Salta al contenuto principale
CODICE 108773
ANNO ACCADEMICO 2023/2024
CFU
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE ING-IND/17
LINGUA Italiano (Inglese a richiesta)
SEDE
  • GENOVA
PERIODO 1° Semestre
MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

PRESENTAZIONE

La logistica e il Supply Chain Management (SCM) svolgono un ruolo di primo piano nell'economia odierna: basti pensare ai principali prodotti che vengono consegnati ogni giorno attraverso diversi metodi di trasporto e provenienti da molte fabbriche diverse. Questa struttura pervasiva nasconde spesso la sua complessità fino al momento in cui qualcosa va storto e la sua fragilità si rivela. Il corso esplora gli aspetti principali del Supply Chain Management, evidenziando le possibili minacce e i rischi e descrivendo le strategie, le metodologie e le tecniche che potrebbero aumentarne la resilienza. Il corso presenta esempi di diverse catene di fornitura e suggerisce modelli decisionali appropriati in ambito proattivo e reattivo. Nel laboratorio gli studenti avranno l'opportunità di testare in prima persona l'approccio proposto e di valutare l'impatto di scenari di interruzione simulati, l'efficacia delle azioni correttive e la solidità delle loro scelte manageriali.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

L'insegnamento  vuole fornire allo studente una visione della supply chain integrata nella strategia aziendale. Al termine del corso lo studente saprà strutturare processi di pianificazione capaci di coordinare la domanda di mercato e la Supply Chain, implementare processi distributivi e di gestione delle scorte a supporto della strategia di vendita, costruire e implementare prassi di collaborazione e condivisione delle informazioni tra clienti e fornitori, conoscere e valutare i sistemi informativi a supporto della Supply Chain

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

L'insegnamento  si propone di raggiungere i seguenti obiettivi di apprendimento:

  1. Comprendere la complessità della Supply Chain dal punto di vista strategico e tattico.
  2. Comprendere l'effetto dell'incertezza e della casualità sulle prestazioni della Supply Chain.
  3. Esplorare gli scenari di interruzione e i rischi associati.
  4. Comprendere l'interconnessione tra strategia di inventario, metodi di trasporto e processo di approvvigionamento nella costruzione di una Supply Chain resiliente e performante.
  5. Comprendere quali tecnologie, metodologie, strumenti e tecniche dovrebbero essere adottate per gestire i rischi della Supply Chain in modo corretto ed efficace.
  6. Sviluppare una sensibilità manageriale nel prendere decisioni complesse in materia di SCM.

MODALITA' DIDATTICHE

L'insegnamento  utilizzerà una serie di strumenti: libri, articoli di giornale, letture popolari, casi di studio e simulazioni. La sessione in aula prevede la discussione dei concetti critici, la discussione di casi di studio e simulazioni quantitative. Il tutto sarà integrato da compiti ed esami.

  • Letture extra e casi saranno forniti separatamente dall'insegnante.
  • In classe verranno fornite istruzioni sulla preparazione necessaria prima e dopo ogni sessione.
  • Gli esami si baseranno su discussioni in classe, casi e decisioni quantitative basate su scenari simulati.
  • Gli istruttori seguiranno metodi partecipativi in classe. L'insegnamento avverrà prevalentemente attraverso lezioni interattive e discussioni di casi. 
  • Gli studenti sono tenuti a venire in classe preparati ogni volta che viene prescritto un caso o una lettura. Gli insegnanti possono chiedere a qualsiasi studente di esprimere i propri commenti (cold call) durante le discussioni dei casi.
  • Gli studenti dovranno imparare a utilizzare lo strumento software AnyLogistiX (disponibile gratuitamente all'indirizzo: https://www.anylogistix.com/downloads/ Personal Learning Edition) per esplorare la simulazione di un caso, sviluppare strategie e dimostrare l'efficacia delle decisioni prese. Per l'utilizzo del software non è richiesta alcuna conoscenza preliminare del linguaggio di programmazione.

Apprendimento attraverso il metodo dei casi: L'apprendimento efficace attraverso il metodo dei casi richiede quattro fasi di apprendimento (preparazione individuale, discussione di gruppo, discussione in classe e riflessione dopo la lezione). Per sfruttare al meglio l'opportunità di apprendimento si possono seguire i seguenti passi:

  1. È necessario preparare individualmente i casi e il materiale didattico di ogni giorno e poi discuterne in gruppo. Si consiglia vivamente di leggere le letture assegnate prima di preparare il caso. La responsabilità potrebbe essere condivisa dai membri del gruppo.  Tuttavia, il succo delle letture deve essere compreso da ogni partecipante.
  2. Per garantire la partecipazione degli studenti, gli insegnanti possono chiedere ai gruppi assegnati di presentare le soluzioni dei casi prima della lezione e il gruppo può essere chiamato a fare una presentazione di gruppo. Le domande guida per tutti i casi saranno condivise dagli istruttori con largo anticipo.

Per sfruttare al meglio le opportunità di apprendimento, si possono seguire i seguenti passi:

  1. Ogni partecipante deve partecipare ed essere pronto a condividere la propria analisi in classe per sviluppare le capacità di presentazione e l'atteggiamento di apprendimento collettivo. I singoli partecipanti e i gruppi sono incoraggiati a presentare le loro analisi/ raccomandazioni sul caso/ materiale di lettura.
  2. È necessario preparare individualmente il caso/capitolo/la lettura di ogni giorno con raccomandazioni/conclusioni specifiche e le relative motivazioni.
  3. Se richiesto, al gruppo verrà chiesto di fare una sintesi di una pagina su ogni caso che contenga i seguenti elementi
  • Problemi principali
  • Analisi per la risoluzione del/i problema/i
  • Raccomandazioni/inferenze sulle questioni principali     
  1. Lo scopo principale della sinossi è quello di prepararvi alla partecipazione al corso. È possibile che vi venga chiesto di presentare la sinossi all'inizio del corso.
  2. Siete invitati a discutere e a chiarire qualsiasi dubbio con il docente.

Laboratori:

Il corso utilizzerà il software di simulazione AnyLogistiX in 4 laboratori guidati durante i quali gli studenti dovranno essere in grado di fare quanto segue:

  • Pensare in modo critico, essere in grado di identificare, generalizzare, dare priorità, isolare e ridurre la complessità in situazioni operative dinamiche, incerte e ambigue,
  • comprendere come le considerazioni strategiche influenzino le decisioni operative
  • Applicare gli strumenti di analisi e miglioramento appresi nei corsi precedenti a situazioni aziendali reali,
  • ragionare in termini quantitativi e qualitativi per prendere decisioni operative.

Il metodo del caso basato sul laboratorio richiede agli studenti di preparare una decisione, per quanto possibile, basata su un'attenta valutazione dei fatti e dei numeri del caso. Come in tutte le situazioni aziendali, possono esserci fatti insufficienti, obiettivi ambigui e ambienti fortemente dinamici/incerti. Gli studenti, infine, svilupperanno le seguenti competenze:

  • Capacità analitiche: Gli studenti possiedono le capacità analitiche e di pensiero critico necessarie per valutare i problemi che si presentano negli affari e nelle carriere professionali.
  • Competenze tecniche: Gli studenti possiedono le competenze tecnologiche necessarie per analizzare i problemi, sviluppare soluzioni e trasmettere informazioni utilizzando software di ottimizzazione e simulazione.

Lavoro di gruppo:

Gruppi di 4 studenti da formare prima della Sessione 1 in coordinamento con il Rappresentante di Classe (POC) o i gruppi saranno assegnati dall'Ufficio del Programma.

PROGRAMMA/CONTENUTO

Schema del corso: Lezioni/Argomenti/Risultati dell'apprendimento/Letture proposte e casi studio

 

Lezioni

Argomenti

Risultati dell'apprendimento

Letture proposte e casi studio

1

Introduzione all'SCM

1. Spiegare le origini della logistica e della gestione della supply chain.

2. Definite entrambi i termini e spiegate in che modo la logistica e la gestione della catena di fornitura differiscono l'una dall'altra.

3. Evidenziate l'importanza di queste aree sia nel contesto manifatturiero che in quello dei servizi.

4. Identificare come le migliori pratiche di gestione della logistica e della supply chain possano produrre sia una riduzione dei costi che un'aggiunta di valore.

5. Mostrare come le supply chain abbiano una grande influenza sulla società.

Lettura: Capitolo 1 del libro di testo [GSCM].

2

Globalizzazione e commercio internazionale

1. Evidenziate la crescita del commercio internazionale negli ultimi decenni.

2. Illustrare il ruolo chiave svolto in particolare dalla containerizzazione nel facilitare la crescita del commercio internazionale.

3. Spiegare cosa si intende per globalizzazione e quali sono i motori della globalizzazione.

4. Esplorare il ruolo delle imprese multinazionali nel commercio globale e l'impatto degli investimenti all'estero delle imprese.

5. Infine, analizzate cosa succede quando volumi o tipi di merci ineguali fluiscono in direzioni opposte nei mercati del trasporto merci.

Lettura: Capitolo 2 del libro di testo [GSCM].

CASO STUDIO (dal libro di testo [GSCM]): Dell's Configure-to-Order (CTO) Supply Chain Strategy

3

Rapporti con le Supply Chain

1. Spiegare i fattori che influenzano le decisioni di esternalizzazione.

2. Evidenziate la domanda di outsourcing in vista della globalizzazione e della crescita del commercio internazionale.

3. Identificare i problemi che le aziende di outsourcing devono affrontare e che possono portare a un fallimento dell'outsourcing.

4. Illustrare le modalità di selezione delle imprese in outsourcing.

5. Esaminare il modo in cui si sviluppano le relazioni tra outsourcer e outsourcee.

6. Definire i termini integrazione e collaborazione nel contesto SCM globale.

7. Spiegare in che modo l'integrazione interna ed esterna può essere realizzata a vantaggio delle prestazioni della supply chain.

8. Elaborare i metodi specifici utilizzati per consentire la collaborazione.

9. Offrire una prospettiva olistica del SCM per comprendere come le supply chain possano ottenere una maggiore integrazione e collaborazione in futuro.

Lettura: Capitolo 3 del libro di testo [GSCM].

CASO STUDIO (dal libro di testo [GSCM]): Humanitarian Aid Supply Chain

4

Strategie della supply chain

1. Evidenziare il ruolo della strategia della logistica e della supply chain nel contesto della strategia aziendale e vedere come la strategia della logistica e della supply chain possa talvolta guidare la strategia aziendale.

2. Delineare l'evoluzione del settore manifatturiero, da cui sono emerse diverse strategie di logistica e supply chain.

3. Esaminare le strategie logistiche agili e snelle e il ruolo della personalizzazione di massa in queste ultime.

4. Sviluppare una tassonomia delle strategie della supply chain.

Lettura: Capitolo 4 del libro di testo [GSCM].

5

Trasporto nella supply chain

1. Comprendere le strutture dei costi e le caratteristiche operative delle diverse modalità di trasporto, nonché le relazioni tra le tariffe di trasporto e il peso, le dimensioni e la distanza da percorrere della spedizione.

2. Evidenziare i termini chiave utilizzati nel settore dei trasporti.

3. Illustrare i diversi tipi di dispositivi di carico utilizzati nel trasporto internazionale.

4. Discutere il ruolo dei centri di distribuzione ed evidenziare il concetto di factory gate pricing.

5. Identificare alcuni dei numerosi problemi (compreso l'effetto delle strategie della supply chain) che possono influire sull'efficienza dei servizi di trasporto.

6. Esaminare le principali reti di trasporto del mondo.

Lettura: Capitolo 5 del libro di testo [GSCM].

CASO STUDIO (dal libro di testo [GSCM]): Port Logistics City: A Case Study of Melbourne in Australia

6

Laboratorio 1: Fondamenti di simulazione per una supply chain a due stadi

1. Sviluppare le competenze tecniche necessarie per utilizzare anyLogistix per creare modelli di supply chain a due fasi, eseguire esperimenti e misurare le prestazioni.

2. Comprendere i principali compromessi nella pianificazione dell'ubicazione degli impianti che influenzano il numero di siti, il lead time e l'incertezza della domanda.

3. Comprendere le aree della simulazione e dell'ottimizzazione.

Lettura:  1. Alexandre Dolgui, Dmitry Ivanov, Boris Sokolov. Ripple effect in the supply chain: an analysis and recent literature. International Journal of Production Research, 2018, Leading scholars in Production Research, 56 (1-2), pp.414-430. 2. Chapter 1 [ALX].

CASO STUDIO (dal libro di testo): Multi-Product Supply Chain Redesign (Case 1 Appendix 2 [ALX])

7

Sicurezza dei trasporti

1. Identificare la necessità di sicurezza dei trasporti.

2. Comprendere l'applicazione delle attuali iniziative di sicurezza dei trasporti.

3. Discutere la natura delle minacce alla sicurezza dei trasporti, compresi il terrorismo e la pirateria.

4. Acquisire la conoscenza delle tecnologie di sicurezza.

Lettrua: Capitolo 6 del libro di testo [GSCM].

8

Approvvigionamento (Procurement )

1. Il potenziale del Procurement per migliorare le prestazioni aziendali e organizzative.

2. Comprendere come il rischio e il valore possano influenzare la strategia e le tattiche di approvigionamento in relazione ai mercati.

3. Comprendere le diverse dinamiche degli appalti nel settore pubblico e privato e come ciò influisca sulle procedure di approvvigionamento e sul processo decisionale.

4. Le diverse fasi di sourcing, selezione, approvvigionamento e gestione dei contratti.

5. Come la domanda e le aspettative dei consumatori guidano la governance e la responsabilità nell'approvvigionamento e negli appalti.

6. La sostenibilità e le questioni ambientali come fattori non legati al prezzo nel processo decisionale sugli appalti.

7. Il ruolo centrale che l'approvvigionamento svolge in relazione a questioni più ampie della supply chain.

Lettura: Capitolo 8 del libro di testo [GSCM].

9 & 10

Laboratorio 2: Simulazione con fabbriche di produzione e politiche di Politiche di approvvigionamento ("Supply Chain a quattro stadi")

1. Acquisire una visione dell'impatto delle politiche di produzione e di approvvigionamento sulle prestazioni della supply chain e della logistica;

2. Sviluppare le competenze di anyLogistix necessarie per creare modelli di supply chain a quattro fasi, eseguire esperimenti e misurare le prestazioni;

3. Comprendere i compromessi tra strategie di single e dual sourcing.

Lettura: 1.Ivanov D. (2017) Simulation-based ripple effect modelling in the supply chain. International Journal of Production Research, 55(7), 2083-2101. 2 Chapter 3 [ALX].

CASO STUDIO (dal libro di testo):  Three-stage, one-period supply network design for beverage industry (Case 4 Appendix 2 [ALX]).

11

Gestione dell'inventario

1. Spiegate l'importanza dell'inventario nella logistica e nel SCM.

2. Introdurre i costi coinvolti nella gestione delle scorte.

3. Introdurre i comuni sistemi di controllo delle scorte progettati per ridurre i costi.

4. Identificare le strategie di riduzione delle scorte, compresa la gestione delle scorte just-in-time.

Lettura: Capitolo 9 del libro di testo [GSCM].

12

La tecnologia nella supply chain

1. Illustrare il ruolo pervasivo e importante svolto dalla tecnologia nella logistica e nel SCM.

2. Esaminare il ruolo crescente dell'automazione nella logistica.

3. Mostrare come i dati possono essere trasmessi e acquisiti nella Supply Chain.

4. Esplorare l'impatto della stampa 3D sulle supply chain.

Lettura: Capitolo 11 del libro di testo [GSCM].

CASO STUDIO (dal libro di testo [GSCM]):  Patient Safety and the Pharmaceutical Supply Chain

Min, H. (2019). Blockchain technology for enhancing supply chain resilience. Business Horizons, 62(1), 35-45.

13

Flussi informativi e finanziari nella supply chain

1. Esaminare come i dati fluiscono attraverso la supply chain.

2. Illustrare le tecniche utilizzate per la pianificazione e il controllo della supply chain e le modalità di definizione delle metriche di performance.

3. Comprendere i diversi tipi di costi maturati nei sistemi logistici e nelle supply chain.

4. Spiegare come si stabilisce la responsabilità del trasporto merci in transito.

5. Esaminare la documentazione che accompagna il trasporto di merci in transito e gli sforzi per garantire un movimento più continuo ed efficiente dell'altezza.

Lettura: Capitolo 12 del libro di testo [GSCM].

14

Vulnerabilità, rischio, robustezza e resistenza della supply chain

1. Fornire definizioni operative per i concetti chiave.

2. Spiegare perché il rischio, la solidità e la resilienza della supply chain sono emersi come temi importanti nel SCM.

3. Affrontare i problemi relativi alle interpretazioni e al trattamento del "rischio nella gestione".

4. Evidenziare la necessità di un approccio olistico alla gestione delle vulnerabilità della supply chain.

5. Fornire un quadro strutturato per l'identificazione e la gestione del rischio e della resilienza della supply chain.

Lettura: Capitolo 13 del libro di testo [GSCM].

15 & 16

Laboratorio 3: Gestione del rischio nelle supply chain

1. Sviluppare capacità analitiche e gestionali per analizzare gli effetti "bullwhip" e "ripple" nella supply chain;

2. Sviluppare competenze tecniche sul batching, sulle regole di ordinazione e sugli eventi;

3. Eseguire esperimenti di variazione, confronto e analisi del rischio in AnyLogistix;

4. Comprendere i principali compromessi nella gestione del rischio della supply chain.

Lettura: 1. Ivanov D., Sokolov B., Pavlov A. (2014) Optimal distribution (re)planning in a centralized multi-stage network under conditions of ripple effect and structure dynamics, European
Journal of Operational Research, 237(2), 758-770. 2. Chapter 4 [ALX].

CASO STUDIO (dal libro di testo):  Four-stage, multi-period supply chain planning with capacity disruptions, inventory, and transportation constraints (Case 5 Appendix 2 [ALX]).

17

Logistica sostenibile e sistemi di supply chain

1. Comprendere cosa comporta la sostenibilità nel contesto della logistica e del SCM

2. Comprendere i termini utilizzati per la sostenibilità, come l'impronta di carbonio e le miglia alimentari.

3. Illustrare esempi di buone pratiche di tentativi di riduzione dell'impronta ambientale.

4. Comprendere il legame esistente tra la crescita della logistica e la concomitante crescita della domanda di trasporto.

5. Esaminare i diversi aspetti delle due dimensioni chiave utilizzate nella logistica per ridurre l'impatto ambientale, ossia la scalabilità e l'efficienza.

Lettura: Capitolo 14 del libro di testo [GSCM].

18

Applicazione della gestione 

1. Riconoscere che la natura e le caratteristiche dei sistemi logistici e delle supply chain possono influenzare l'interpretazione dei risultati dell'analisi.

2. Riassumere una serie di applicazioni gestionali nel settore dei trasporti, della logistica e del SCM.

3. Descrivere le applicazioni di ottimizzazione, simulazione, decision making e previsione nel settore della gestione dei trasporti, della logistica e del SCM.

Lettura: Capitolo 17 del libro di testo [GSCM].

CASO STUDIO (dal libro di testo [GSCM]): Contamination in the Bulk Agri-Commodity Logistics Chain

19

Laboratorio 4:  Ottimizzazione della rete e simulazione avanzata
con il controllo delle scorte e dei trasporti

1. Comprendere l'ottimizzazione delle reti e dei trasporti;

2. Fornire una visione dell'impatto del controllo delle scorte e delle politiche di trasporto sulle prestazioni della supply chain e della logistica;

3. Sviluppare le competenze di CPLEX (AnyLogistix) necessarie per creare modelli di supply chain a tre stadi, eseguire esperimenti di ottimizzazione e simulazione e misurarne le prestazioni.

Lettura: 1. Ivanov D., Dolgui A., Ivanova M., Sokolov B. (2018) Simulation Vs. Optimization Approaches to Ripple Effect Modelling in the Supply Chain. In: Freitag M., Kotzab H., Pannek J. (eds) Dynamics in Logistics. LDIC 2018, Bremen 20-22,  2. Chapter 2 [ALX].  

CASO STUDIO (dal libro di testo): :  Simulation and network optimization in Germany (Case 3 Appendix 2 [ALX]).

20

Logistica inversa

1. Spiegate le basi della logistica inversa e le ragioni per cui si ricorre alla logistica inversa.

2. Descrivete le varie opzioni di recupero nella logistica inversa, come il riutilizzo, la rigenerazione e il riciclaggio.

3. Identificare le caratteristiche dell'opzione di recupero della rifabbricazione ed evidenziare la differenza tra gli ambienti della logistica inversa e della rifabbricazione.

4. Spiegare i fattori chiave di successo per l'implementazione di sistemi di logistica inversa.

5. Identificare e comprendere le metriche di prestazione relative alle opzioni di recupero della logistica inversa.

Lettura: Capitolo 15 del libro di testo [GSCM].

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

Testi utilizzati:

  1. Mangan, John, and Chandra Lalwani. Global logistics and supply chain management. John Wiley & Sons, 2016. 3rd Edition, ISBN 978119117827. [GSCM]

References:

  1. Ivanov D. (2021). Supply chain simulation and optimization with AnyLogistix. 5th, updated edition, Berlin School of Economics and Law Education [ALX]
  2. Ivanov, Dmitry. Structural dynamics and resilience in supply chain risk management. Vol. 265. Berlin, Germany: Springer International Publishing, 2018.
  3. https://www.youtube.com/playlist?list=PLJQSTE9A0y8UorXEXshHMjftC14IOnkuv 
  4. https://blog.hwr-berlin.de/ivanov/wp-content/uploads/2020/09/Update_ALX-Book-2020.pdf

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

ROBERTO REVETRIA (Presidente)

LEZIONI

Orari delle lezioni

L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile all'indirizzo EasyAcademy.

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

L'esame è composto da tre parti principali:

  • 20 quiz a scelta multipla per un totale di 25 punti su 30 (Per ogni domanda sbagliata data al momento del quiz vengono sottratti 0,5 punti.)
  • compiti per un totale di 7 punti su 30
  • esame orale per un totale di 32 punti su 30.
  • Il voto finale è la media di (quiz + compiti) e dell'esame orale.

L'esame orale si basa su una presentazione su un argomento del corso scelto dallo studente e su 3 domande aperte da parte del docente.

Gli esercizi (compiti) devono essere consegnati all'indirizzo: assignments.revetria@dime.unige.it entro il giorno dell'esame. Non si accettano esercizi in ritardo. Gli esercizi svolti in gruppo devono riportare tutti il nome dei componenti del gruppo. Gli esercizi simili che non riportano correttamente il nome dei membri del gruppo non saranno accettati.

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

Assignments in laboratorio
Assignment 1 (in gruppo):

Presentare e discutere i risultati del caso implementato nel laboratorio #1.
Consegna: Presentazione in PowerPoint da consegnare entro la fine della Sessione 7.

Assignment 2 (individuale):
Presentare e discutere i risultati del caso attuato nel laboratorio n. 2.
Consegna: Presentazione in PowerPoint da consegnare entro la fine della sessione 12.

Assignment 3 (in gruppo):
Il compito consiste nell'analizzare l'impatto della riprogettazione della supply chain su (i) le opzioni di allocazione, (ii) l'impatto delle politiche di trasporto, di approvvigionamento e di controllo delle scorte, nonché (iii) i cambiamenti futuri della capacità e della domanda sulle prestazioni finanziarie, dei clienti e operative della supply chain.
Domande a cui gli studenti devono rispondere: 

  • confrontare le catene di fornitura senza centri di distribuzione centrale e con centri di distribuzione centrale sulle prestazioni finanziarie, dei clienti e operative della catena di fornitura
  • Confrontare diverse varianti di localizzazione sulle prestazioni finanziarie, dei clienti e operative della catena di fornitura.
  • confrontare l'impatto delle politiche di spedizione LTL e FTL sulle prestazioni finanziarie, del cliente e operative della supply chain
  • confrontare le politiche di controllo delle scorte sulle prestazioni finanziarie, dei clienti e operative della supply chain
  • confrontare l'impatto delle politiche di sourcing sulle prestazioni finanziarie, dei clienti e operative della supply chain
  • analizzare l'impatto delle variazioni future della domanda sulle prestazioni finanziarie, dei clienti e operative della supply chain
  • analizzare l'impatto dei rischi di interruzione della capacità sulle prestazioni finanziarie, dei clienti e operative della supply chain.

Consegna: Relazione da presentare entro la fine della Sessione 18.
Presentazione individuale nella Sessione 18


Assignment 4 (in gruppo):
Presentare e discutere i risultati del caso implementato nel laboratorio #4. 
Consegna: Presentazione in PowerPoint da consegnare entro la fine della sessione 20

ALTRE INFORMAZIONI

Istruzioni aggiuntive

 

  1. Le letture aggiuntive e le istruzioni specifiche relative alle sessioni saranno condivise con gli studenti prima delle sessioni.
  2. Verranno formati dei gruppi coordinati dal Rappresentante di classe (POC) e ai gruppi verranno assegnati letture e casi. I gruppi condurranno la discussione in classe sulle letture loro assegnate. Le modalità di svolgimento e la tabella di marcia del corso saranno discusse e finalizzate.