Salta al contenuto principale della pagina

LETTERATURA E CULTURA POLACCA I

CODICE 55862
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 6 cfu al 1° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/21
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 1° Semestre
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    L’insegnamento introduce lo studente alla conoscenza e alla comprensione della storia e della cultura polacca nel contesto europeo, a partire dal periodo dell’Umanesimo per arrivare al Romanticismo, evidenziando somiglianze e diversità con i paesi contigui e con l’Italia

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    L’insegnamento intende avvicinare lo studente allo specifico patrimonio culturale della Polonia, alla sua storia e letteratura. Una letteratura il cui valore in epoca moderna può venir testimoniato anche dai premi Nobel a essa conferiti: Sienkiewicz (1905, il primo Nobel a un letterato slavo), Reymont (1924), Miłosz (1980), Szymborska (1996), Tokarczuk (2018), a cui si può anche, in parte, aggiungere il Nobel attribuito allo scrittore yiddish I.B Singer nel 1978.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    Al termine del corso, gli studenti debbono essere in grado di trovare un primo orientamento nello spazio culturale e geografico della Polonia e di individuarne alcune delle principali peculiarità nel contesto europeo, comprendendo la relazione che intercorre fra la struttura culturale dellla Polonia e quella di altri paesi. Lo studente avrà acquisito ovvero confermato il lessico di base necessario a definire i macrofenomeni culturali europei dall’umanesimo al romanticismo, e conoscerà una selezione in italiano di opere dei massimi rappresentanti di queste correnti in Polonia. Gli saranno inoltre noti i fondamentali momenti storici attraversati dal paese in questo lungo periodo. 

    PREREQUISITI

    Non sono necessari

    MODALITA' DIDATTICHE

     Lettura, spiegazione e commento di alcuni dei testi principali. Almeno una volta nel corso del semestre si chiederà agli studenti di preparare in piccoli gruppi di due-tre persone un breve commento su uno degli argomenti trattati e di esporlo al resto della classe.

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    Parole chiave dell’insegnamento: Umanesimo; Rinascimento; Controriforma; Barocco; Illuminismo; Romanticismo; Sarmatismo; Messianismo; Centro <> Periferia.

     

    Il programma si compone di lezioni frontali, erogate dalla docente, 

    Nel corso delle lezioni si definiranno le specificità polacche di movimenti letterari e culturali euopei come il Rinascimento, il Barocco, il Romanticismo e si studieranno, in traduzione, le opere dei maggiori rappresentanti di queste correnti: Jan Kochanowski, Mikolaj Sep Szarzynski, Adam Mickiewicz. Una particolare attenzione verrà dedicata alla definizione di Sarmatismo, Messianismo, Polonità, ovvero le tre categorie di pensiero più caratteristiche per la comprensione della cultura di questo paese.  

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    BIBLIOGRAFIA

    Il manuale obbligatorio per tutti è: “Storia della letteratura polacca” a cura di Luigi Marinelli, Einaudi 2004. Se ne leggeranno i  capitoli II (Rinascimento), VI (Adam Mickiewicz), e VII (Il romanticismo dopo l’insurrezione). Tutti  i testi, comprendenti una breve scelta di alcune delle opere più significative dal Medioevo all’inizio dell’Ottocento, verranno forniti in AULA WEB. Le letture possono venir integrate da brevi filmati

    Tutti leggeranno inoltre: Alina Nowicka-Jeżowa,“L’eco della gloria sarmatica ovvero la formazione dell'identità nazionale nella letteratura polacca antica”, pp. 72-98 , “PLIT 2007”. http://www.plit-aip.com/2007/pl_2007_099.html

     

     

    BIBLIOGRAFIA non frequentanti

    Oltre a quanto su indicato, i non frequentanti - ovvero gli studenti che non possono seguire almeno il 50% delle lezioni ‒ leggeranno:

    Introduzione agli scritti politici di Adam Mickiewicz pp 109-129

    Marina Bersano Begey (a cura di Krystyna Jaworska)

    https://plitonline.it/2013/plit-4-2013-109-129-marina-bersano-begey-krystyna-jaworska

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    LAURA QUERCIOLI (Presidente)

    KAROLINA KOWALCZE

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

     

    12 ottobre 2022

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

     

    L’esame orale permetterà di valutare la capacità dello studente di mettere in reazione fra loro i vari temi trattati nel corso del modulo. Nel corso dell’esame, che prevede domande aperte e riscontri sull’intero programma trattato, saranno valutate la qualità dell’esposizione, l’utilizzo corretto del lessico (in particolare in relazione ai movimenti letterari e alle correnti di pensiero studiate), la capacità di orientamento critico e temporale. 

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    Lo studente dimostrerà di aver assimilato il programma, di aver acquisito le conoscenze di base erogate nel corso del semestre, di essere in grado di elaborare un breve discorso sia sull'argomento a piacere che su quelli richiesti e di commentare i  testi studiati nel corso del semestre, collocandoli nel contesto storico e culturale polacco ed europeo. La frequenza e la partecipazione attiva alle lezioni non solo faciliteranno il percorso di esame ma verranno anche valutate nel punteggio finale. 

    Calendario appelli

    Data Ora Luogo Tipologia Note
    25/01/2023 09:00 GENOVA Orale aula H
    07/02/2023 09:00 GENOVA Orale aula H
    08/06/2023 09:00 GENOVA Orale aula H
    28/06/2023 11:00 GENOVA Orale aula H
    13/09/2023 11:00 GENOVA Orale aula M
    27/09/2023 11:00 GENOVA Orale aula H

    ALTRE INFORMAZIONI

    Gli studenti polachi potranno leggere i testi letterari della bibliografia in lingua originale.

    Particolari facilitazioni saranno previste per gli studenti ucraini.

    i consigliano gli studenti con certificazione di DSA, di disabilità o di altri bisogni educativi speciali di contattare la docente all’inizio del corso per concordare modalità didattiche e d’esame che, nel rispetto degli obiettivi dell’insegnamento, tengano conto delle modalità di apprendimento individuali e forniscano idonei strumenti compensativi.