze acquisite e di comprendere e risolvere problemi riferiti all’antropologia della salute in tutte le sue estensioni
  • sapere utilizzare sia sul piano concettuale che su quello operativo le conoscenze acquisite con autonoma capacità di valutazione e con abilità nei diversi contesti applicativi
  • sviluppare adeguate capacità di apprendimento che consentano loro di continuare ad approfondire in modo autonomo le principali tematiche della disciplina, soprattutto nei contesti lavorativi in cui si troveranno ad operare.

MODALITA' DIDATTICHE

Sono previste attività d'aula integrate da momenti seminariali con contributi di matrice culturale integrata, sia bioscientifica sia umanistica. In particolare spunti di riflessione intorno alla storia del pensiero medico e all'antropologia della salute e della cura.

PROGRAMMA/CONTENUTO

  • Definizione e campi di studio dell’antropologia
  • Il concetto di normalità
  • La perenne osmosi tra natura e cultura: l’esempio dei secular trends
  • Il differenziamento umano nel tempo e nello spazio
  • Disease illness, sickness
  • I concetti di salute e malattia presso popolazioni “altre”

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Guerci A, Dall’antropologia all’antropopoiesi. Breve saggio sulle rappresentazioni e costruzioni della variabilità umana. Ed. C. Lucisano, Milano, 2007

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

GIANLUCA DAMONTE (Presidente)

NICOLA GIOVANNI GIRTLER (Presidente)

CARLO PESCE (Presidente)

ANTONIO GUERCI

ROSAGEMMA CILIBERTI (Presidente e Coordinatore di corso integrato)

LEZIONI

INIZIO LEZIONI

I semestre

Orari delle lezioni

L'orario di questo insegnamento è consultabile all'indirizzo: Portale EasyAcademy

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

Esame scritto (test a risposta multipla e domande a risposta aperta).

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

L'avvenuto apprendimento della disciplina è certificato dalla capacità dello studente di padroneggiare le conoscenze sia comprendendone il senso e il significato nella prospettiva antropologica, sia dimostrando di saperle produttivamente associare e trasferire nella risoluzione di problemi pratici.

Calendario appelli

Data appello Orario Luogo Tipologia Note
20/10/2023 13:00 GENOVA Compitino
20/11/2023 13:30 GENOVA Compitino
16/01/2024 14:00 GENOVA Scritto
06/02/2024 09:00 GENOVA Scritto
28/02/2024 14:00 GENOVA Scritto
10/04/2024 14:00 GENOVA Scritto
11/06/2024 14:00 GENOVA Scritto
19/06/2024 14:30 GENOVA Scritto Aula Infolinguistica Polo Alberti
10/07/2024 14:00 GENOVA Scritto
24/07/2024 13:30 GENOVA Scritto Aula Infolinguistica Polo Alberti
17/09/2024 14:00 GENOVA Scritto
18/09/2024 14:00 GENOVA Scritto Aula Infolinguistica Polo Alberti

ALTRE INFORMAZIONI

Si consigliano gli studenti con certificazione di DSA, di disabilità o di altri bisogni educativi speciali di contattare la docente all’inizio del corso per concordare modalità didattiche e d’esame che, nel rispetto degli obiettivi dell’insegnamento, tengano conto delle modalità di apprendimento individuali e forniscano idonei strumenti compensativi.