Salta al contenuto principale della pagina

LETTERATURA E CULTURA POLACCA II

CODICE 61281
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 9 cfu al 2° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) - GENOVA
  • 6 cfu al ° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/21
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO Annuale
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    Insegnamento per 6 CFU: 36 ore, primo semestre

    Insegnamento per 9 CFU: 54 ore, secondo semestre

     

    L’insegnamento è suddiviso in due parti. La prima (6 CFU, 36 h) si articolerà sul tema specifico della letteratura e della guerra. Dopo un'introduzione generale basata sul volume di Alberto Casadei La guerra (Laterza, 1999) incentrato sulla rappresentazione letteraria della guerra da Omero a oggi, si esamineranno opere di autori polacchi che abbiano dedicato, in poesia o in prosa, una particolare attenzione a questo tema. 

    La seconda parte dell’insegnamento (ulteriori 18 ore, per un numero complessivo di 54 h, 9 CFU) consisterà in un riepilogo generale delle maggiori correnti letterarie e dei maggiori eventi storico-politici, dalla Giovane Polonia a oggi.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    L’insegnamento intende avvicinare lo studente allo specifico patrimonio culturale della Polonia, alla sua storia e letteratura. Una letteratura il cui valore in epoca moderna può venir testimoniato anche dai premi Nobel a essa conferiti: Sienkiewicz (1905, il primo Nobel a un letterato slavo), Reymont (1924), Miłosz (1980), Szymborska (1996), Tokarczuk (2018), a cui si può anche, in parte, aggiungere il Nobel attribuito allo scrittore yiddish I.B Singer nel 1978.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    Al termine del corso, gli studenti debbono essere in grado di orientarsi e comprendere la letteratura polacca del Novecento, in particolare per quanto riguarda le tematiche generali dell’insegnamento. Dovranno conoscere almeno nelle grandi linee la complessa storia geo-politica della Polonia del secolo scorso. Avranno inoltre acquisito una prima conoscenza delle tecniche traduttorie dal polacco in italiano e saranno in grado, tramite il lavoro di gruppo e l’ausilio di supporti on line, di effettuare semplici traduzioni da testi letterari. Saranno in grado di commentare, fornendo adeguati riferimenti storici e critici, almeno due dei testi oggetto di approfondimento 

     

    PREREQUISITI

    Aver terminato una o più annualità di letteratura polacca

    La partecipazione è anche consentita agli studenti polacchi Erasmus

    MODALITA' DIDATTICHE

     

     Lettura, spiegazione e commento di alcuni dei testi principali. Almeno una volta nel corso del semestre si chiederà agli studenti di preparare in piccoli gruppi di due-tre persone un breve commento su uno degli argomenti trattati e di esporlo al resto della classe. Prima dell’esame finale, gli studenti prepareranno una tesina scritta su un argomento a scelta fra quelli trattati, applicando con rigore le norme redazionali fornite

    PROGRAMMA/CONTENUTO

     

    Insegnamento per 6 CFU: 36 ore, primo semestre

    Insegnamento per 9 CFU: 54 ore, secondo semestre

    Parole chiave:

    Memoria/Oblio; Distruzione/Ricostruzione; Resistenza; Resistenza spirituale (Resistenza civile); Guerra e Paesaggio; Violenza; Eroismo; Patria.

    L’insegnamento è suddiviso in due parti. La prima (6 CFU, 36 h) si articolerà sul tema specifico della letteratura e della guerra. Dopo un'introduzione generale basata sul volume di Alberto Casadei La guerra (Laterza, 1999) incentrato sulla rappresentazione letteraria della guerra da Omero a oggi, si esamineranno opere di autori polacchi che abbiano dedicato, in poesia o in prosa, una particolare attenzione a questo tema. Si partirà da Józef Wittlin, il cui romanzo Il sale della terra (1935) è probabilmente l'unica grande narrazione letteraria polacca sulla Prima guerra mondiale, per arrivare a Wisława Szymborska (premio Nobel per la letteratura nel 1996) che ha dedicato dei versi alla Seconda guerra mondiale ma anche alla guerra del Vietnam, al fenomeno del terrorismo e alla distruzione delle Torri Gemelle di New York l’11 settembre 2001. Il tema consentirà di accostarsi ad alcuni dei massimi scrittori polacchi del secolo scorso e comprendere la ferita non ancora rimarginata causata alla Polonia dagli eventi del 1939-1945.

    Un'attenzione particolare sarà dedicata al fondamentale testo letterario di Miron Białoszewski Memorie dell'Insurrezione di Varsavia (1970), per la prima volta pubblicato in traduzione italiana da Adelphi nel 2021.

    Si prevede anche la visione con commento della versione italiana di tre opere cinematografiche: I dannati di Varsavia di Andrzej Wajda (1957), La passeggera di Andrzej Munk (1963), Il Pianista di Roman Polansky (2002).

     

    La seconda parte dell’insegnamento (ulteriori 18 ore, per un numero complessivo di 54 h, 9 CFU) consisterà in un riepilogo generale delle maggiori correnti letterarie e dei maggiori eventi storico-politici, dalla Giovane Polonia a oggi.

     

     

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    LETTURE OBBLIGATORIE

    MANUALE

    Storia della Letteratura Polacca a cura di Luigi Marinelli, Einaudi 2004, da p. 324 alla fine

    La restante bibliografia dettagliata sarà comunicata all'inizio dell'insegnamento, insieme alle indicazioni per gli studenti non frequentanti

    ***

     

     

    Prima di accedere all’esame, con almeno una settimana di anticipo, tutti gli studenti, frequentanti e non,  dovranno preparare una tesina, di una o due cartelle, su uno dei temi dell'insegnamento, seguendo le indicazioni del file Norme per tesi e tesine reperibile nella Pagina Docente

     

    DOCENTI E COMMISSIONI

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    Inizio ottobre 2022

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    L’esame orale permetterà di valutare la capacità dello studente di mettere in reazione fra loro i vari temi trattati nel corso del modulo. Nel corso dell’esame, che prevede domande aperte e riscontri sull’intero programma trattato, saranno valutate la qualità dell’esposizione, l’utilizzo corretto del lessico (in particolare in relazione ai movimenti letterari e alle correnti di pensiero studiate), la capacità di orientamento critico e temporale. 

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    Lo studente dimostrerà di aver assimilato il programma, di aver acquisito le conoscenze di base erogate nel corso del semestre, di essere in grado di elaborare un breve discorso sia sull'argomento a piacere che su quelli richiesti e di commentare i  testi studiati nel corso dell’insegnamento, collocandoli nel contesto storico e culturale polacco. La frequenza e la partecipazione attiva alle lezioni non solo faciliteranno il percorso di esame ma verranno anche valutate nel punteggio finale. Sarà valutata e discussa la tesina presentata prima dell'esame

     

    ALTRE INFORMAZIONI

    Gli studenti polacchi potranno leggere tutti i testi della bibliografia in lingua originale

    Sono previste particolari facilitazioni per gli studenti ucraini

    Si consigliano gli studenti con certificazione di DSA, di disabilità o di altri bisogni educativi speciali di contattare la docente all’inizio del corso per concordare modalità didattiche e d’esame che, nel rispetto degli obiettivi dell’insegnamento, tengano conto delle modalità di apprendimento individuali e forniscano idonei strumenti compensativi.