Salta al contenuto principale della pagina

Why Naval Architecture and Marine Engineering?

Si sceglie un percorso di studio in ambito navale perché si predilige un lavoro improntato sulla produzione, gestione ed organizzazione delle attività tecnico-commerciali, sia nelle imprese manifatturiere che in quelle di servizi.

Gli sbocchi occupazionali sono molteplici e riguardano soprattutto i Cantieri di costruzione e di riparazione di navi, Imbarcazioni e mezzi marini, Industrie per lo sfruttamento delle risorse marine, Compagnie di navigazione, Istituti di classificazione ed Enti di sorveglianza, corpi tecnici della Marina Militare, Studi Professionali di progettazione e peritali.

Cosa studierai

Il laureato in Ingegneria Navale è innanzitutto un Ingegnere, ciò significa che dovrà saper affrontare i problemi della progettazione di nuovi sistemi ed essere in grado di aggiornare continuamente la sua formazione, in modo da adeguarla alla costante evoluzione lavorativa e tecnologica. 

Le materie di insegnamento complessivamente offerte sono comprese in cinque macro-argomenti: materie di base, ingegneria industriale e civile, architettura navale, costruzione navale, impianti navali; sono previsti inoltre laboratori didattici di disegno navale e di architettura navale.

Proprio per questo il corso di studi è rivolto all'acquisizione di conoscenze specifiche del settore, necessarie per progettare e realizzare nuove applicazioni.

Gli insegnamenti specifici del corso magistrale sono rivolti all'idrodinamica, alla sicurezza degli impianti navali, alla propulsione navale, al governo della nave, all'architettura navale e alla costruzione della nave.

Si ritiene che sia fondamentale per l'Ingegnere navale avere un ampio spettro di conoscenze e un opportuno metodo di lavoro. Proprio per questo che, mentre il percorso didattico triennale offre una visione generalista, dove lo studente è chiamato a conoscere e a ragionare  sulle finalità di un prodotto o di un servizio, il corso magistrale mira a sviluppare capacità specifiche, di ragionamento e di risoluzione dei problemi.

Dopo la laurea

Il laureato in Ingegneria navale

Chi è?

L' Ingegnere Navale é colui che si occupa dell'innovazione e dello sviluppo della produzione, della progettazione avanzata, della programmazione e gestione di sistemi complessi, sia nella libera professione, sia nelle imprese manifatturiere o di servizi, che nelle amministrazioni pubbliche.

Cosa fa?

L'Ingegnere Navale gestisce e coordina gruppi di lavoro assumendo ruoli di responsabilità tecnica-organizzativa nello svolgimento di attività progettuali, nei settori dell'architettura, della costruzione e degli impianti navali; affronta e risolve tematiche complesse e non consolidate grazie alla sua preparazione scientifica e specifica.

Dove lavora?

I laureati in ingegneria navale potranno trovare occupazione presso cantieri di costruzione e riparazione di navi, imbarcazioni e mezzi marini; industrie per lo sfruttamento delle risorse marine; compagnie di navigazione; istituti di classificazione ed enti di sorveglianza; corpi tecnici della marina militare; studi professionali e di progettazione e peritali; istituti di ricerca.