Salta al contenuto principale
CODICE 64985
ANNO ACCADEMICO 2024/2025
CFU
SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE IUS/20
LINGUA Italiano
SEDE
  • IMPERIA
PERIODO 2° Semestre
MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

PRESENTAZIONE

L'insegnamento ha ad oggetto lo studio dei concetti fondamentali della sociologia del diritto, intesa come branca della sociologia che si occupa dei rapporti tra diritto e società. La materia comprende inoltre l'analisi dei principali ruoli professionali connessi ai processi socio-giuridici, in particolare giudici e avvocati, e le loro rispettive organizzazioni. Adottando la prospettiva delle scienze sociali, lo scopo è di fornire alcuni strumenti per una ricostruzione critica e originale del fenomeno giuridico.

OBIETTIVI E CONTENUTI

OBIETTIVI FORMATIVI

Il corso si propone di fornire elementi di conoscenza sui principali modelli teorici che informano la sociologia del diritto (a partire dai “classici” Durkheim e Weber) e sui metodi di ricerca sociale più utilizzati nel campo giuridico. Verranno inoltre approfonditi i seguenti temi: diritto e potere; efficacia delle norme giuridiche; sociologia dei diritti; profili storici e deontologici delle professioni legali; il potere giudiziario

OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

Il corso si propone di fornire elementi di conoscenza sui principali modelli teorici che informano la sociologia del diritto (a partire dai “classici” Durkheim e Weber), sui metodi di ricerca sociale più utilizzati in campo giuridico, nonché su alcuni temi centrali nel dibattito socio-giuridico, quali: diritto e potere; efficacia delle norme giuridiche; sociologia dei diritti; profili storici e deontologici delle professioni legali; il potere giudiziario. Inoltre, attenzione specifica sarà dedicata al tema della regolazione giuridica del fenomeno migratorio in Italia, con l'obiettivo di risaltare, in una prospettiva socio-giuridica, l'uso simbolico del diritto penale e la distinzione tra obiettivi dichiarati e obiettivi latenti delle politiche del diritto nell'ambito considerato.

MODALITA' DIDATTICHE

Lezioni frontali. Potranno inoltre essere previsti seminari di approfondimento su tematiche specifiche, in cui si cercherà di favorire la discussione in aula, anche al fine di contribuire al miglioramento delle capacità argomentative delle/degli studenti.

PROGRAMMA/CONTENUTO

CONTENUTI DEL PROGRAMMA PER FREQUENTANTI

Le lezioni tenute in classe tratteranno i seguenti ambiti tematici:

1. origine, oggetto e metodi della sociologia del diritto;

2. rapporti tra sociologia del diritto e scienza giuridica;

3. la sociologia del diritto di Émile Durkheim;  

4. diritto, potere e trasformazioni sociali in Max Weber;

5. norme sociali e norme giuridiche: definizioni e criteri distintivi;

6. efficacia del diritto: il caso della disciplina giuridica delle migrazioni internazionali in Italia;

7. profili etico-normativi della professione forense (seminario).

CONTENUTI DEL PROGRAMMA PER NON FREQUENTANTI

Al di là degli obiettivi formativi, che sono comuni a tutt*, il programma per le studentesse e gli studenti che non intendono frequentare le lezioni si articola in tre parti:

1) introduzione alla storia, oggetto e metodi della sociologia del diritto (testo di riferimento: V. Ferrari, Diritto e società. Elementi di sociologia del diritto, La Terza, Roma-Bari 2006);

2) sociologia delle professioni legali (testo di riferimento: G. Pascuzzi, Giuristi si diventa. Come riconoscere e apprendere le abilità proprie delle professioni legali, il Mulino, Bologna 2019, III edizione, limitatamente ai primi quattro capitoli, ossia fino p. 164 compresa)

3) approfondimenti tematici specifici:

o sul fenomeno dell'immigrazione e della protezione internazionale in una prospettiva di ricerca socio-giuridica (testo di riferimento: I. Fanlo Cortés e D. Ferrari, a cura di, I soggetti vulnerabili nei processi migratori. La protezione internazionale tra teoria e prassi,, Giappichelli, Torino, 2020, limitatamente al capitolo introduttivo e cinque saggi a scelta);

o, in alternativa, sulla sociologia dei diritti in una prospettiva storica (testo di riferimento: R. Marra, La religione dei diritti, Giappichelli, Torino, 2006, tutto esclusa l’appendice);

o, ancora, in alternativa, su argomenti a scelta (testo di riferimento G. Campesi, L. Pannarale, I. Pupolizio, Sociologia del diritto, Le Monnier 2017, limitatamente a sei capitoli a scelta).

 

TESTI/BIBLIOGRAFIA

 

PROGRAMMA D'ESAME PER FREQUENTANTI:

1. Gli appunti presi a lezione.

2. I. Fanlo Cortés, Diritto, immigrazione, territorio. Ricerche socio-giuridiche sul governo delle migrazioni a livello locale, Ledizioni, Milano, 2012 (solo l’introduzione e il terzo capitolo: pp. 7-17; 77-136)

3.  I. Fanlo Cortés e D. Ferrari, a cura di, I soggetti vulnerabili nei processi migratori. La protezione internazionale tra teoria e prassi,, Giappichelli, Torino, 2020, limitatamente a tre saggi a scelta.

PROGRAMMA DI ESAME PER NON FREQUENTANTI

1. V. Ferrari, Diritto e società. Elementi di sociologia del diritto, La Terza, Roma-Bari 2006.

2. M. La Torre, Il giudice, l’avvocato e il concetto di diritto, Rubbettino, Soveria Mannelli, 2002, pp. 9-155, OPPURE IN ALTERNATIVA, G. Pascuzzi, Giuristi si diventa. Come riconoscere e apprendere le abilità proprie delle professioni legali, il Mulino, Bologna 2019, terza edizione, limitatamente ai primi quattro capitoli, ossia fino p. 164 compresa.

3. Uno dei seguenti testi a scelta: . Fanlo Cortés e D. Ferrari, a cura di, I soggetti vulnerabili nei processi migratori. La protezione internazionale tra teoria e prassi,Giappichelli, Torino, 2020, limitatamente al capitolo introduttivo e cinque saggi a scelta; R. Marra, La religione dei diritti, Giappichelli, Torino, 2006, tutto, esclusa l’appendice; G. Campesi, L. Pannarale, I. Pupolizio, Sociologia del diritto, Le Monnier 2017, limitatamente a sei capitoli a scelta; E. Santoro, a cura di, Diritto come questione sociale, Giappichelli, Torino 2010, limitatamente a sei capitoli a scelta.

 

 

DOCENTI E COMMISSIONI

Commissione d'esame

ISABEL FANLO CORTES (Presidente)

MATTIA VOLPI

REALINO MARRA (Presidente Supplente)

GIULIA ARENA (Supplente)

MATTEO BUFFA (Supplente)

FRANCESCA CERESA GASTALDO (Supplente)

NATHALIE PARIS (Supplente)

LAURA SCUDIERI (Supplente)

LEZIONI

INIZIO LEZIONI

L'insegnamento si terrà nel secondo semestre (febbraio-maggio 2024). Indicazioni più precise verranno fornite su aulaweb.

ESAMI

MODALITA' D'ESAME

Frequentanti

Per le/i sole/i studenti frequentanti sarà previsto, alla fine del corso, lo svolgimento di una prova scritta facoltativa, consistente in sei domande a risposta aperta, sugli argomenti trattati a lezione ed eventuali ulteriori parti del programma concordate a lezione.

In caso di esito positivo della prova scritta, l’esame si concluderà con un breve colloquio orale, in uno degli appelli previsti nel calendario degli esami. Per coloro che invece non avranno superato la prova scritta o per loro scelta non l'hanno sostenuta, l’esame si svolgerà interamente in forma orale sul programma previsto per le/i frequentanti.

Non frequentanti

Per i non frequentanti, l’esame consisterà esclusivamente in un colloquio orale finalizzato ad accertare l’apprendimento e la rielaborazione dei contenuti, nonché la capacità espositiva, argomentativa e di collegamento tra i vari temi trattati.

 

 

MODALITA' DI ACCERTAMENTO

Alle studentesse e agli studenti frequentanti, il cui grado di apprendimento e interesse verrà valutato anche durante lo svolgimento delle lezioni, è richiesto di comprendere e di rielaborare con spirito critico i temi trattati in classe e di saperli esporre con proprietà di linguaggio.
Alle studentesse e agli studenti non frequentanti è richiesto di comprendere e rielaborare le questioni affrontate nei testi, e di saperle esporre con proprietà di linguaggio.

 

ALTRE INFORMAZIONI

Per richieste di chiarimento sull'attività didattica è possibile contattare la docente via email all'indirizzo Isa.Fanlo@unige.it.

Si consiglia sempre l'iscrizione alla pagina aulaweb dell'insegnamento che sarà attivata dai primi di febbraio del 2024.

Le/gli studenti che per ragioni dipendenti da disabilità o disturbi specifici dell'apprendimento (DSA) necessitino di strumenti compensativi o di misure dispensative, sia ai fini della preparazione dell'esame (materiali ad hoc, supporto didattico; colloqui individuali, etc), sia durante lo svolgimento dell'esame (ad es.l'uso di mappe concettuali) potranno comunicare alla Docente le loro esigenze in modo da concordare l'adozione degli accorgimenti più opportuni.