Salta al contenuto principale
CODICE 55596
ANNO ACCADEMICO 2024/2025
CFU
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE IUS/13
LINGUA Italiano
SEDE
  • GENOVA
PERIODO 2° Semestre
MODULI Questo insegnamento è un modulo di:

PRESENTAZIONE

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

 

Nell’ambito del Modulo 2, denominato Il Diritto internazionale privato nello Spazio UE di libertà, sicurezza e giustizia” (cod. 55596) l’insegnamento si propone – attraverso lo studio dei casi e della giurisprudenza interna, straniera, internazionale e sovranazionale – di analizzare i principali regolamenti in materia di diritto internazionale privato adottati nello Spazio UE di libertà, sicurezza e giustizia (Titolo V TFUE), con particolare attenzione al (i) principio del mutual trust alla prova della libera circolazione di atti e provvedimenti stranieri, (ii) alla “materializzazione” delle norme di conflitto a tutela di interessi individuali e collettivi, (iii) al contenzioso sulla corporate accountability (con particolare riguardo alla direttiva (UE) n. 2024/1760, del 13 giugno 2024, relativa al dovere di diligenza delle imprese ai fini della sostenibilità).

Lo studio individuale, la frequenza e la partecipazione alle attività formative proposte consentiranno a studentesse e studenti di:

·      analizzare e comprendere le regole e le dinamiche che presiedono al coordinamento delle diverse fonti (interne, sovranazionali e internazionali) destinate ad incidere sulle questioni di diritto internazionale privato;

·      identificare e comprendere le norme di diritto internazionale, sovranazionale e interno che promuovono e garantiscono l’accesso alla giustizia in materia civile, in situazioni caratterizzate da collegamenti con più ordinamenti statali, sia intra che extra-UE;

·      analizzare e comprendere le diverse tecniche che, nel settore del diritto internazionale privato, presiedono (i) all’individuazione del diritto applicabile ai apporti di diritto privato a carattere «transfrontaliero» e (ii) all’operatività, nell’ordinamento italiano, di norme giuridiche in vigore in ordinamenti stranieri, nonché di atti o decisioni adottati all’estero;

·      selezionare, collegare ed applicare le principali tecniche e norme di riferimento nelle materie sopraindicate, anche attraverso l’analisi di concrete problematiche verificatesi nella prassi e la simulazione di casi;

·      comprendere e valutare criticamente l’incidenza, nei diversi settori oggetto di analisi e riflessione, delle norme, interne, sovranazionali e internazionali poste a tutela dei diritti fondamentali;

·      leggere ed esaminare criticamente, con autonomia di giudizio, articoli scientifici nella materia del diritto internazionale privato;

·      analizzare e commentare criticamente testi di sentenze delle Corti internazionali, delle Corti di merito, di legittimità e della Corte costituzionale relative a questioni di diritto internazionale privato, estraendo da essi i principi più rilevanti alla base della materia;

·      progettare sinergie e lavori di gruppo, sviluppando le capacità di proficuo confronto con colleghe e colleghi sulle tematiche inerenti al diritto internazionale privato;

·      consolidare e rafforzare la capacità di espressione in linguaggio tecnico giuridico appropriato;

·      gestire le interazioni sociali in maniera costruttiva e con attitudine collaborativa e rispettosa di ambienti e interlocutrici/interlocutori;

·      formulare e presentare esposizioni in aula, affinando e consolidando le capacità di public speaking;

·      strutturare e produrre testi scritti a carattere giuridico, argomentando con coerenza logica e capacità critica.

MODALITA' DIDATTICHE

Il Modulo (18 ore-3 CFU) prevede (a) lezioni frontali, nel corso delle quali verranno analizzate e approfondite le tematiche di diritto internazionale privato precisate nel programma, e (b) esercitazioni guidate in aula, su materiali didattici selezionati; è programmata altresì, su base volontaria, la (c) predisposizione di tesine su temi specifici, concordati con la docente, nonché la (d) partecipazione alla Rassegna cinematografica “I diritti di tutti”, nell’ambito della quale sarà presentato a cura di studentesse e studenti almeno un film su tematiche internazionalistiche.

Saranno messi a disposizione su Aulaweb materiali normativi e di aggiornamento; per gli studenti frequentanti saranno caricati altresì i casi giurisprudenziali e altri materiali in vista delle esercitazioni e di una migliore comprensione degli argomenti trattati a lezione.

Occasionalmente potranno essere invitati a svolgere una lezione su temi di particolare interesse e attualità studiose/i ed esperte/i della materia o professioniste/i anche al fine di consentire a studentesse e studenti di acquisire maggiore consapevolezza della dimensione concreta e applicativa della materia.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Modulo 2: Il Diritto internazionale privato nello Spazio UE di Libertà, Sicurezza e Giustizia (cod. 55596)

Il Modulo 2 si propone di fornire nozioni di avanzate in materia di diritto internazionale privato (DIP), attraverso l’esame dei seguenti argomenti principali:

  • il principio del mutual trust alla prova della libera circolazione di atti e provvedimenti stranieri;
  • la  “materializzazione” delle norme di conflitto a tutela di interessi individuali e collettivi;
  • il contenzioso sulla corporate accountability (con particolare riguardo alla direttiva (UE) n. 2024/1760, del 13 giugno 2024).

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Modulo "Il Diritto internazionale privato nello Spazio UE di Libertà, Sicurezza e Giustizia" (cod. 55596).

Libri di testo e materiali di lettura per frequentanti.

Oltre al materiale didattico (articoli di dottrina, strumenti normativi e giurisprudenza) consultabile sul portale di Ateneo www.aulaweb.unige.it, si segnalano, quali testi di riferimento:

F. Mosconi, C. Campiglio, Diritto internazionale privato e processuale, vol. I, Parte generale e obbligazioni, 11a ed., UTET giuridica, Milano, 2024, cap. II (§§ 1-18) e cap. V (§§ 1-15).

Aa.Vv., Rapporti connessi alla navigazione e diritto internazionale privato (in corso di pubblicazione): cap. I (Introduzione e fonti) e cap. II (Accesso alla giustizia).

Libri di testo e materiali di lettura per gli studenti non frequentanti. Si segnalano, quali testi di riferimento:

F. Mosconi, C. Campiglio, Diritto internazionale privato e processuale, vol. I, Parte generale e obbligazioni, 11a ed., UTET giuridica, Milano 2024, cap. II e cap. V (entrambi per intero)

Aa.Vv., Rapporti connessi alla navigazione e diritto internazionale privato (in corso di pubblicazione): cap. I (Introduzione e fonti), cap. II (Accesso alla giustizia) e cap. IV (Contratti di lavoro).

____________________________________________________

Le studentesse e gli studenti in possesso di regolare certificazione di disabilità o di diagnosi DSA possono richiedere di avvalersi, durante le prove d’esame, di misure compensative (ad es. tempo aggiuntivo, mappe concettuali, modifiche nella modalità scritta/orale), seguendo la procedura indicata nelle linee guida (p. 5) pubblicate qui.

Le studentesse e gli studenti (i) in mobilità internazionale in ingresso (Erasmus o altri programmi) o che (ii) hanno optato per i corsi di International Law e European Union Law potranno preparare l’esame sul seguente testo: Alfonso-Luis Calvo Caravaca Javier Carrascosa González (eds.), European Private International Law, Editorial Comares,
 Granada (ES), 2022, capitoli I, II, XI, XII, XIII, XIV, XV, XVI e XVII.

DOCENTI E COMMISSIONI

LEZIONI

INIZIO LEZIONI

II semestre, a.a. 2024-2025

Orari delle lezioni

L'orario di questo insegnamento è consultabile all'indirizzo: Portale EasyAcademy

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

L’esame viene svolto in forma orale. A coloro che frequentano almeno i 2/3 delle lezioni è altresì offerta l’opportunità di sostenere l’esame attraverso verifiche scritte. Nelle prove scritte, senza possibilità di consultare alcun testo normativo, vengono di norma proposte 20 domande a risposta multipla (per le quali è attribuito un punteggio massimo pari a 20) e a una domanda a risposta aperta (per la quale è attribuito un punteggio massimo pari a 10), articolata in specifici sotto-quesiti. Ogni risposta esatta alle domande a risposta multipla è valutata 1/20, mentre ogni risposta errata o non fornita viene calcolata 0/20.

Le esercitazioni in aula, di cui la docente tiene conto anche ai fini della media finale, permettono di valutare lo sviluppo di competenze trasversali riguardo al lavoro di gruppo e al public speaking, anche in vista dell’attribuzione di Open Badge. L’eventuale predisposizione di una tesina, del cui esito pure si tiene conto ai fini della media finale, è finalizzata a sviluppare la chiarezza espositiva e la coerenza argomentativa nella stesura di testi scritti.

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

Tanto l’esame orale quanto l’esame scritto mirano a verificare (i) l’effettiva conoscenza e acquisizione da parte di studentesse e studenti delle nozioni teoriche trattate durante il corso, così come (ii) la loro capacità di comprendere ed applicare le norme di riferimento a specifiche tematiche e a casi pratici. Attraverso quesiti di carattere teorico generale e la proposta di casi e problemi di taglio concreto – che per chi frequenta trarranno sempre spunto dall’attività didattica svolta in aula – si verificherà se studentesse e studenti sono in grado di:

  • individuare e comprendere le regole e le dinamiche che presiedono al coordinamento delle diverse fonti (interne, sovranazionali e internazionali) destinate ad incidere sulle questioni di diritto internazionale privato;
  • identificare e comprendere le norme di diritto internazionale, sovranazionale e interno che promuovono e garantiscono l’accesso alla giustizia in materia civile, in situazioni caratterizzate da collegamenti con più ordinamenti statali, sia intra che extra-UE;
  • analizzare e comprendere le diverse tecniche che, nel settore del diritto internazionale privato, presiedono (i) all’individuazione del diritto applicabile ai apporti di diritto privato a carattere «transfrontaliero» e (ii) all’operatività, nell’ordinamento italiano, di norme giuridiche in vigore in ordinamenti stranieri, nonché di atti o decisioni adottati all’estero;
  • applicare le principali tecniche e norme di riferimento nelle materie sopraindicate, anche attraverso l’analisi di concrete problematiche verificatesi nella prassi e la simulazione di casi;
  • comprendere e valutare criticamente l’incidenza, nei diversi settori oggetto di analisi e riflessione, delle norme, interne, sovranazionali e internazionali poste a tutela dei diritti fondamentali.