Salta al contenuto principale della pagina

ECONOMIA DEI PROCESSI PRODUTTIVI

CODICE 80198
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 6 cfu al 2° anno di 9017 SCIENZA E INGEGNERIA DEI MATERIALI (LM-53) - GENOVA
  • 4 cfu al 2° anno di 9018 SCIENZE CHIMICHE (LM-54) - GENOVA
  • 4 cfu al 2° anno di 9020 CHIMICA INDUSTRIALE (LM-71) - GENOVA
  • 4 cfu al 1° anno di 9018 SCIENZE CHIMICHE (LM-54) - GENOVA
  • 4 cfu al 1° anno di 9020 CHIMICA INDUSTRIALE (LM-71) - GENOVA
  • 6 cfu al 1° anno di 11430 SCIENZA E TECNOLOGIA DEI MATERIALI (LM SC.MAT.) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE ING-IND/26
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 2° Semestre
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    L'insegnamento introduce lo studente alle principali dinamiche economico-organizzative di una impresa, evidenziando il ruolo dell'esperto nel contesto aziendale, con particolare attenzione alla realizzazione, valutazione della profittabilità e gestione dei progetti di investimento in termini di "sostenibilità" aziendale, e dunque oltre la semplice validità tecnica di una proposta.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    "Principale obiettivo formativo dell' insegnamento di Economia dei Processi Produttivi è l’apprendimento da parte degli allievi dei concetti fondamentali dell’economia e dell’organizzazione aziendale, mediante i quali poter utilizzare nella futura vita professionale le conoscenze scientifiche acquisite, applicandole nell’ambito del sistema produttivo industriale."

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    Al termine del corso gli studenti avranno acquisito le conoscenze di base riguardanti la struttura delle imprese nel settore manifatturiero e gli aspetti finanziari fondamentali che ne regolano le attività, con particolare riguardo alla teoria degli investimenti e alla compatibilità dell’attività produttiva con la salvaguardia dell’ambiente.

    Risultati d'apprendimento previsti:

    1. Valutazione delle informazioni economico-finanziarie di un’impresa
    2. Valutazione di progetti di investimento
    3. Monitoraggio e gestione di progetti industriali

    Profilo Professionale Consigliato:
    Scienziato dei materiali: specialista nella tecnologia

    PREREQUISITI

    Nessuno

    MODALITA' DIDATTICHE

    L’intero programma sarà svolto mediante lezioni frontali - Gli appunti relativi a ciascuna lezione saranno disponibili su AulaWeb in raccolte di diapositive in data anteriore alla lezione stessa.

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    A) Il sistema impresa

    1. Struttura giuridica ed assetto tecnologico-organizzativo

    • Azionisti, Consiglio di Amministrazione, Management, Governance
    • Analisi delle attività di un’impresa

    2. Fini dell’impresa

    • Massimizzazione del valore economico
    • La politica di responsabilità sociale

    B) Determinazione del livello produttivo

    1. Cenni di valutazione della domanda

    2. Analisi dei costi

    • Standardizzazione, normalizzazione e modularità
    • Economie di scala ed economie di apprendimento
    • Costi fissi, variabili e totali
    • Determinazione del break-even point e analisi dell’elasticità
    • La stima dei costi nell’industria di processo

    C) La logica delle scelte nelle imprese di produzione

    1. Criteri e vincoli di finanziamento

    • I documenti finanziari delle imprese
    • Strategie di crescita 

    2. Teoria degli investimenti e dell’innovazione tecnologica

    • Definizione di Net Present Value, Discounted Cash Flow e Return on Investment
    • Valutazione del rischio e dell’incertezza

    D) Il rapporto impresa ambiente

    1. Esternalità ambientali

    • Esempi di allocazione di beni naturali scarsi
    • Vincoli sul livello di inquinamento: normativa command-and-control e diritti negoziabili di emissione

    2. Analisi Costi-Benefici

    E) La gestione dei progetti 

    1. Tecniche di monitoraggio dei risultati e del budget

    2. Strumenti quantitativi

    • La programmazione lineare: metodo del simplesso
    • Programmazione quadratica
    • Programmazione matematica con vincoli di uguaglianza e diseguaglianza
    • Metodo Branch&Bound per problemi a numeri interi

     

    Modulo aggiuntivo per studenti con 6 crediti

    F) Elementi di teoria del valore (2 crediti)

    • Valutazione di obbligazioni.  Tasso nominale, spot e forward. Valore delle azioni. Modello di Gordon
    • Analisi finanziaria, documenti finanziari, Indici di profittabilità, efficienza, rischio, liquidità.
    • Analisi del rischio, portafogli efficienti, portafoglio ottimale di mercato, Coefficiente beta, CAPM.
    • Ruolo del debito d’impresa. Costi di distress finanziario e di fallimento.
    • Concetti di finanza dei prodotti derivati: futures, options, swaps.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    G. Azzone e U. Bertelé – L’impresa- Sistemi di governo, valutazione e controllo- 5a Ed. –Rizzoli Etas, 2011

    M. Peters, K. Timmerhaus and Ronald West - Plant Design and Economics for Chemical Engineers- 5a Ed. –McGraw-Hill Education, 2003

    Appunti delle lezioni


    Materiale suppletivo sarà fornito a richiesta a studenti lavoratori o studenti con DSA per venire incontro ad esigenze specifiche.

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    MARCO VOCCIANTE (Presidente)

    ANDREA REVERBERI

    ALBERTO SERVIDA (Supplente)

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    Le lezioni del secondo semestre avranno inizio il 28/2/2023 e termineranno il 08/6/2023, con le interruzioni previste dal calendario didattico della Scuola di Scienze.


    CONSIDERATO CHE NON E' POSSIBILE DEFINIRE ORA CON PRECISIONE GLI ORARI DELLE LEZIONI, E IN VISTA DI EVENTUALI MISURE STRAORDINARIE RELATIVE ALLO SVOLGIMENTO DELLA DIDATTICA EMANATE DALL'ATENEO, SI INVITANO GLI STUDENTI A VISITARE FREQUENTEMENTE SITI COME https://corsi.unige.it/9020/p/studenti-orario E https://chimica.unige.it/node/390 PER AVERE AGGIORNAMENTI SULL'ARGOMENTO

    Orari delle lezioni

    L'orario di tutti gli insegnamenti è consultabile su EasyAcademy.

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    Verifiche periodiche dell’apprendimento – Esame orale finale.

    La prova orale consisterà in una serie di domande e conseguente discussione sui vari moduli in cui è organizzato il corso al fine di valutare il corretto raggiungimento degli obiettivi formativi (si veda "modalità di accertamento").

    Ulteriori informazioni saranno fornite durante lo svolgimento del corso (durante la prima lezione, e successivamente su richiesta dello studente)

    Per gli studenti disabili o con DSA, le modalità d'esame sono uniformate alla regolamentazione di Ateneo per lo svolgimento degli esami di profitto (https://unige.it/disabilita-dsa).

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    La frequenza delle lezioni costituisce un presupposto fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi formativi dell'insegnamento.

    La prova orale permetterà la verifica dell'effettivo conseguimento di tali obiettivi.
    Contestualmente sarà valutata la capacità di ragionamento critico dello studente e la sua abilità nel rispondere in modo chiaro e diretto a quesiti specifici.

    In particolare sarà inoltre valutata positivamente la capacità dello studente di applicare le conoscenze teoriche acquisite in risposta a scenari realistici o per la risoluzione di semplici problemi.

    Qualora gli obiettivi formativi non fossero raggiunti, lo studente sarà invitato ad approfondire lo studio e ad avvalersi di ulteriori spiegazioni da parte del docente.

    Calendario appelli

    Data Ora Luogo Tipologia Note