Salta al contenuto principale della pagina

BIOLOGIA VEGETALE (FAR)(LM)

CODICE 55416
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 6 cfu al 1° anno di 8452 FARMACIA (LM-13) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE BIO/15
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 1° Semestre
    PROPEDEUTICITA
    Propedeuticità in uscita
    Questo insegnamento è propedeutico per gli insegnamenti:
    • FARMACIA 8452 (coorte 2022/2023)
    • BOTANICA FARMACEUTICA 80317
    • FARMACOGNOSIA E FARMACOVIGILANZA (C.I.) 80328
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    Gli obiettivi di questo corso sono: fornire i concetti fondamentali della biologia vegetale attraverso lo studio evolutivo, morfologico e funzionale degli organismi vegetali e dei loro costituenti.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    Obiettivi: Fornire le conoscenze di base sugli organismi vegetali, propedeutiche allo studio delle droghe e dei principi attivi di origine vegetale che verrà affrontato in corsi successivi (in particolare, Botanica farmaceutica e Farmacognosia). Contenuto del corso: Evoluzione e classificazione degli organismi vegetali. Autotrofia ed eterotrofia. Somiglianze e differenze tra organismi animali e vegetali. La cellula vegetale. Prodotti del metabolismo secondario delle piante e loro importanza farmaceutica. Differenziazione delle cellule vegetali: meristemi, tessuti. Organizzazione degli organismi vegetali. Procreazione degli organismi vegetali. Cicli dei principali elementi chimici. Metodi e tecniche per lo studio degli organismi vegetali.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    Al termine del corso lo studente dovrà conoscere le nozioni di base della biologia vegetale, inclusi gli argomenti di citologia, istologia e fisiologia vegetale descritti nel programma. Lo studente dovrà essere in grado di spiegare e comparare modalità differenti di funzionamento delle cellule e dei loro sottosistemi vitali in condizioni specifiche e/o relativamente a tipi diversi di cellule. Lo studente dovrà anche essere in grado di ricordare ed utilizzare la terminologia appropriata e scientificamente corretta. Ci si attende che lo studente possa così disporre di una competenza che gli/le consenta di affrontare una più dettagliata analisi dell’omeostasi e del metabolismo cellulari nei successivi corsi e di inquadrare la cellula come unità funzionale suscettibile di trattamento terapeutico e farmacologico.

    MODALITA' DIDATTICHE

    Il Corso si articola in 48 ore di lezione. La didattica potrà essere erogata sia come frontale sia in remoto –attraverso le piattaforme informatiche di Ateneo- in contemporanea alla presentazione di diapositive mediante files tipo PowerPoint. La discussione in aula o sui canali dedicati in remoto è fortemente incoraggiata. Alcune parti di lezione verranno svolte anche in modalità interattiva, grazie alla disponibilità di risorse web fruibili gratuitamente. Materiali didattici sono disponibili per gli studenti sul sito di AulaWeb, tramite accesso controllato.

    PROGRAMMA/CONTENUTO


    Le origini della vita vegetale
    LE CELLULE EUCARIOTICHE
    EVOLUZIONE DELLE PIANTE TERRESTRI: Filogenesi. Posizione degli sporangi. Gruppi
    principali: alghe, briofite, licofite.
    LE PIANTE A SEME (SPERMATOFITE): dominanza della generazione sporofitica
    LE ANGIOSPERME: eudicotiledoni.
    I genomi
    IL GENOMA NUCLEARE: I CROMOSOMI
    IL DNA CROMOSOMICO: sequenze ripetute, trasposoni.
    LA REGOLAZIONE DEI GENI NUCLEARI: sequenze regolatrici, fattori di trascrizione,
    modificazioni epigenetiche,
    SEQUENZE GENOMICHE: Il genoma di Arabidopsis, duplicazioni del genoma vegetale.
    I GENOMI CITOPLASMATICI: endosimbiosi, replicazione del DNA plastidiale, processi
    post-trascrizionali di regolazione dell’espressione dei geni plastidiali, scambi tra
    plastidi e nucleo.
    Le cellule vegetali
    IL CICLO CELLULARE: transizione da una fase del ciclo cellulare alla successiva,
    controlli molecolari del ciclo cellulare, endoreduplicazione.

    LA DIVISIONE CELLULARE: meiosi, il ruolo del citoscheletro nella mitosi, formazione
    del fragmoplasto, trasporti vescicolari
    GLI ORGANULI: biogenesi di plastidi e mitocondri, sistema di endomembrane, vacuolo.
    LA PARETE CELLULARE PRIMARIA: costituenti di parete, sintesi della cellulosa,
    plasmodesmi.
    DISTENSIONE E FORMA DELLA CELLULA: proprietà della membrana plasmatica,
    trasporto protonico, il movimento dell’acqua attraverso la membrana plasmatica,
    funzionalità del vacuolo, la direzione della distensione cellulare.
    PARETE SECONDARIA E CUTICOLA: struttura e le componenti della parete secondaria,
    la lignina, la cuticola.
    I tessuti
    TESSUTI MERISTEMATICI
    TESSUTI PARENCHIMATICI: il parenchima di fotosintesi, il parenchima di secrezione, i
    parenchimi aeriferi, il parenchima di trasporto, il parenchima di riserva.
    TESSUTI TEGUMENTALI: l’epidermide, il rizoderma, l’endoderma, l’esoderma, il
    periderma.
    TESSUTI DI CONDUZIONE: Xilema: proprietà e formazione degli elementi di
    conduzione. Floema.
    TESSUTI MECCANICI: collenchima, sclerenchima.
    TESSUTI SECRETORI: idioblasti secretori, tasche e i canali secretori.
    Il metabolismo
    L’ASSIMILAZIONE DEL CARBONIO:
    LA FOTOSINTESI: processi di cattura della luce sui tilacoidi del cloroplasto, la
    clorofilla, i centri di reazione, i fotosistemi, il ciclo di Calvin.
    LA FOTORESPIRAZIONE: modalità di controllo della Rubisco, le piante C4.
    IL TRASPORTO DEL SACCAROSIO: movimento del saccarosio il caricamento del floema.
    L’ACCUMULO DEL CARBONIO
    IL MOVIMENTO DELL’ACQUA E DEI MINERALI: meccanismo idraulici di trasporto, il
    movimento dei nutrienti minerali.
    Lo sviluppo
    LO SVILUPPO DELL’EMBRIONE E DEL SEME: endosperma, embrione, tegumenti.
    LO SVILUPPO DELLA RADICE: stadi successivi di differenziamento, lo sviluppo di radici
    laterali, organizzazione esterna della radice primaria, organizzazione interna della
    radice, organizzazione della zona dei meristemi primari e della cuffia, la zona di
    determinazione, zona di differenziamento, struttura secondaria.
    LO SVILUPPO DEL FUSTO: apice meristematico del fusto , le bozze fogliari la forma
    delle foglie la senescenza fogliare, organizzazione anatomica interna della struttura
    primaria del fusto, la struttura secondaria del fusto
    DALLO SVILUPPO VEGETATIVO A QUELLO RIPRODUTTIVO. meristemi del fiore e
    dell’infiorescenza, sviluppo degli organi fiorali.

    DALLO SPOROFITO AL GAMETOFITO: il granulo pollinico, l’ovulo, la crescita del tubetto
    pollinico, autoincompatibilità, la fecondazione.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Testo consigliato: Smith, Coupland, Dolan, Harberd, Jones, Martin, Sablowski, Amey.
    Biologia delle piante. Edizione italiana a cura di Donato Chiatante 2011. Zanichelli
    editore.

    DOCENTI E COMMISSIONI

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    Le lezioni inizieranno come da calendario ed orario predisposti dalla competente Segreteria Didattica.

    Orari delle lezioni

    L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    Scritto e Orale; l'esame scritto, che potrà essere erogato attraverso la piattaforma esami.aulaweb di Ateneo, a seconda delle esigenze e disposizioni vigenti ed in funzione delle disponibilità delle alule informatiche di Ateneo, serve come prova di ammissione propedeutica al successivo esame Orale. L’esame scritto prevede un compito basato su 15 domande a risposta multipla (e/o domande grafiche, e/o di correlazione), ciascuna con valore di 2 (due) punti, per un totale di 30 punti, cui rispondere in 15 minuti. Le domande vertono su tutto il programma svolto a lezione. Il superamento dello scritto (ottenibile con almeno 9 risposte corrette su 15, quindi con una votazione minima di 18) consente l’accesso all’orale. 

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    Durante il corso verranno svolti quiz con approcci game-to-learn per consentire allo studente di verificare il proprio apprendimento di parti della materia d’esame e per renderlo edotto delle modalità e tipologie di domande che affronterà all’esame scritto finale; i punteggi conseguiti comunque non contribuiranno alla votazione finale, ma hanno lo scopo di evidenziare eventuali carenze di conoscenza/comprensione della materia in settori specifici.

    Nella sessione d’esame vera e propria lo studente dovrà superare il test scritto, sia esso in presenza od in remoto, a comprova di una acquisita conoscenza di base: ogni test è infatti strutturato in modo da presentare domande (anche grafiche e di correlazione) che vertono su tutte le macro-tematiche del corso. Il superamento dello scritto consente l’accesso all’orale, durante il quale allo studente verranno proposte domande a complessità crescente che potranno includere anche gli argomenti fonti di eventuali errori nel compito scritto; sulla base delle risposte si approfondirà la competenza sulla materia; si valuterà anche la proprietà di linguaggio, l’uso della appropriata terminologia e le capacità di correlazione. Allo studente viene inoltre richiesto –anche se in maniera facoltativa- di autovalutarsi sia prima che dopo il test scritto, confrontando poi il voto auto-attribuitosi con quello reale in modo da stimolare la corretta percezione della propria preparazione, in particolare a quegli studenti che ripetono gli esami più di una volta.

    Calendario appelli

    Data Ora Luogo Tipologia Note

    ALTRE INFORMAZIONI

    Il corso si avvale della collaborazione di Tutor didattici il cui compito è quello di aiutare gli studenti a superare eventuali difficoltà incontrate nell’organizzazione dello studio e nella preparazione dell’esame. I dettagli sulla frequenza e sulle modalità degli incontri con i tutor didattici vengono fornite durante le lezioni iniziali. Sebbene sia rivolto a tutti gli studenti, il Tutorato didattico è particolarmente raccomandato per gli studenti che non hanno superato l’esame più volte.