Salta al contenuto principale della pagina

METODI E TECNICHE DEL SERVIZIO SOCIALE II

CODICE 65052
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 9 cfu al 3° anno di 8710 SERVIZIO SOCIALE (L-39) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE SPS/07
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 2° Semestre
    PROPEDEUTICITA
    Propedeuticità in ingresso
    Per sostenere l’esame di questo insegnamento è necessario aver sostenuto i seguenti esami:
    • SERVIZIO SOCIALE 8710 (coorte 2020/2021)
    • METODI E TECNICHE DEL SERVIZIO SOCIALE I 72635
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    L'insegnamento – sulla base di quanto previsto nella Scheda Unica Annuale ed in continuità con le altre materie dell’area disciplinare di Servizio sociale del corso – si propone di approfondire il sistema concettuale del metodo di servizio sociale attraverso l’assunzione di conoscenze scientifiche, di criteri di riferimento valoriali e di modelli applicativi di servizio sociale.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    Acquisizione critica di conoscenze e di strumenti di metodologia del servizio sociale attraverso lo studio e l’analisi della complessità e multidimensionalità del processo e della relazione d’aiuto di servizio sociale. modelli della progettazione, le tappe di un progetto, la valutazione.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    La frequenza e la partecipazione attiva alle attività formative proposte (lezioni frontali ed esercitazioni) e lo studio individuale consentiranno allo studente di:

    - conoscere le caratteristiche relative alla produzione, raccolta e gestione della documentazione

    - acquisire competenze utili per produrre documentazione professionale 

    - approfondire il concetti di assunzione di decisioni nel processo d'aiuto professionale.,

    - prendere decisioni in presenza di dilemmi etici ed in situazioni di complessità

    - considerare la dimensione psicologica dei processi decisionali

    - acquisire competenze per implementare i processi decisionali utili per la relazione d'aiuto.

    - affrontare situazioni di elevata complessità nella tutela dell'infanzia

    - affrontare situazioni di elevata complessità nel settore penale

    PREREQUISITI

    Per affrontare efficacemete i contenuti dell'insegnamento é necessario aver acquisito conoscenze di base sul metodo di servizio sociale e sulle principali tecniche, conoscere i riferimenti etici e deontologici del servizio sociale, aver acquisito elementi di sociologia generale, diritto, psicologia e metodologia della ricerca sociale.

    MODALITA' DIDATTICHE

    I temi saranno affrontati attraverso lezioni frontali, seminari ed esercitazioni (studio di caso, analisi di testi, simulazione di situazioni, relazioni scritte).

    Materiale didattico, informazioni su seminari, orari di ricevimento, eventuali modifiche di orario delle lezioni saranno trasmessi/comunicati attraverso il servizio on line d'Ateneo “Aulaweb”.

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    Il processo decisionale nella relazione d'aiuto

    - Le caratteristiche del processo decisionale

    - Specificità del processo decisionale nella relazione d'aiuto

    - aspetti metodologici in merito all'assunzione di decisioni

    - le decisioni sulla protezione

    - accompagnare le decisioni degli utenti

     

    Il processo di aiuto attraverso la documentazione professionale

    Contesti e criticità della documentazione:

    - Aspetti generali della documentazione

    - Normativa e documentazione professionale

    - Funzioni e strumenti della documentazione:

    - Documentazione e processo d’aiuto

    - Strumenti della documentazione e metodo di redazione

    - Scrivere relazioni

    - Documentazione, sistema informativo e ricerca. 

    - Forme e dimensioni di intervento nell'ambito della protezione e tutela dei minori

    - aspetti metodologici del servizio sociale in ambito penale

     

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti frequentanti
    - T. Bertotti, decidere nel servizio sociale, Carocci Faber, Roma,  (pp. 11-181)

    - G. Cellini e M. Dellavalle, Il processo d'aiuto nel servizio sociale, G. Giappichelli editore, Torino (pp. 93-237)

    Libri di testo e eventuali materiali di lettura per gli studenti non frequentan

    Decidere nel servizio sociale: metodo e riflessioni teoriche. Teresa Bertotti. Edizione Carocci, Roma edizione 2016 e successive da pagina 11 (prefazione) a pagina 183 (fino alla fine del capitolo 6).

    Il processo d’aiuto del servizio sociale: prospettive metodologiche. Giovanni Cellini e Marilena Dellavalle, Giappichelli Editore, Torino, 2015 da p. 104 a p. 114 e da p.143 a p. 236.

    Scrivere per il servizio sociale, Marina Riccucci. da p. 55 (cap. 2: l’assistente sociale che scrive) a p. 208 (cap. 3 dieci  casi per scrivere bene la documentazione di servizio sociale), Carocci 2014 e precedenti ristampe.

     

    Nota: il III capitolo del terzo libro verrà utilizzato prevalentemente per le esercitazioni

     idere nel servizio sociale: metodo e riflessioni teoriche. Teresa Bertotti. Edizione Carocci, Roma edizione 2016 e successive da pagina 11 (prefazione) a pagina 183 (fino alla fine del capitolo 6).

    Il processo d’aiuto del servizio sociale: prospettive metodologiche. Giovanni Cellini e Marilena Dellavalle, Giappichelli Editore, Torino, 2015 da p. 104 a p. 114 e da p.143 a p. 236.

    Scrivere per il servizio sociale, Marina Riccucci. da p. 55 (cap. 2: l’assistente sociale che scrive) a p. 208 (cap. 3 dieci  casi per scrivere bene la documentazione di servizio sociale), Carocci 2014 e precedenti ristampe

     

    Nota: il III capitolo del terzo libro verrà utilizzato prevalentemente per le esercitazioni

     

     

     

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    RUGGERO CAPRA (Presidente)

    FABIO CAPPELLO RIZZARELLO

    PAOLO GUIDI (Supplente)

    REBECCA MANTELLI (Supplente)

    DANIELA ROVEDA (Supplente)

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI


    II semestre dal 14 febbraio al 7 maggio 2022

    Orari delle lezioni

    L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    Per gli studenti frequentanti: al fine di verificare il raggiungimento degli obiettivi formativi dell'insegnamento l'interrogazione orale riguarderà – per tutte le aree di approfondimento trattate (processo d'aiuto e connessioni con i processi di decision making, documentazione professionale, interventi complessi nell'ambito della tutela dei minori e del settore penale) – il contenuto dei libri di testo (per le parti assegnate) e le tematiche presentate durante le lezioni. Potranno essere valutate esercitazioni scritte effettuate durante il corso. Per gli studenti non frequentanti: interrogazione orale vertrà sul contenuto di ciascuno dei libri di testo. Il docente si riserva la possibilità di effettuare parte dell'interrogazione attraverso un questionario a risposta multipla e/o con domande aperte. E’ obbligatoria la prenotazione on line agli appelli attraverso il sito di Ateneo.  Il numero di appelli é indicato nel regolamento del corso di studi e non verranno effettuati appelli straordinari. La frequenza alle lezioni é considerata valida per un anno. Materiale didattico, informazioni su seminari, orari di ricevimento, eventuali modifiche di orario delle lezioni saranno trasmessi/comunicati attraverso il servizio on line d'Ateneo “Aulaweb”.

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    I dettagli sulle modalità di preparazione per l'esame e sul grado di approfondimento per ogni argomento saranno forniti nel corso delle lezioni.