Salta al contenuto principale della pagina

DIRITTO AMMINISTRATIVO

CODICE 60910
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 9 cfu al 1° anno di 8711 SERVIZIO SOCIALE E POLITICHE SOCIALI (LM-87) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE IUS/10
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 2° Semestre
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    L'insegnamento ha come oggetto, nella prima parte, lo studio della disciplina giuridica che regola l’organizzazione e l’attività della pubblica amministrazione e, nella seconda parte, lo studio dei settori della regolamentazione dei mercati, dell’attività contrattuale e dei servizi pubblici e sociali. 

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    Il corso si propone di approfondire i principi del diritto amministrativo con particolare riferimento all'organizzazione della P.A., nonché di illustrare quest’ultima nei suoi aspetti di carattere generale e nella sua disciplina positiva e giurisprudenziale, anche con riferimento alle tematiche del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni, dei beni pubblici e delle finanze.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    In una prima parte, l’insegnamento di diritto amministrativo si propone di fornire agli studenti nozioni adeguate sui principi e sulle regole che disciplinano l’organizzazione e l’attività con specifico riferimento ai seguenti argomenti:

    • fonti del diritto amministrativo;
    • organizzazione della pubblica amministrazione ivi compresa quella relativa alle regioni e agli enti locali;
    • disciplina e gestione delle risorse della pubblica amministrazione (dipendenti pubblici; beni pubblici; risorse finanziarie);
    • procedimento amministrativo, sue fasi e ruolo svolto dal responsabile del procedimento;
    • atti e provvedimenti amministrativi, regimi amministrativi diversi dal provvedimento espresso e strumenti di controllo sulle attività economiche private;
    • vizi degli atti amministrativi e strumenti amministrativi e giurisdizionali esperibili per eliminare i vizi suddetti.

    In una seconda parte, l’insegnamento approfondisce la disciplina delle funzioni normative, di gestione e sanzionatorie esercitate dagli operatori giuridici della pubblica amministrazione, con particolare riferimento alle aree della regolamentazione dei mercati, dell’attività contrattuale e dei servizi pubblici e sociali.

    Lo studio individuale, la frequenza e la partecipazione alle attività formative proposte consentiranno allo studente di:

    • conoscere e applicare i principi che regolano l’organizzazione della pubblica amministrazione nonché comprendere le relazioni che intercorrono tra enti pubblici diversi e tra gli organi degli enti;
    • conoscere le forme e gli strumenti di esercizio delle funzioni e delle attività amministrative;
    • conoscere e utilizzare correttamente la disciplina giuridica che regola le risorse della pubblica amministrazione (dipendenti pubblici, beni pubblici, risorse finanziarie);
    • conoscere il procedimento amministrativo e le sue fasi, le attività che devono essere svolte dal responsabile del procedimento e le sue responsabilità;
    • conoscere gli istituti e gli strumenti della giustizia amministrativa;
    • esprimersi in linguaggio tecnico giuridico appropriato.

    MODALITA' DIDATTICHE

    L’insegnamento si compone di lezioni frontali, per un totale di 54 ore (pari a 9 CFU), nell’ambito delle quali saranno esposti i principi fondamentali del diritto amministrativo e discussi esempi e casi pratici. Su aulaweb verranno inseriti materiali (normative e atti amministrativi) di particolare rilevanza per l’insegnamento.

     

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    I principi e le fonti del diritto amministrativo. L’organizzazione amministrativa: Stato, enti territoriali, enti pubblici, autorità indipendenti. Le relazioni tra enti e organi. Il personale. I beni pubblici. La finanza pubblica. Il procedimento amministrativo. Il provvedimento amministrativo. I vizi degli atti amministrativi. I rimedi amministrativi e giurisdizionali avverso gli atti amministrativi. I controlli sugli atti e sulle attività e i controlli gestionali. La responsabilità civile e amministrativa della pubblica amministrazione e dei dipendenti e funzionari. La regolamentazione dei mercati. I contratti pubblici. I servizi pubblici.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Libri di testo consigliati per gli studenti frequentanti (almeno l’80% delle presenze rilevate ovvero non più di 4 assenze):

    M. Clarich, Manuale di diritto amministrativo, Il Mulino, Bologna, ultima edizione. Indicazione esatta delle pagine e degli argomenti: cap. II, La funzione di regolazione e le fonti del diritto pp. 63-104; cap. IV, Il provvedimento, pp. 165-232; cap. V, Il procedimento, pp. 233-280; cap. VI, I controlli, pp. 281-288; cap. VII, La responsabilità, pp. 289-310; cap. VIII, L’organizzazione, pp. 311-368; cap. IX, I servizi pubblici, 369-392; cap. X, Il personale, pp. 393-414; cap. XI, I beni, pp. 415-428; cap. XII, I contratti, pp. 429-452; cap. XIII, La finanza, pp. 453-470; cap. XIV, La giustizia amministrativa. Le linee generali del sistema, pp. 471-502.

    F. Trimarchi Banfi, Lezioni di diritto pubblico dell’economia, Giappichelli, Torino, 2016. Indicazione esatta delle pagine e degli argomenti: cap. V, La conformazione dei mercati, pp. 153-183.

    Numero pagine complessive: 410 circa

    Libri di testo consigliati per gli studenti non frequentanti: M. Clarich, Manuale di diritto amministrativo, Il Mulino, Bologna, ultima edizione. Indicazione esatta delle pagine e degli argomenti: cap. II, La funzione di regolazione e le fonti del diritto pp. 63-104; cap. IV, Il provvedimento, pp. 165-232; cap. V, Il procedimento, pp. 233-280; cap. VI, I controlli, pp. 281-288; cap. VII, La responsabilità, pp. 289-310; cap. VIII, L’organizzazione, pp. 311-368; cap. IX, I servizi pubblici, 369-392; cap. X, Il personale, pp. 393-414; cap. XI, I beni, pp. 415-428; cap. XII, I contratti, pp. 429-452; cap. XIII, La finanza, pp. 453-470; cap. XIV, La giustizia amministrativa. Le linee generali del sistema, pp. 471-502.

    F. Trimarchi Banfi, Lezioni di diritto pubblico dell’economia, Giappichelli, Torino, 2016. Indicazione esatta delle pagine e degli argomenti: cap. I, Forme e scopi dell’azione pubblica nell’economia, pp. 1-38; cap. II, Soggetti e strumenti dell’azione pubblica nell’economia, pp. 39-65; cap. IV, I servizi pubblici, pp.111-152; cap. V, La conformazione dei mercati, pp. 153-183; cap. VI, Il principio europeo di non discriminazione e gli obblighi dell’operatore economico pubblico, pp. 185-201.

    Numero pagine complessive: 530 circa

    Gli argomenti del programma riguardanti l'organizzazione amministrativa potranno essere preparati anche su G. Taccogna, La disciplina dell'organizzazione amministrativa, Cedam, Padova, 2019.

    L’esame potrà essere preparato anche su altri manuali di livello universitario, purché trattino gli stessi argomenti nella stessa estensione quantitativa.

     

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    FABIO TIRIO (Presidente)

    GIOVANNI ACQUARONE

    GEROLAMO TACCOGNA (Presidente Supplente)

    SILVIA BATTISTELLA (Supplente)

    PAOLA FRULIO (Supplente)

    MATTEO TIMO (Supplente)

    PIERA VIPIANA (Supplente)

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    II semestre febbraio-maggio 2023

    Orari delle lezioni

    DIRITTO AMMINISTRATIVO

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    L’esame si svolge in forma scritta e  ha come oggetto la risposta a tre quesiti aperti su argomenti tratti da parti diverse del programma e reperibili sui manuali indicati Il voto è attribuito in trentesimi. Lo studente dovrà iscriversi online all'appello scelto.

     

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    L'esame è volto  a verificare l’effettiva conoscenza e acquisizione da parte dello studente delle nozioni fondamentali del diritto amministrativo, la capacità dello studente di identificare, comprendere e applicare i principi che regolano la materia e le forme e gli strumenti di esercizio delle funzioni e delle attività amministrative rilevanti nella materia, l'acquisizione di un appropriato lessico tecnico-giuridico. A questo proposito, parametri di valutazione saranno la qualità dell'esposizione scritta, l'uso appropriato del lessico giuridico, la capacità di ragionamento critico in relazione ai contenuti del programma dell'insegnamento.  ​