Salta al contenuto principale della pagina

SANSCRITO E LINGUISTICA INDOEUROPEA(LM)

CODICE 106808
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 6 cfu al 2° anno di 11268 FILOLOGIA E SCIENZE DELL'ANTICHITA' (LM-15) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/01
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 1° Semestre
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    Il sanscrito è la lingua fondamentale per la ricostruzione del protoindoeuropeo, dal quale discende la maggioranza delle lingue euroasiatiche oggi parlate. La comparazione fra testi in sanscrito e in altre lingue imparentate (greco, latino, antico islandese etc.) permette la ricostruzione di prototesti e di seguire la storia delle parole e dei concetti a esse collegati.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    - avviare gli studenti alla conoscenza della grammatica sanscrita, in particolare nella sua fase più antica (vedico); - favorire l’acquisizione della metodologia di base per l’analisi critica dei testi vedici e la lettura di inni e prose; - avviare una comparazione fra testi e passi selezionati con analoghi greci e latini; - tracciare la storia della cosiddetta "lingua poetica indoeuropea" in prospettiva comparatistica. L’insegnamento intende favorire l’acquisizione delle seguenti abilità, conoscenze, e competenze: - lettura e l’analisi dei testi in lingua originale; conoscere i principali momenti della letteratura indiana antica con particolare riguardo al vedismo e all'epica; - saper condurre una lettura guidata dei testi; utilizzare i dizionari sanscriti e comprenderne i criteri di lemmatizzazione; utilizzare il corpus elettronico TITUS; - approfondire, attraverso il confronto diretto e sempre in lingua originale, gli elementi comparatistici fra le tradizioni indiana, latina, greca; - saper ricostruire correttamente formule poetiche indoeuropee secondo il metodo linguistico e culturale di scuola italiana e tedesca.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    Il corso affronta dal vivo la lettura di almeno un inno in sanscrito, risalendo attraverso il testo alla grammatica indiana antica e all'etimologia dei termini più importanti.

    L'obiettivo è di fornire agli studenti gli strumenti critici e grammaticali per affrontare testi scritti in vedico e in sanscrito.

    Lo studente dovrà essere in grado di leggere correttamente le trascrizioni, riconoscere le forme flesse del nome e del verbo, ricavare le radici e individuarle sui dizionari in uso.

    PREREQUISITI

    Si richiede una buona conoscenza delle lingue classiche e si assumono come requisiti di base i fondamenti della Glottologia indoeuropea: leggi fonetiche, ripartizione dello Stammbaum, morfologia nominale e verbale.

    MODALITA' DIDATTICHE

    Lezione frontale. Partecipazione attiva degli studenti attraverso lettura in classe dei testi.

    • opzione a) Le lezioni si svolgeranno unicamente in presenza. La frequenza, sebbene non obbligatoria, è consigliata.

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    L'inno degli indovinelli: lettura di Rigveda I 164 e suoi parallelismi indoeuropei.

    Traduzione dei testi in lingua originale parola per parola con commento glottologico.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Romano Lazzeroni, La cultura indoeuropea, Bari: Laterza 1998 (disponibile presso la docente e/o a Scienze della formazione), 120 pp.

    Salvatore Monda, Anigma e Griphos. Gli antichi e l'oscurità della parola, Pisa: ETS, 2012, pp. 7-20 (Introduzione).

    Rosa Ronzitti, Ancora sull’ἀνόστεος esiodeo: membro maschile, vento di Borea, smidollato o chiocciola?, in Lumina: Studi di Linguistica Storica e di Letterature Comparate V, 2021, Roma, Aracne Edizioni, pp. 41-62.

    Saverio Sani, Grammatica sanscrita, Pisa - Roma: Serra MMXII (pagine scelte).

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    ROSA RONZITTI (Presidente)

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    Martedì 20 settembre, ore 16-18.

    Orari delle lezioni

    L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    L'esame è orale. Per superare l'esame è necessaria una soglia più che sufficiente di preparazione.

     

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    Il colloquio orale richiede la restituzione di ciò che si è appreso in classe e delle letture aggiuntive. Lo studente dovrà trascrivere e commentare parole e radici discusse a lezione.

    Calendario appelli

    Data Ora Luogo Tipologia Note
    15/12/2022 15:00 GENOVA Orale
    19/01/2023 15:00 GENOVA Orale
    09/02/2023 15:00 GENOVA Orale
    11/05/2023 15:00 GENOVA Orale
    08/06/2023 15:00 GENOVA Orale
    22/06/2023 15:00 GENOVA Orale
    20/07/2023 15:00 GENOVA Orale

    ALTRE INFORMAZIONI

    La frequenza è raccomandata vivamente. L'esame non si adatta a una preparazione da non frequentante; tuttavia, sulla base di particolari esigenze, potrà essere concordato un programma con la docente, che gli studenti non frequentanti dovranno contattare almeno un mese prima dell'esame.