Salta al contenuto principale della pagina

DIRITTO URBANISTICO

CODICE 65107
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 6 cfu al 3° anno di 7995 GIURISPRUDENZA(LMG/01) - GENOVA
  • 6 cfu al 4° anno di 7995 GIURISPRUDENZA(LMG/01) - GENOVA
  • 6 cfu al 5° anno di 7995 GIURISPRUDENZA(LMG/01) - GENOVA
  • 6 cfu al 5° anno di 7996 GIURISPRUDENZA(LMG/01) - IMPERIA
  • 6 cfu al 3° anno di 10842 SERVIZI LEGALI ALL'IMPRESA E ALLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE (L-14) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE IUS/10
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • IMPERIA
  • PERIODO 1° Semestre
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    L'insegnamento ha come oggetto i profili giuridici del governo del territorio, con particolare riferimento alla disciplina della pianificazione urbanistica e territoriale, del controllo sull’attività di trasformazione del territorio e dei rapporti fra poteri amministrativi e proprietà privata.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    Studio dei profili giuridici del governo del territorio. Partendo da una ricostruzione storica e metodologica della materia si esaminano il tema della pianificazione urbanistica nei suoi vari livelli ed il regime giuridico dell'edilizia. Il corso prende inoltre in esame le crescenti problematiche legate al diritto dell'ambiente e agli effetti della presenza umana sul territorio.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    In una prima parte, l’insegnamento  si propone di fornire agli studenti nozioni adeguate sui principi e sulle regole generali che disciplinano la materia.

    In una seconda parte, l’insegnamento approfondisce alcuni specifici aspetti della materia coinvolgendo gli studenti nella ricerca e discussione di materiali normativi e giurisprudenziali.

    • Lo studio individuale, la frequenza e la partecipazione alle attività formative proposte consentiranno allo studente di:

    • identificare, comprendere e applicare i principi che regolano la materia;
    • identificare e comprendere le forme e gli strumenti di esercizio delle funzioni e delle attività amministrative rilevanti nella materia;
    • leggere ed esaminare criticamente la normativa e le sentenze della giurisprudenza amministrativa e costituzionale riguardanti la materia;
    • esprimersi in linguaggio tecnico giuridico appropriato.

    MODALITA' DIDATTICHE

    L’insegnamento si compone di lezioni per un totale di 36 ore (pari a 6 CFU), nell’ambito delle quali saranno esposti, chiariti ed esemplificati i principi fondamentali del diritto urbanistico. L’insegnamento potrà ricomprendere attività svolte dagli studenti (individualmente o suddivisi in gruppi e con la collaborazione del docente).   

    Su aulaweb verranno inseriti materiali rilevanti per l’insegnamento (normativa urbanistica, piani territoriali). 

    Potranno essere invitati a svolgere una lezione su temi di particolare interesse e attualità studiosi ed esperti della materia o professionisti.

    Le lezioni si svolgeranno  in presenza. 

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    Evoluzione, principi e fonti del diritto urbanistico.
    Soggetti e funzioni del diritto urbanistico.
    I procedimenti di pianificazione urbanistica e territoriale, gli strumenti urbanistici, le convenzione urbanistiche, i piani sovracomunali e la tutela degli interessi differenziati.
    La proprietà e i poteri urbanistici.
    Le opere pubbliche.
    Il controllo dell’attività edilizia.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Per gli studenti frequentanti:

    URBANI, CIVITARESE MATTEUCCI, Diritto urbanistico, Organizzazione e rapporti, Giappichelli, Torino, ultima edizione.

    Capitolo II. Evoluzione e fonti del diritto urbanistico. Capitolo III. Attori pubblici e funzioni urbanistiche. Capitolo IV. La funzione di salvaguardia. Capitolo V. La funzione di disciplina sostanziale. Capitolo VI. I procedimenti di pianificazione urbanistica e territoriale. Profili generali. capitolo VII. Gli strumenti urbanistici comunali. Capitolo VIII. Le convenzioni urbanistiche. Capitolo IX. La pianificazione sovracomunale e di coordinamento e gli interessi differenziati. Capitolo X. La proprietà. Capitolo XI. Le opere pubbliche. Capitolo XIII.La funzione di controllo dell'attività edilizia. Capitolo XIV. La funzione sanzionatoria. 

    Per gli studenti non frequentanti:

    URBANI, CIVITARESE MATTEUCCI, Diritto urbanistico, Organizzazione e rapporti, Giappichelli, Torino, ultima edizione.

    Capitolo I. Nozioni generali. Capitolo II. Evoluzione e fonti del diritto urbanistico. Capitolo III. Attori pubblici e funzioni urbanistiche. Capitolo IV. La funzione di salvaguardia. Capitolo V. La funzione di disciplina sostanziale. Capitolo VI. I procedimenti di pianificazione urbanistica e territoriale. Profili generali. capitolo VII. Gli strumenti urbanistici comunali. Capitolo VIII. Le convenzioni urbanistiche. Capitolo IX. La pianificazione sovracomunale e di coordinamento e gli interessi differenziati. Capitolo X. La proprietà. Capitolo XI. Le opere pubbliche. Capitolo XII. L'urbanistica consensuale. Capitolo XIII.La funzione di controllo dell'attività edilizia. Capitolo XIV. La funzione sanzionatoria.

     

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    FABIO TIRIO (Presidente)

    PAOLA FRULIO

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    I semestre settembre-dicembre 2022
     

    Orari delle lezioni

    DIRITTO URBANISTICO

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    L’esame si svolge in forma scritta e  ha come oggetto la risposta a tre quesiti aperti su argomenti tratti da parti diverse del programma e reperibili sul manuale indicato (URBANI, CIVITARESE MATTEUCCI, Diritto urbanistico, Organizzazione e rapporti, Giappichelli, Torino, ultima edizione). Il voto è attribuito in trentesimi. Lo studente dovrà iscriversi online all'appello scelto.

     

     

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    L'esame è volto  a verificare l’effettiva conoscenza e acquisizione da parte dello studente delle nozioni fondamentali del diritto urbanistico, la capacità dello studente di identificare, comprendere e applicare i principi che regolano la materia e le forme e gli strumenti di esercizio delle funzioni e delle attività amministrative rilevanti nella materia, l'acquisizione di un appropriato lessico tecnico-giuridico. A questo proposito, parametri di valutazione saranno la qualità dell'esposizione scritta, l'uso appropriato del lessico giuridico, la capacità di ragionamento critico in relazione ai contenuti del programma dell'insegnamento.  ​