Salta al contenuto principale della pagina

ARCHEOLOGIA E STORIA DELL'ARTE GRECA E ROMANA

CODICE 72637
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 12 cfu al 1° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1) - GENOVA
  • 12 cfu al 2° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1) - GENOVA
  • 9 cfu al 3° anno di 8453 CONSERVAZIONE DEI BENI CULTURALI (L-1) - GENOVA
  • 6 cfu al 1° anno di 8457 LETTERE (L-10) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE L-ANT/07
    LINGUA Italiano
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 2° Semestre
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    L’insegnamento di “Archeologia e storia dell’arte greca e romana” si propone di analizzare i principali fenomeni artistici e i più importanti aspetti di cultura materiale relativi alla civiltà greca e romana, dagli inizi dell’età arcaica fino alle soglie della tarda antichità, inquadrati nel loro contesto storico ed economico-sociale.

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    L’insegnamento di “Archeologia e storia dell’arte greca e romana” si pone l’obiettivo di fornire un quadro complessivo della storia dell’arte antica e dello sviluppo storico della cultura materiale greca e romana dall’XI sec.a.C. al IV sec.d.C.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    Scopo dell’insegnamento è quello di dotare gli studenti, attraverso la trattazione di argomenti-chiave e l’analisi di contesti selezionati, degli strumenti critici per la conoscenza e la comprensione delle principali tematiche relative all’urbanistica, all’architettura, alla produzione artistica e artigianale e alla cultura materiale del mondo greco e romano, esaminate nel loro sviluppo storico, dalle origini all’inizio della tarda antichità.

    Al termine dell’insegnamento lo studente:

    - sarà in grado di analizzare criticamente temi fondamentali dell’urbanistica, dell’architettura, della civiltà artistica, della produzione artigianale e della cultura materiale greca e romana, e di comprendere contesti, opere e monumenti inquadrandoli nel contesto storico e sociale;

    - saprà utilizzare con profitto le diverse fonti documentarie e gli strumenti bibliografici;

    - avrà inoltre acquisito una conoscenza generale di tecniche artistiche e artigianali in uso nel mondo greco e romano e del lessico tecnico relativo agli studi di archeologia classica;

    - disporrà delle competenze di base di archeologia e storia dell’arte classica utili per accedere alle classi di laurea magistrale di ambito archeologico, filologico, storico e storico-artistico.

    Tali risultati sono relativi all’insegnamento da 6 cfu. Ulteriori risultati di apprendimento, per chi segue l’insegnamento da 9 o 12 cfu, consisteranno in una sempre maggiore (da 9 a 12 cfu) capacità di analizzare, contestualizzare e comprendere aspetti e fenomeni-chiave dell’archeologia e della storia dell’arte greca e romana.

    PREREQUISITI

    E' utile una buona conoscenza storica e geografica delle diverse aree del Mediterraneo dal X sec. a.C. al V sec. d.C. E' avvantaggiato anche lo studente che possiede un bagaglio di conoscenze relative alle civiltà greca e romana.

    MODALITA' DIDATTICHE

    Lezioni frontali, con uso di PowerPoint e eventuali altri supporti audiovisivi; discussione in classe di materiale didattico precedentemente fornito dal docente (ogni materiale didattico sarà inserito in AulaWeb); analisi di casi di studio; eventuali visite a siti archeologici e musei; seminari; lavori di gruppo.

    Si raccomanda vivamente l’iscrizione al corso su AulaWeb, per ricevere informazioni e scaricare il materiale didattico visionato durante le lezioni.

    L'attività di insegnamento potrà essere integrata con la partecipazione ad attività di laboratorio, seminari, scavi archeologici e ricognizioni organizzati dal docente.

    Le lezioni si terranno  in presenza. La partecipazione alle lezioni è vivamente consigliata. Sono considerati frequentanti solo gli studenti che partecipano in presenza alle lezioni. Il docente, su richiesta specifica dello studente interessato, consente tramite piattaforma Teams la fruizione a distanza delle lezioni e delle relative registrazioni.

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu

    L’archeologia e l’arte greca e romana dal protogeometrico alla tarda età imperiale: forme, percorsi, contesti. 

    Argomenti trattati: l'origine ed evoluzione del tempio in età arcaica; l’evoluzione del tipo statuario del kouros; la statuaria femminile e le korai; la pittura vascolare nell’VIII e VII sec. a.C., la tecnica a figure nere; la scultura di V sec. fino a Policleto e Fidia; il santuario di Olimpia: architettura e scultura; la pittura vascolare dalle figure rosse agli echi delle megalografie; l’acropoli di Atene: architettura e scultura; architettura e scultura post-partenonica; Prassitele, Scopa e Lisippo; l’architettura dal IV sec. a.C. al tardo ellenismo; la pittura dalle tombe di Verghina all’invenzione del paesaggio; la scultura ellenistica; l’arte greca per Roma; Roma: l’età regia e alto e mediorepubblicana; arte e politica in età tardorepubblicana; l’età augustea; l’età giulio-claudia e flavia; il secolo dei «buoni imperatori» (da Nerva agli Antonini); il III sec. d.C.; l’arte tardoantica.

    Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu

    L’archeologia e l’arte greca e romana dal protogeometrico alla tarda età imperiale: forme, percorsi, contesti.

    Argomenti trattati: l'origine ed evoluzione del tempio in età arcaica; l’evoluzione del tipo statuario del kouros; la statuaria femminile e le korai; la pittura vascolare nell’VIII e VII sec. a.C., la tecnica a figure nere; la scultura di V sec. fino a Policleto e Fidia; il santuario di Olimpia: architettura e scultura; la pittura vascolare dalle figure rosse agli echi delle megalografie; l’acropoli di Atene: architettura e scultura; architettura e scultura post-partenonica; Prassitele, Scopa e Lisippo; l’architettura dal IV sec. a.C. al tardo ellenismo; la pittura dalle tombe di Verghina all’invenzione del paesaggio; la scultura ellenistica; l’arte greca per Roma; Roma: l’età regia e alto e mediorepubblicana; arte e politica in età tardorepubblicana; l’età augustea; l’età giulio-claudia e flavia; il secolo dei «buoni imperatori» (da Nerva agli Antonini); il III sec. d.C.; l’arte tardoantica.

    Approfondimento 1: spazi agoraici e forensi nel mondo greco e romano.

    Programma per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu

    L’archeologia e l’arte greca e romana dal protogeometrico alla tarda età imperiale: forme, percorsi, contesti.

    Argomenti trattati: l'origine ed evoluzione del tempio in età arcaica; l’evoluzione del tipo statuario del kouros; la statuaria femminile e le korai; la pittura vascolare nell’VIII e VII sec. a.C., la tecnica a figure nere; la scultura di V sec. fino a Policleto e Fidia; il santuario di Olimpia: architettura e scultura; la pittura vascolare dalle figure rosse agli echi delle megalografie; l’acropoli di Atene: architettura e scultura; architettura e scultura post-partenonica; Prassitele, Scopa e Lisippo; l’architettura dal IV sec. a.C. al tardo ellenismo; la pittura dalle tombe di Verghina all’invenzione del paesaggio; la scultura ellenistica; l’arte greca per Roma; Roma: l’età regia e alto e mediorepubblicana; arte e politica in età tardorepubblicana; l’età augustea; l’età giulio-claudia e flavia; il secolo dei «buoni imperatori» (da Nerva agli Antonini); il III sec. d.C.; l’arte tardoantica.

    Approfondimento 1: spazi agoraici e forensi nel mondo greco e romano.

    Approfondimento 2: la villa romana.

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 6 cfu:

    Per la parte greca:
    G. BEJOR, M. CASTOLDI, C. LAMBRUGO, Arte greca, Mondadori, Milano 2013.
    Per la parte romana:
    M. TORELLI, M. MENICHETTI, G.L. GRASSIGLI, Arte e archeologia del mondo romano, Longanesi, Milano 2008.

    P. ZANKER, Arte romana, Laterza, Roma-Bari 2012.

    Ulteriori suggerimenti di lettura potranno essere forniti a lezione.

    Si raccomanda vivamente la frequenza; gli studenti non frequentanti sono pregati di mettersi in contatto con il docente per concordare un eventuale programma d'esame individuale.

    Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 9 cfu:

    Per la parte greca:
    G. BEJOR, M. CASTOLDI, C. LAMBRUGO, Arte greca, Mondadori, Milano 2013.
    Per la parte romana:
    M. TORELLI, M. MENICHETTI, G.L. GRASSIGLI, Arte e archeologia del mondo romano, Longanesi, Milano 2008.

    P. ZANKER, Arte romana, Laterza, Roma-Bari 2012.

    Per l’approfondimento 1:

    C. MARCONI, L’agora e il santuario. I centri della vita pubblica nella polis di età arcaica e classica, in M. Vetta (a cura di), La civiltà dei Greci. Forme, luoghi, contesti, Carocci, Roma 2001, pagine 225-244, 258-260.

    C. AMPOLO (a cura di), Agora greca e agorai di Sicilia, Edizioni della Normale, Pisa 2012, pagine 1-30.

    P. GROS, L’architettura romana dagli inizi del III secolo a.C. alla fine dell’alto Impero. I monumenti pubblici, Longanesi & C., Milano 2001, pagine 228-300.

    Ulteriori suggerimenti di lettura potranno essere forniti a lezione.

    Si raccomanda vivamente la frequenza; gli studenti non frequentanti sono pregati di mettersi in contatto con il docente per concordare un eventuale programma d'esame individuale.

    Bibliografia per gli studenti che utilizzano l'insegnamento per 12 cfu:
    Per la parte greca:
    G. BEJOR, M. CASTOLDI, C. LAMBRUGO, Arte greca, Mondadori, Milano 2013.
    Per la parte romana:
    M. TORELLI, M. MENICHETTI, G.L. GRASSIGLI, Arte e archeologia del mondo romano, Longanesi, Milano 2008.

    P. ZANKER, Arte romana, Laterza, Roma-Bari 2012.

    Per l’approfondimento 1:

    C. MARCONI, L’agora e il santuario. I centri della vita pubblica nella polis di età arcaica e classica, in M. Vetta (a cura di), La civiltà dei Greci. Forme, luoghi, contesti, Carocci, Roma 2001, pagine 225-244, 258-260.

    C. AMPOLO (a cura di), Agora greca e agorai di Sicilia, Edizioni della Normale, Pisa 2012, pagine 1-30.

    P. GROS, L’architettura romana dagli inizi del III secolo a.C. alla fine dell’alto Impero. I monumenti pubblici, Longanesi & C., Milano 2001, pagine 228-300.

    Per l’approfondimento 2:

    H. MIELSCH, La villa romana, Giunti, Firenze 1999, pagine 5-170.

    Ulteriori suggerimenti di lettura potranno essere forniti a lezione.

    Si raccomanda vivamente la frequenza; gli studenti non frequentanti sono pregati di mettersi in contatto con il docente per concordare un eventuale programma d'esame individuale.

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    ANTONINO FACELLA (Presidente)

    SILVIA PALLECCHI

    FABRIZIO BENENTE (Supplente)

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    Febbraio 2023

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    Esame orale. L'esame può essere diviso in due parti, ma solo all'interno della stessa sessione (estiva, autunnale o invernale).

    MODALITA' DI ACCERTAMENTO

    L’esame si svolgerà in forma orale, e permetterà di verificare la conoscenza e comprensione degli argomenti trattati a lezione e dei testi elencati nell’apposita sezione della voce bibliografia. L’esame servirà inoltre a verificare la capacità dello studente di analizzare criticamente le problematiche, utilizzando opportunamente fonti e strumenti bibliografici e usando un linguaggio appropriato.

    I parametri di valutazione dell’accertamento del grado di apprendimento raggiunto tengono conto della seguente scala di valori:

    1. se lo studente dimostrerà di aver  compreso  i testi proposti e le tematiche affrontate a lezione, mostrando capacità critiche e di contestualizzazione, e sarà in grado di esprimersi con linguaggio appropriato e padronanza espressiva, l’esame sarà valutato con voti tra l’ottimo e l’eccellente (da 28 a 30 con lode);
    2. una conoscenza di tipo esclusivamente o prevalentemente mnemonico, priva di una profonda comprensione dei temi trattati ma comunque in grado di sviluppare semplici ragionamenti interpretativi, unita all’utilizzo di un linguaggio corretto ma non sempre appropriato condurranno a una valutazione compresa tra buono (25-27) e soddisfacente (23-24);
    3. una conoscenza approssimativa degli argomenti trattati, una comprensione superficiale delle problematiche discusse e modalità espressive non appropriate porteranno a valutare l’esame come sufficiente (18-22);
    4. lacune formative, linguaggio inappropriato, mancanza di orientamento all’interno dei materiali bibliografici e delle tematiche presentate a lezione saranno valutati negativamente.

    Calendario appelli

    Data Ora Luogo Tipologia Note
    15/12/2022 10:00 GENOVA Orale
    26/01/2023 10:00 GENOVA Orale
    09/02/2023 10:00 GENOVA Orale
    11/05/2023 10:00 GENOVA Orale Riservato a chi ha seguito l'insegnamento negli anni precedenti
    25/05/2023 10:00 GENOVA Orale
    08/06/2023 10:00 GENOVA Orale
    27/07/2023 10:00 GENOVA Orale
    04/09/2023 10:00 GENOVA Orale

    ALTRE INFORMAZIONI

    Informazioni sulla possibilità di partecipare ad attività di laboratorio e a campagne di scavo e di survey verranno fornite a lezione.

    Per ogni ulteriore domanda su programma dell’insegnamento e modalità d'esame, il docente è reperibile negli orari di ricevimento e può essere contattato via mail: antonino.facella@unige.it