Salta al contenuto principale della pagina

ANTROPOLOGIA CULTURALE

CODICE 109176
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 9 cfu al 2° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) - GENOVA
  • 6 cfu al ° anno di 8740 LINGUE E CULTURE MODERNE (L-11) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE M-DEA/01
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 1° Semestre
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    L'antropologia culturale oggi riveste una funzione forse diversa che in passato: risulta utile a fornire chiavi di lettura trasversali e oblique rispetto alla complessità dei fenomeni attuali o almeno della maggior complessità percepita. Adottare uno sguardo "altro", una prospettiva diversa, consente di analizzare i fenomeni dell'oggi alla luce di altre narrazioni e altre visioni del mondo e a relativizzare i problemi.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    Il corso si propone di trasmettere alcuni cenni fondamentali sulla storia dell’antropologia culturale, di illustrare le metodologie di ricerca e gli strumenti utilizzati nell’indagine e infine illustrare i diversi campi di azione dell’antropologia del passato e del presente.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

     

    Creare una maggiore sensibilità nei confronti della diversità culturale. Fornire strumenti critici per analizzare la complessità che segna la nostra epoca. Fornire chiavi di lettura diverse della lettura della società occidentale.

    Al termine dell'insegnamento lo studente possederà le seguenti conoscenze, abilità e competenze: conoscenza approfondita della riflessione antropologica sul concetto di cultura e del metodo

    etnografico;

     

    - capacità di applicare le conoscenze teoriche-metodologiche per leggere i fenomeni della

    contemporaneità in modo critico;

     

    - capacità di utilizzare in autonomia il metodo etnografico in ricerche finalizzate alla proposta di

    modalità efficaci di intervento;

     

    - consapevolezza dell'importanza del posizionamento del ricercatore nell'analisi dei fatti sociali e

    delle sue responsabilità etiche e deontologiche e capacità di tenerne conto nella stesura di progetti

    applicativi.

     

    PREREQUISITI

    nessuno in particolare

    MODALITA' DIDATTICHE

    Le lezioni si svolgeranno in presenza. 

    Esami scritti online o in presenza, secondo le norme covid

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

     

    Il risultato sarà proporzionale alla capacità sviluppata dallo studente di elaborare con spirito critico i concetti di fondo dell'analisi antropologica, la sua capacità di connettere tali concetti con la realtà circostante e di trarne una lettura articolata.

     

     

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    Il corso fornisce un’introduzione all’antropologia culturale attraverso l’analisi dei principali metodi

    di indagine e delle tematiche più rilevanti. Il corso si propone di fornire brevi cenni della storia del pensiero antropologico e gli strumenti teorici ed empirici di base della disciplina.

    Il corso quindi si propone di fornire agli studenti solide conoscenze di base in antropologia

    culturale, presentando alcune nozioni costitutive della disciplina come cultura, relativismo culturale,

    etnia, corpo, dono, potere, genere, ecc.

    ll corso intende inoltre presentare i principali paradigmi

    teorici e le specificità metodologiche dell'antropologia quali la ricerca sul campo, il decentramento

    dello sguardo, la raccolta dei dati e loro restituzione.

    La parte finale del corso, porrà l’attenzione sulla tematica della “natura”, della crisi climatica e dell’antropocene.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

     

    Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

     

    Lo studio di:

     

    A. Staid, Essere natura. Uno sguardo antropologico per cambiare il nostro rapporto con l'ambiente, UTET, Milano.

     

    e uno a scelta tra questi (per i non frequentanti 2 a scelta):

     

    M. Aime, Primo libro di antropologia, Einaudi, Torino.

    M. Aime, Eccessi di culture, Einaudi, Torino.

    A. Appadurai, La vita sociale delle cose. Una prospettiva culturale sulle merci di scambio, Meltemi, Milano.

    B. Barba, Il corpo, il rito, il mito. Un'antropologia dello sport, Einaudi, Torino.

    U. Biemann, P. Tavares, Forest law-Foresta giuridica. Ediz. Bilingue, Nottetempo, Milano.

    E. Borgnino, Ecologie native. Elèuthera, Milano.

    E. Viveiros de Castro, Metafisiche cannibali. Elementi di antropologia post-strutturale, Ombrecorte, Padova.

    D. Danowski, E. Viveiros de Castro, Esiste un mondo a venire? Saggio sulle paure della fine, Nottetempo, Milano.

    S. De Matteis, Il dilemma dell'aragosta. La forza della vulnerabilità, Meltemi, Milano.

    J. Fabian, Il Tempo e gli Altri. Come l’antropologia costruisce il proprio oggetto, Meltemi, Milano.

    D. Kopenawa, B. Albert, La caduta del cielo. Parole di uno sciamano yanomami, Nottetempo, Milano.

    E. Kohn, Come pensano le foreste. Antropologia oltre l'umano, Nottetempo, Milano.

    A. Staid, La casa vivente. Riparare gli spazi, imparare a costruire, ADD, Torino.

    A. Staid, Abitare illegale. Etnografia del vivere ai margini in Occidente, Milieu, Milano.

    A. Staid, I dannati della metropoli. Etnografie dei migranti ai confini della legalità, Milieu, Milano.

     

     

     

    Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

     

    Lo studio di:

     

    A. Staid, Essere natura. Uno sguardo antropologico per cambiare il nostro rapporto con l'ambiente, UTET, Milano.

     

    e due a scelta tra questi (per i non frequentanti 3 a scelta):

     

    M. Aime, Primo libro di antropologia, Einaudi, Torino.

    M. Aime, Eccessi di culture, Einaudi, Torino.

    A. Appadurai, La vita sociale delle cose. Una prospettiva culturale sulle merci di scambio, Meltemi, Milano.

    B. Barba, Il corpo, il rito, il mito. Un'antropologia dello sport, Einaudi, Torino.

    U. Biemann, P. Tavares, Forest law-Foresta giuridica. Ediz. Bilingue, Nottetempo, Milano.

    E. Borgnino, Ecologie native. Elèuthera, Milano.

    E. Viveiros de Castro, Metafisiche cannibali. Elementi di antropologia post-strutturale, Ombrecorte, Padova.

    D. Danowski, E. Viveiros de Castro, Esiste un mondo a venire? Saggio sulle paure della fine, Nottetempo, Milano.

    S. De Matteis, Il dilemma dell'aragosta. La forza della vulnerabilità, Meltemi, Milano.

    J. Fabian, Il Tempo e gli Altri. Come l’antropologia costruisce il proprio oggetto, Meltemi, Milano.

    D. Kopenawa, B. Albert, La caduta del cielo. Parole di uno sciamano yanomami, Nottetempo, Milano.

    E. Kohn, Come pensano le foreste. Antropologia oltre l'umano, Nottetempo, Milano.

    A. Staid, La casa vivente. Riparare gli spazi, imparare a costruire, ADD, Torino.

    A. Staid, Abitare illegale. Etnografia del vivere ai margini in Occidente, Milieu, Milano.

    A. Staid, I dannati della metropoli. Etnografie dei migranti ai confini della legalità, Milieu, Milano.

     

     

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    ANDREA STAID (Presidente)

    LEZIONI

    Orari delle lezioni

    L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.