Salta al contenuto principale della pagina

L'URBANIZZAZIONE E LA MORFOLOGIA DELL'HABITAT URBANO

CODICE 108929
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 4 cfu al 1° anno di 8694 SCIENZE DELL'ARCHITETTURA (L-17) - GENOVA
  • 4 cfu al 2° anno di 8694 SCIENZE DELL'ARCHITETTURA (L-17) - GENOVA
  • 4 cfu al 3° anno di 8694 SCIENZE DELL'ARCHITETTURA (L-17) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE ICAR/21
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 2° Semestre
    MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    A partire dalle più recenti interpretazioni e teorie riguardanti l’origine e la formazione del fatto urbano, il corso intende costituirsi come un’esplorazione delle forme di costituzione e trasformazione dei fenomeni urbani e territoriali attraverso il tempo e lo spazio. Alla base del corso vi è l’idea che la città e il territorio possano essere letti attraverso una serie di strumenti analitici che ne restituiscano una rappresentazione indipendente dallo spazio e dal tempo. Si analizzeranno così fatti urbani che coprono un arco temprale di 9000 anni e attraversano tutto il globo, nell’ipotesi che a governare i processi di gemmazione, sviluppo e trasformazione dell’insediamento urbano vi siano alcune – poche – regole di fondo. Il percorso didattico prevede quindi sia l’utilizzo di strumenti “trasversali” di analisi (l’analisi morfologica, l’analisi delle reti, lo scaling turbano e territoriale), sia l’apertura verso campi disciplinari contigui all’architettura-urbanistica, quali la eografia urbana e regionale, la sociologia, la demografia, l’economia spaziale, l’ecologia.

    MODALITA' DIDATTICHE

    Il percorso didattico verrà articolato secondo una triplice modalità:

    1. Lezioni frontali del docente, che serviranno da guida per introdurre ed approfondire i vari argomenti dei quattro moduli previsti
    2. Escursione sul campo per la ricognizione diretta di casi di studio: Genova (walking lectures), Venezia (viaggio di istruzione su tre giornate), Pompei – Ostia Antica – Roma (viaggio di istruzione su tre giornate).
    3. Partecipazione attiva degli studenti (eventualmente suddivisi in gruppi di lavoro) con esercitazioni pratiche. 

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    Il corso si articola in quattro moduli tematici.

    Il primo modulo, trasversale e che attraversa l’intero corso, riguarda un’introduzione alla scienza della complessità e l’analisi dei processi di urbanizzazione. Saranno oggetto di questo modulo gli strumenti di conoscenza della scienza della complessità: frattali, network analysis, scaling e leggi di potenza, evoluzione / evoluzioni, auto-organizzazione, space syntax, cenni ad alcuni metodi di intelligenza artificiale applicata all’analisi del territorio (reti neurali, automi cellulari, sistemi multi-agente).

    Il secondo modulo, anch’esso trasversale, si concentra sull’analisi della morfologia urbana e delle tipologie edilizie e ha come scopo la conoscenza delle relazioni che si stabiliscono tra un singolo edificio (principalmente la casa, sia singola che collettiva), il tessuto edilizio e la forma del territorio. L’interesse è qui rivolto al rapporto tra tipo edilizio e forma urbana: come un singolo edificio, nel suo fondarsi su una struttura logica della forma e dell’organizzazione dei rapporti interni e con l’esterno, condizioni e determini l’esito di una forma dell’organismo urbano e degli scenari che lo connotano. Si affronteranno in particolare i concetti relativi alla definizione di tipo, alla classificazione dei tipi edilizi e urbani e alle relazioni che intercorrono tra edifici e città e tra tipi edilizi e forma urbana. 

    Il terzo modulo si concentra sulle teorie e le indagini riguardanti la città delle origini del fenomeno urbano, coprendo un periodo temporale che va dal neolitico fino all’esplosione urbana prima in area mesopotamica e poi in area mediterranea (con cenni anche al manifestarsi del fenomeno urbano in Cina, India e Meso-America). Agricoltura, linguaggio, tecnologia e insediamento. I dualismi sinecismo/fondazione e spontaneo/pianificato. Insediamenti antichi e premoderni: matrici, modelli, esiti, con particolare riferimento agli schemi ippodamei e alla pianificazione territoriale e urbana di età romana. Fenomeni territoriali e urbani in età medievale: una lunga eredità. I cicli urbani. Il rapporto città-campagna. Economie e geografie dell’insediamento antico e medioevale. 

    Il quarto modulo affronta il tema della lenta e lunga trasformazione del fatto urbano in Occidente, coprendo il periodo che va dalla formazione della città moderna alla transizione verso la città contemporanea, a partire dalla grande rottura – causata dalla “rivoluzione industriale” e dal processo di urbanizzazione – del quadro di riferimento entro il quale la città era stata pensata e costruita nei secoli precedenti. Il cambiamento (ancora in corso) dalla città industriale al territorio post-metropolitano, che ha portato prima al processo di formazione delle grandi metropoli continentali e globali e infine (ai giorni nostri) alle mega-regioni urbane contemporanee. Si affronteranno in questa sede le questioni relative a diffusione dell’urbano, alla deindustrializzazione e alle nuove economie urbane, dalle metropoli alle magalopoli, trend demografici e urbanizzazione, l’urbanizzazione planetaria, le aree in post-transizione demografica (shrinking cities and regions).

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Testi base di riferimento

    Primo Modulo 

    Lettura di base (oltre gli appunti delle lezioni)

    Bettencourt Luis M.A., 2021, Introduction to Urban Science, Cambridge (MA): MIT Press (capitoli selezionati)

    Letture di approfondimento

    Batty M., 2018, Inventing Future Cities. Cambridge (MA): MIT Press (capitoli selezionati)

    Lettura generale

    West G., 2018. Scala, Milano: Mondadori.

    Secondo Modulo

    Sui concetti di Tipo, Modello, Tipo edilizio, Processo tipologico e per l’analisi e la conoscenza dei tessuti e dei tipi edilizi:

    Caniggia G., Maffei G.L., 1984. Composizione architettonica e tipologia edilizia: lettura dell’edilizia di base, Marsilio, Venezia.

    Caniggia G., 1986. Strutture dello spazio antropico. Uniedit: Firenze.

    Cataldi G., 1977. Per una scienza del Territorio. Alinea: Firenze.

    Terzo modulo

    Lanzani Arturo, 2020, Cultura e progetto del territorio e della città, Milano: Franco Angeli.

    Franchetti Pardo V., 2013. Storia della città occidentale (2 voll.). Milano: Jaca Book.

    Quarto modulo

    Dematteis G., Lanza C., 2012. Le città del Mondo. Una geografia urbana, Torino: Utet.

    Kostof, S. 1991. The City Shaped: Urban Patterns and Meanings Through History, Thames & Hudson: New York.

    Secchi B., 2000. La città del XX secolo. Bari-Roma: Laterza.

    Soja E.W., 2007, Dopo la metropoli: per una critica della geografia urbana e regionale, Bologna: Patron.

    DOCENTI E COMMISSIONI

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    Febbraio 2023 (II semestre)

    Orari delle lezioni

    L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    L’esame finale consisterà in un colloquio incentrato su un booklet che si comporrà di quattro elementi:

     

    1. Restituzione critica (in forma di slide descrittive grafico-testuali – max 12) di un testo sulle origini del fenomeno urbano scelto tra i seguenti:

    Scott J.C., 2018. Le origini della civiltà, Torino: Einaudi (Introduzione + capitoli 1, 2 4 e 5)

    Liverani M., 2017. Uruk. La prima città. Roma-Bari, Laterza

    Giusti F., 2002, I primi stati. Roma: Donzelli (capitoli 6, 8, 9)

    Benevolo L., Albrecht B., 2002, Le origini dell’architettura, Roma-Bari, Laterza.

    Moscati S. (a cura di), 2002, Il mondo dell’archeologia. Dai primi insediamenti al fenomeno urbano (Bacino del Mediterraneo), Roma: Istituto della Enciclopedia italiana.

    Per tutti (introduzione generale al tema): slide lezioni e Lanzani Arturo, 2020, Cultura e progetto del territorio e della città, Milano: Franco Angeli (capitoli 3 e 4)

    1. Restituzione critica (in forma di slide descrittive grafico-testuali – max 20) di un testo sulla lettura morfo-tipologica della città scelto tra i seguenti:

     

    Caniggia, G., 1963. Lettura di una città: Como. Roma: Centro studi di storia urbanistica.

    Maretto, P., 1986. La casa veneziana nella storia della città: dalle origini all’Ottocento. Venezia: Marsilio (Introduzione di G. Caniggia e Capitolo 1).

    Cataldi, G., 2007. Pienza forma urbis: materiali per il Museo della città e del territorio. Firenze: Aion.

    Per tutti (introduzione generale al tema): slide lezioni

     

    1. Restituzione critica (in forma di slide max 15 descrittive grafico-testuali) di un testo sul fenomeno urbano in epoca moderna e contemporanea scelto tra i seguenti:

     

    Secchi B., 2000. La città del XX secolo. Bari-Roma: Laterza.

    Dematteis G., Lanza C., 2014, Le città del mondo. Una geografia urbana, Torino: Utet Università

    Governa F., Memoli M., 2011, Geografie dell’urbano. Spazi, politiche, pratiche della città, Roma: Carocci

    Benevolo L., 1993. Storia della città 4. La città contemporanea. Roma-Bari: Laterza

    Per tutti (introduzione generale al tema): slide lezioni

    1. Restituzione di tre (5-8 slide X) degli argomenti trattati a lezione oppure durante uno dei seminari con ospiti esterni.

    Per chi segue (o preferisce) in inglese:

    Smith, Michael E. “Form and meaning in the earliest cities: a new approach to ancient urban planning.” Journal of planning history 6.1 (2007): 3-47. LINK

    Hanson, John W., et al. “Urban form, infrastructure and spatial organisation in the Roman Empire.” Antiquity 93.369 (2019): 702-718. LINK

    Caniggia, G., Marzot N., 2017. Interpreting Basic Buildings. Firenze: Altralinea.

    Strappa G., 2018. Observations on urban growth, Milano: Franco Angeli.

    Batty, M. 2018. Inventing Future Cities. Cambridge (MA) London: The MIT pess.

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    Verifica delle conoscenze acquisite tramite discussione orale del booklet.

    ALTRE INFORMAZIONI

    Il prof. Lombardini riceve gli studenti il lunedì in orqrio 9.30 -13.30 su appuntamento.