Salta al contenuto principale
CODICE 67448
ANNO ACCADEMICO 2023/2024
CFU
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SPS/08
LINGUA Italiano
SEDE
  • GENOVA
PERIODO 2° Semestre
MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

PRESENTAZIONE

Il corso tende a dare spunti per riconoscere la notizia, le sue componenti, la sua struttura, la sua formazione e anche indicazioni sul lavoro giornalistico.

Si tratta anche di linguaggi dei diversi media (carta stampata, tv, radio, web) e, a proposito di televisione, di alcuni strumenti principali.

Legato al discorso dell'informazione si approfondisce il tema della comunicazione verso i media.

Una parte del corso tende ad approfondire format di scrittura giornalistica per i diversi media.

 

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il modulo presenta i diversi contesti in cui il fatto diventa notizia, i criteri di notiziabilità, le strategie di comunicazione, i linguaggi dei diversi media (stampa, radio, tv, web) e le attività di p.r. e di comunicazione, i ruoli e compiti degli uffici stampa dell’informazione, attraverso lezioni frontali ed attività pratiche.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il modulo presenta i diversi contesti in cui il fatto diventa notizia, i criteri di notiziabilità, le strategie di comunicazione, i linguaggi dei diversi media (stampa, radio, tv, web) e le attività di p.r. e di comunicazione, i ruoli e compiti degli uffici stampa dell’informazione, attraverso lezioni frontali ed attività pratiche.

MODALITA' DIDATTICHE

Lezioni frontali con discussione.

Interventi in aula di giornalisti e altri esponenti del mondo della comunicazione/informazione.

Esercitazioni scritte. Partecipazione a eventi/conferenze stampa

PROGRAMMA/CONTENUTO

La notizia: cos'è una notizia, cosa “fa” notizia/Le 5W/ Il fiuto e la tecnica/I criteri di scelta della notizia/Fatti, fattoidi e pseudo eventi/Le fonti di informazione/ Le agenzie di stampa e di comunicazione/La disintermediazione

 

Come si scrive un articolo: I linguaggi dei media: lingua e linguaggio/Come si scrive un  “pezzo” di cronaca/ Le tecniche per catturare il lettore/La piramide rovesciata e il lead/La struttura di una inchiesta, di un servizio, di un reportage, esempi pratici/ Come si fa una intervista/Satira

 

Esercitazioni pratiche: durante il corso gli studenti scriveranno 5/6 articoli/esercitazioni con linguaggio giornalistico che saranno valutate durante le ore di lezione: almeno due articoli di cronaca, una o due inchieste, un reportage, un comunicato stampa e lo schema di organizzazione di una conferenza stampa/Principi della comunicazione di impresa e principi di comunicazione di una società privata di comunicazione

 

La scrittura per un giornale cartaceo, per il web, l'impostazione di un servizio tv L'informazione televisiva e radiofonica/Come si distribuiscono le notizie sulle diverse piattaforme/Il giornalista e i social/ Nuovi giornalismi e innovazione: il futuro dell'informazione e dell'intermediario (il giornalista)/Il dovere della verifica/La credibilità dei giornalisti

 

Il rapporto con le fonti di informazione, tra scoop ed etica giornalistica/La disintermediazione/Notizie di una azienda editoriale/La vita in redazione/Come si organizza un evento/stampa/media/Partecipazione a evento-conferenza stampa

TESTI/BIBLIOGRAFIA

TESTI PER I FREQUENTANTI

Joseph Pulitzer, "Sul Giornalismo", Bollati Boringhieri , 2009

Virginia Di Marco, "Lezioni di giornalismo", Mursia 2015

PER I NON FREQUENTANTI

Aggiunta di un testo a scelta

 Mario  Bottaro, Metamorfosi della realtà, Ecig, 2016

Giovanni Del Giaccio "Sangue sporco. Trasfusioni, errori e malasanità", Giubilei e Regnani, 2015

DOCENTI E COMMISSIONI

LEZIONI

INIZIO LEZIONI

Il Corso si svolgerà nel secondo semestre. Inizio delle lezioni giovedì 15 febbraio dalle 17 alle 19

Lezioni giovedì 17-19, venerdì 8-10

Calendario 15, 16, 22, 23 e 29 febbraio
1, 7,  8, 21 e 22 marzo
4, 5, 11, 12, 18 e 19 aprile 
2 e 3 maggio

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

Orale con esercitazioni scritte durante il semestre

Prova scritta per chi frequenta meno del 60% delle lezioni