Salta al contenuto principale della pagina

STORIA DEL PENSIERO ANTICO (LM)

CODICE 106701
ANNO ACCADEMICO 2022/2023
CFU
  • 6 cfu al 1° anno di 11268 FILOLOGIA E SCIENZE DELL'ANTICHITA' (LM-15) - GENOVA
  • 6 cfu al 1° anno di 8465 METODOLOGIE FILOSOFICHE (LM-78) - GENOVA
  • SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE M-FIL/07
    SEDE
  • GENOVA
  • PERIODO 1° Semestre
    MATERIALE DIDATTICO AULAWEB

    PRESENTAZIONE

    L'insegnamento consiste in una lettura guidata di uno o più testi greci antichi e/o latini meno frequentati di altri, ma di particolare rilevo per la storia del pensiero filosofico e scientifico greco-romano. 

    OBIETTIVI E CONTENUTI

    OBIETTIVI FORMATIVI

    L’insegnamento di Storia del pensiero antico mira all’acquisizione della conoscenza di un tema specialistico della storia della filosofia e della cultura greca e latina, che viene approfondito attraverso la lettura di uno o più testi antichi, introdotti e commentati. Obiettivo dell’insegnamento è inoltre l’acquisizione di un metodo scientifico di ricerca a partire dai testi stessi, interrogati dal punto di vista del lessico, delle strutture argomentative e del contesto storico-culturale da cui si originano, con riferimenti essenziali a letteratura secondaria selezionata.

    OBIETTIVI FORMATIVI (DETTAGLIO) E RISULTATI DI APPRENDIMENTO

    Sapere – L’insegnamento si propone di approfondire un momento e/o un tema ad alto tenore teorico all’interno della storia del pensiero dell’Occidente antico, attraverso la lettura in originale di opere scelte, debitamente introdotte, commentate e discusse. Un’efficace contestualizzazione storica e problematica delle opere affrontate permetterà agli studenti di approfondire lla loro conoscenza dello sviluppo della filosofia e scienze nell’antichità greco-romana, con particolare riguardo alle matematiche.

    Saper fare – Agli studenti viene offerta l’opportunità di acquisire un metodo rigoroso di studio nell’ambito della storia del pensiero antico: parte delle lezioni sarà dedicata agli strumenti della ricerca in questo ambito, con attenzione speciale all’uso dei lessici su supporto informatico e alla consultazione di banche-dati di natura bibliografica. Sono previste, all’interno delle ore di lezione, alcune esercitazioni seminariali, intese come una palestra per l’affinamento delle capacità argomentative e di discussione degli studenti. Gli studenti interessati potranno sostituire una porzione dell’esame con una prova pratica, che consisterà in relazione scritta e/o un intervento in sede seminariale su problemi di natura lessicografica e/o bibliografica attinenti alla materia di esame.

    Saper essere – L’acquisizione delle abilità di metodo e di discussione sopra indicate, unita ad una maggiore presa di coscienza delle origini e di alcuni contenuti del pensiero filosofico e scientifico occidentale, può contribuire a migliorare, negli studenti, la disponibilità al dialogo e al confronto critico con altre persone e culture.

    PREREQUISITI

    Capacità di lettura e traduzione del greco antico e del latino, nonché della lingua inglese. Conoscere, nelle sue linee generali, lo sviluppo del pensiero greco-romano dal VI sec. a.C al VI sec. d.C. Aver acquisito capacità di lettura e di commento dei testi filosofici e scientifici antichi. Possedere padronanza del lessico della filosofia dell’antichità greco-romana. Sapersi esprimere oralmente e per iscritto, con proprietà di linguaggio ed efficacia argomentativa, su momenti e temi di filosofia, scienza e cultura greco-romane. 

    MODALITA' DIDATTICHE

    Le lezioni si svolgeranno in presenza. La frequenza, sebbene non obbligatoria, è consigliata. Saranno considerati frequentanti gli studenti che parteciperanno in presenza alle lezioni.

    Il docente, su richiesta specifica di ciascuno studente, consentirà la fruizione a distanza delle lezioni tramite piattaforma Teams.

    Sono previste lezioni partecipate (distribuzione di brani da tradurre, traduzione comune e commento) e seminari

    PROGRAMMA/CONTENUTO

    L’enigma del continuo. Il trattato pseudo-aristotelico De lineis insecabilibus e il libro VI della Fisica di Aristotele

    TESTI/BIBLIOGRAFIA

    1) Letteratura primaria

    Ps. Aristotele, De lineis insecabilibus, Introduzione, traduzione e commento a cura di M. Timpanaro Cardini, Istituto Editoriale Cisalpino, Milano-Varese 1970 (data la difficile reperibilità del testo, sarà messo a disposizione il pdf sul canale "Teams" del corso)

    Aristotele, Fisica, a cura di R. Radice, Bompiani, Milano 2011 (libro VI)

    2) Letteratura secondaria 

    E. Cattanei, Il destino monastico e diastico del punto euclideo. Un dibattito millenario, che sorge fra Patone e Aristotele, in: M. Migliori (a cura di), Gigantomachia. Convergenze e divergenze fra Platone e Aristotele, Morcelliana, Brescia 2002, pp. 379-463, §§ 2, 4, 5 (pdf sul canale "Teams" del corso)

    Ead., Apologie des défenseurs des lignes insécables, «Cahiers du Centre d’Études sur la Pensée antique “Kairos kai Logos”», 79 (2006), pp. 1-30 (pdf sul canale "Teams" del corso)

    EAD., «Il moto della mente non si attua nel continuo della materia». Il ruolo del pensiero in un dibattito antico su continuità e discontinuità, in: R.L. Cardullo-G.R. Giardina (a cura di), Percepire, Apprendere, AgireLa riflessione filosofica antica sul rapporto tra mente e corpo, Academia Verlag, Sankt-Augustin 2016, pp. 41-56 («Symbolon», 43)

    R. Sorabji, Time, Creation and the Continuum, Duckworth, London 1983, cap. V (il libro è ancora in commercio; in caso di scarsa disponibilità il pdf di alcune pagine sarà a disposizione sul canale "Teams" del corso)

    3) Letture consigliate

    Aristotle’s Physics, A Revised Text with Introduction and Commentary by W.D. Ross, Oxford University Press, Oxford 1936; 1998, Book VI (Z); pp. 402-419 (Commentary to Book VI)

    D.J. Furley, Two Studies in the Greek Atomists, Princeton University Press, Princeton, N.J. 1967, I: Indivisible Magnitudes, pp. 44-158

    D. Harlfinger, Die Textgeschichte der Pseudo-aristotelischen Schrift PERI ATMON GRAMMON, Hakkert, Amsterdam 1971 

    N. Kretzmann (ed.), Infinity and Continuity in Ancient and Medieval Thought, Cornell Univ. Press, Ithaca-London, 1982

    W. Wieland, La fisica di Aristotele, Il Mulino, Bologna 1993 (spec. III)

     

    DOCENTI E COMMISSIONI

    Commissione d'esame

    ELISABETTA CATTANEI (Presidente)

    MATTEO ZOPPI

    LARA PAGANI (Supplente)

    LEZIONI

    INIZIO LEZIONI

    Martedì 4 ottobre 2022

    ESAMI

    MODALITA' D'ESAME

    Colloquio orale e/o relazione scritta da concordare con la docente

    Calendario appelli

    Data Ora Luogo Tipologia Note
    15/12/2022 10:00 GENOVA Orale
    19/01/2023 10:00 GENOVA Orale
    09/02/2023 10:00 GENOVA Orale
    11/05/2023 10:00 GENOVA Orale
    29/05/2023 10:00 GENOVA Orale
    22/06/2023 10:00 GENOVA Orale
    13/07/2023 10:00 GENOVA Orale
    14/09/2023 10:00 GENOVA Orale