Salta al contenuto principale
CODICE 65296
ANNO ACCADEMICO 2023/2024
CFU
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-LIN/15
LINGUA Italiano
SEDE
  • GENOVA
PERIODO Annuale
MODULI Questo insegnamento è un modulo di:
MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

PRESENTAZIONE

Modulo didattico di 36 ore di lezione, equivalenti a 6 CFU. Le lezioni e le attività seminariali previste per il corso si svolgeranno interamente nel secondo semestre.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Avendo come base le competenze acquisite nel triennio, l’insegnamento si prefigge di fornire agli studenti gli strumenti necessari per compiere corrette analisi su diversi aspetti e momenti delle letterature e culture della Scandinavia, partendo da testi di carattere letterario (ma non solo) esaminati anche dal punto di vista delle problematiche traduttive.

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Gli studenti verranno introdotti alle caratteristiche delle lingue danese e norvegese, considerate nei rispettivi tratti di affinità e differenza rispetto allo svedese. Si confronteranno poi criticamente con il fenomeno del giallo nordico, considerandone l’origine, l’evoluzione e le tendenze, e individuando le specificità della tradizione scandinava.

Alla fine del corso saranno in grado di:

- rilevare le differenze fonologiche, morfosintattiche e, in parte, lessicali tra svedese, danese e norvegese, confrontandosi con esempi letterari;

- delineare lo sviluppo del romanzo d'investigazione nella tradizione occidentale, discutendone i presupposti storici e socio-culturali;

- descrivere e discutere lo sviluppo del giallo nordico inquadrandolo nella letteratura europea;

- analizzare le dinamiche adottate in singole opere del genere d'investigazione.

MODALITA' DIDATTICHE

Modulo didattico di 36 ore, equivalenti a 6 CFU.

Il corso, suddiviso nelle parti indicate (18 ore ciascuna), si svolgerà nel secondo semestre, con inizio nel mese di febbraio e una cadenza di tre ore settimanali.

Entrambe le parti avranno carattere seminariale, con la partecipazione attiva degli studenti all’analisi e alla discussione.

Il modulo monografico sul giallo nordico si svilupperà a partire dalle considerazioni generali sulle caratteristiche del genere e sulla sua storia, per passare quindi a un esame delle particolarità scandinave, dei fenomeni più rilevanti e degli autori più significativi. Tale presentazione, volta in primis a stimolare una discussione tra i partecipanti, sarà infine arricchita dal loro contributo, consistente nell’esame in classe di un esempio di giallo nordico a loro scelta.

Eventuali attività didattiche integrative saranno indicate nel corso delle lezioni. La frequenza del corso non è obbligatoria, ma fortemente consigliata.

PROGRAMMA/CONTENUTO

 

PRIMA PARTE – Introduzione alla lingua danese e alla lingua norvegese con lettura e analisi di testi letterari

Le lingue scandinave continentali mostrano notevoli affinità, dovute ovviamente alla prossimità delle rispettive aree culturali, ma anche (nel caso di danese e norvegese) a ragioni storico-politiche di dominio e comune tradizione letteraria per alcuni secoli. Considerando il livello di conoscenze e competenze degli studenti di lingua svedese durante il terzo anno di corso, si cominceranno ad esaminare le principali differenze fonetiche, morfologiche, lessicali e stilistiche delle altre due lingue, ricorrendo a testi letterari in prosa. Nel caso del norvegese, l’esame sarà introdotto da una ricostruzione delle principali vicende culturali e politiche (tra cui le numerose riforme linguistiche) in cui tra il secondo Ottocento e il primo Novecento si articolò la complessa questione della lingua.

 

SECONDA PARTE - Il giallo nordico: origini, sviluppi e tendenze di un successo internazionale contemporaneo

Il cosiddetto “romanzo giallo” (denominazione esclusivamente italiana dalle copertine della prima serie per Mondadori negli anni Trenta), nelle sue sfumature dal poliziesco al noir, è senza dubbio uno dei generi caratterizzanti il mondo contemporaneo, in particolare la società urbana industrializzata. Le sue origini possono essere fatte risalire al secondo Ottocento, ma è nel ventesimo secolo che le storie criminali e le indagini sui delitti conoscono il loro fiorire, in un connubio fruttuoso tra espressione letteraria, cinematografica e televisiva. Negli ultimi quindici anni, e quindi nel nuovo secolo, il giallo è divenuto uno dei marchi internazionali della letteratura nordica, dalla Finlandia all’Islanda, passando per la Svezia della trilogia Millennium di Stieg Larsson che ha messo in movimento l’onda di giallisti nordici approdati nelle librerie di tutta Europa. In questa parte del corso saranno identificati i princìpi e le caratteristiche del genere, passando poi all’esame storico-letterario dei principali autori e fenomeni scandinavi. Alla luce delle analisi proposte, gli studenti saranno poi chiamati a presentare le propria indagine condotta su un romanzo scandinavo a loro scelta.

TESTI/BIBLIOGRAFIA

 

​Per la PRIMA PARTE del corso i brani in lingua danese e norvegese commentati a lezione saranno regolarmente caricati su Aulaweb. Inoltre:

Anna Wegener, Inger-Marie Willert Bortignon, Luca Panieri, Grammatica danese. Fonetica, morfologia, sintassi ed esercizi, Milano, Hoepli 2013

Irene Burdese, Cathrine Rysst, Lær deg norsk! Corso di lingua norvegese, Milano, Hoepli 2015

 

Per la SECONDA PARTE del corso segnalo le seguenti opere critiche:

Gunhild Agger, Anne Marit Waade (red.), Den skandinaviske krimi. Bestseller og blockbuster, Göteborg, Nordicom, 2010

Elvio Guagnini, Dal giallo al noir e oltre: declinazioni del poliziesco italiano, Formia, Ghenomena, 2010

Michael Tapper, Snuten i Skymningslandet. Svenska polisberättelser i roman och på film 1965- 2010, Lund-Falun, Nordic Academic Press, 2011

Barry Forshaw, Death in a Cold Climate. A Guide to Scandinavian Crime Fiction, Basingstoke, Palgrave Macmillian, 2012

Kerstin Bergman, Swedish Crime Fiction, the Making of Nordic Noir, Sesto San Giovanni, Mimesis International, 2014

Steven Peacock, Swedish Crime Fiction: Novel, Film, Television, Manchester, Manchester University Press, 2014

Michael Tapper, Swedish Cops: from Sjöwahl & Wahlöö to Stieg Larsson, United Kingdom, Intellect Books, 2014

Jakob Stougaard-Nielsen, Scandinavian Crime Fiction, London, Bloomsbury Academic, 2017

Renato Zatti, “Il giallo nordico”, in Massimo Ciaravolo (a cura di), Storia delle letterature scandinave. Dalle origini a oggi, Milano, Iperborea, 2019, pp. 818-844

 

Inoltre è richiesta la lettura in lingua svedese di:

Hjalmar Söderberg, “Tuschritningen”, “Drömmen om evigheten”, “Pälsen” e “Skuggan” (in Historietter, 1898), testi disponibili su www.projektruneberg.org o www.litteraturbanken.se

August Strindberg, “Blåvingen finner guldpudran” oppure “Lotsens vedermödor” (in Sagor, 1903), testi disponibili su www.projektruneberg.org o www.litteraturbanken.se

Tove Jansson, Det osynliga barnet (1962, due racconti a scelta) oppure Björn Larsson, Filologens dröm: Berättelser om upptäckarglädje (2008, due racconti a scelta)

Michael Tapper, “Hans kropp – samhället självt. Manliga svenska mordspanare på ålderns höst” o altro saggio critico a scelta tratto da Den skandinaviske krimi, testo disponibile in sezione

Si dovrà dimostrare di saper tradurre i testi in italiano e saperne riassumere il contenuto in svedese.

N.B. Il programma e l'elenco delle letture è lo stesso per studenti frequentanti e non frequentanti.

 

DOCENTI E COMMISSIONI

LEZIONI

INIZIO LEZIONI

Il corso avrà inizio lunedì 19 febbraio 2024 con il seguente orario:

lunedì 16-18, aula Koch (Palazzo Serra, quinto piano)

mercoledì 11-12, aula Koch

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

 

Esame orale a fine modulo e negli appelli successivi, della durata di circa quarantacinque minuti, durante il quale ai candidati saranno sottoposti a scelta del docente alcuni dei brani considerati durante il corso.

La preparazione dell’esame includerà la stesura di una tesina (in lingua italiana) nella quale approfondire un argomento legato alla seconda parte del corso (Il giallo nordico), secondo modalità che saranno indicate durante il corso.

Il colloquio d’esame si svolgerà IN PARTE IN LINGUA SVEDESE su argomenti del programma a scelta del docente.

Gli studenti avranno la possibilità di suddividere il programma d’esame in due parti (e non più di due) da portare in appelli diversi anche non consecutivi. Per le modalità della suddivisione si invitano gli interessati a consultare il docente. Se si opta per la suddivisione, l’esame si considera superato solo se si è ricevuta almeno la sufficienza in entrambe le parti; si precisa poi che gli studenti sono liberi non solo di rifiutare il voto, ma anche di rinunciare alla prima parte già accettata (riportandone l’intero programma successivamente) nel caso vogliano migliorare il proprio voto.

Da questa suddivisione è esclusa la tesina, che può quindi essere presentata e discussa a parte, fermo restando che la sua redazione e discussione in sede d’esame è necessaria per la valutazione finale.

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

Nella valutazione dell’esame si terrà conto, oltre che della conoscenza del programma (argomenti trattati a lezione e approfondimenti sulla base della bibliografia indicata) e delle capacità di ragionamento, anche della capacità espositiva e dell’accuratezza nell’uso del linguaggio specifico della disciplina.

Grande importanza sarà data alle competenze nel sapersi orientare nei diversi periodi della storia letteraria, nel saper inquadrare le opere (o i brani) considerati, nell’istituire confronti tra i testi e tra gli autori (eventualmente anche riferendosi alle letterature non scandinave) e nel maturare un personale giudizio critico sui fenomeni considerati, tenendo opportunamente conto delle acquisizioni e delle posizioni in letteratura critica illustrate nel corso.

La parte dell’esame in svedese ha lo scopo di abituare gli studenti a esprimersi in lingua su argomenti letterari o culturali, comunque formali. La valutazione di questa parte non sarà naturalmente paragonabile a una prova di lettorato, ma concorrerà al giudizio finale in base alla correttezza grammaticale, alla fluidità d'espressione e alla ricchezza di vocabolario.

Calendario appelli

Dati Ora Luogo Tipologia Note
01/02/2024 09:30 GENOVA Orale Gli esami si svolgeranno in aula F (Polo Fontane, secondo piano).
15/02/2024 09:30 GENOVA Orale Gli esami si svolgeranno in aula F (Polo Fontane, secondo piano).
19/06/2024 14:00 GENOVA Orale Gli esami si svolgeranno in aula F (Polo Fontane).
16/07/2024 09:30 GENOVA Orale Gli esami si svolgeranno in aula F (Polo Fontane).
04/09/2024 14:00 GENOVA Orale Gli esami si svolgeranno in aula F (Polo Fontane).
18/09/2024 09:30 GENOVA Orale Gli esami si svolgeranno in aula F (Polo Fontane).

ALTRE INFORMAZIONI

Non è richiesta un’iscrizione formale al corso (si ricorda comunque che è necessario l’inserimento del corso nel proprio piano di studi). L’iscrizione all’esame dovrà essere effettuata attraverso il sito di ateneo entro tre giorni dalla data dell’appello.

I materiali esaminati a lezione saranno regolarmente inseriti sulla piattaforma di Aulaweb, che richiede l’iscrizione da parte dei partecipanti.

Il modulo è obbligatorio per tutti gli studenti di Scandinavistica (ossia che hanno scelto svedese come lingua A o B nel proprio piano di studi) iscritti al I anno del Corso di Laurea Magistrale in Lingue e letterature moderne per i servizi culturali. N.B. L’insegnamento è attivo SOLO per gli indirizzi Comunicazione internazionale e Turismo culturale.

Gli studenti cui siano stati certificati disturbi specifici dell’apprendimento (DSA), come dislessia o disgrafia, sono invitati a prendere contatto con me, oltre che a usufruire dei diversi servizi (uffici preposti, referenti di area, tutor dedicati) previsti per accompagnarli nel percorso universitario: si rimanda al riguardo alla pagina di ateneo https://unige.it/disabilita-dsa.

Agenda 2030

Agenda 2030
Istruzione di qualità
Istruzione di qualità
Parità di genere
Parità di genere
Lavoro dignitoso e crescita economica
Lavoro dignitoso e crescita economica
Ridurre le disuguaglianze
Ridurre le disuguaglianze