Skip to main content

Workshops

I semestre

Corso di laurea in Lettere

Docente: Myriam Chiarla

Inizio Lezioni: 17 ottobre

Orario e luogo: giovedì 17:00-19:00, aula 4 - Balbi 2

Il laboratorio ha l’obiettivo di presentare le nozioni e gli strumenti necessari per elaborare correttamente la tesi di laurea. Le lezioni saranno articolate in una parte teorica e in una parte laboratoriale. Il percorso sarà incentrato sulle seguenti aree tematiche:

·         la ricerca e l’uso delle fonti;

·         gli strumenti per la ricerca bibliografica;

·         le fasi di elaborazione della tesi;

·         la stesura dell’indice e della bibliografia;

·         l’organizzazione dei capitoli, la struttura della tesi e i criteri di impaginazione;

·         le note e le citazioni;

·         gli strumenti fondamentali per la ricerca relativi ai vari settori disciplinari, presentazione dei principali portali per la ricerca  online.

Per l'iscrizione al laboratorio inviare una e-mail all’indirizzo myriam.chiarla@edu.unige.it specificando

- nome e cognome

- n. matricola

- anno del corso triennale in lettere

- ambito disciplinare nel quale si intende svolgere la tesi.

Per ottenere tutti i cfu le assenza non devono superare il 25% del monte ore del laboratorio.

Docente: Amalìa Kolonia

Inizio:  11 ottobre

Orario e luogo: mercoledì 13:00-15:00, aula 4 (Balbi 2)

Posti disponibili 25.

Il materiale neccessario sarà fornito dalla docente.

La mail per l'iscrizione: amalia.kolonia2@gmail.com

Obiettivi: Competenze di comunicazione base in lingua neogreca; primo approccio alle fonti letterarie e alla bibliografia neogreca.

Contenuti: strutture essenziali e primarie della lingua neogreca, con particolare attenzione alla comunicazione scritta e orale, passiva e attiva. Elementi di storia della lingua greca.

Docente: Francesco Carriere

Inizio: 9 ottobre

Orario e luogo: lunedì 17-19,  aula 1 - Balbi 2

Obiettivi e contenuti: L’etnografia è uno dei filoni più ricchi sviluppati dalla storiografia e più in generale dalla letteratura antica, dall’epoca classica fino all’età imperiale romana ed ha incontrato grande fortuna anche in epoca moderna; è però anche uno dei più complessi e difficili da valutare, perché soggetto a condizionamenti di matrice ideologica, deterministica, moralistica. Partendo da queste premesse, il laboratorio intende offrire gli strumenti metodologici di base per l’analisi, secondo aggiornati criteri di ricerca, della tradizione classica relativa alla relazione fra l’uomo e l’ambiente (geografico, politico, culturale). In particolare, l’attenzione sarà dedicata alle modalità con cui gli autori greci collegavano la dimensione geografica (natura, risorse, clima) alle caratteristiche fisiche, alle abitudini di vita e ai valori morali dei popoli “stranieri”, descrivendoli secondo i propri parametri interpretativi. Con l'unificazione del mondo mediterraneo sotto i Romani le descrizioni di popoli e paesi lontani assumono un nuovo e particolare interesse, per via del loro rapporto con il dominio romano, e arricchiscono il dibattito fra gli intellettuali. 

Il laboratorio (25 ore) si rivolge agli studenti interessati all’approfondimento delle dinamiche di definizione dei popoli dell’antichità, tramite esempi di fact-checking della tradizione etnografica antica. Sarà parte integrante del laboratorio anche il lavoro personale degli studenti, che avrà lo scopo di consolidare le competenze relative alla preparazione e alla presentazione dei contenuti desunti dalle ricerche svolte.

I semestre

Corso di laurea in Lettere e magistrale in Letterature moderne e spettacolo

2 CFU (50 ore tra lezioni frontali ed esercitazioni)

Docente: Alice Arecco

Inizio: 6 ottobre

Orario e luogo: venerdì 12:00-15:00, aula 2 - Balbi 2

Modalità: in presenza. Per iscriversi inviare una e-mail all’indirizzo di posta elettronica alice.arecco.prof@gmail.com avendo cura di indicare come oggetto “ISCRIZIONE LABORATORIO” e di specificare nome cognome, matricola, Corso di Studio, anno di corso.

Nel corso del Laboratorio, composto da due moduli da 1 CFU ciascuno, sarà ripercorsa la storia dei maggiori festival cinematografici italiani ed internazionali, sarà illustrato il cambiamento del ruolo dei festival nel corso degli anni, il panorama attuale e la crescita dei festival di settore.
I festival saranno analizzati come luogo di scoperta di talenti, dibattito critico, promozione di un nuovo cinema e di un patrimonio da non dimenticare, e come occasione di professionalizzazione e di tirocini formativi. Ma anche, nell’era digitale che stiamo vivendo, come luogo di formazione di nuovi pubblici e di aperture di nuove frontiere, in termini di produzione, promozione e diffusione di cinema di qualità.

Parte del laboratorio sarà dedicata alla creazione di una rassegna cinematografica in accordo con CircuitoCinema di Genova.

Docente: Simone Pacini 

Inizio: 13 ottobre

Orario e luogo

13.10 h14-17 AULA 9 (Balbi 2) 

13.10 h20-22 TEATRO DELLA TOSSE > spettacolo “ΣΙΩΠΗ [silence]” (inizio spettacolo h20.30)

24.10 h14-17 AULA 4 (Balbi 2)

25.10 h14-17 AULA R (Balbi 6)

15.11 h15-18 AULA 9

16.11 h14-17 AULA 9 (Balbi 2)

16.11 h20-22 Teatro Akropolis > spettacoli “Venti contrari” + “Metamorphosis. Atti di metamorfosi contemporanea. Sapiens” (inizio spettacoli 20.30)

21.11 h14-17 AULA 4 (Balbi 2)

22.11 h15-18 AULA 9

Il costo per il biglietto d’ingresso sarà il più basso possibile.

Il laboratorio si pone l’obiettivo di dare un’ampia panoramica di cosa significhi oggi “comunicare” per un’impresa di spettacolo dal vivo, focalizzandosi sulle nuove tecnologie ma senza dimenticare la comunicazione “tradizionale”. Verrà data importanza, anche attraverso casi di studio, ad argomenti molto attuali come l’audience engagement e il digital storytelling, fino a trattare la figura dello “spettatore digitale” emersa con forza (e con numerose discussioni) negli ultimi due anni.

Al termine di ogni lezione è prevista un’esercitazione pratica sugli argomenti trattati, gli studenti lavoreranno su un proprio progetto di comunicazione per un ipotetico festival/spettacolo/evento. L’andamento delle esercitazioni sarà monitorato sia all’inizio della lezione successiva che a distanza, tramite posta elettronica.

Lezione 1
Chi fa cosa, target, obiettivi e strumenti oggi

Lezione 2

La promozione del pubblico fra territorio e audience engagement

Lezione 3
I “media tradizionali”, i giornali, la critica, gli influencer

Lezione 4
Piano di comunicazione: web marketing, social media marketing

Lezione 5
La galassia dei social (Facebook, Instagram, Twitter, YouTube, TikTok, ClubHouse)

Lezione 6
Social media storytelling per le performing arts

Lezione 7
Lo spettatore digitale

 

Simone Pacini si occupa, come consulente free lance, di comunicazione, formazione e organizzazione in ambito teatrale e culturale.

Ha tenuto corsi, laboratori e lezioni per Università La Sapienza di Roma, IED Roma, Università DAMS di Bologna, Università Ca’ Foscari di Venezia, Università Statale di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore di Brescia, Università di Bari, Civica Scuola di Teatro Paolo Grassi di Milano e Link University Roma.

Dal 2006 al 2008 ha lavorato per le Edizioni Ubulibri.

Nel 2004 ha fondato Il Grido, rivista di cinema in seguito diventata portale web ed è attualmente redattore della testata giornalistica teatrale on-line Krapp’s Last Post.

Da anni “agitatore del web”, nel 2008 concepisce il brand “fattiditeatro” che si sviluppa trasversalmente imponendosi come forma innovativa di promozione e comunicazione 2.0.

Dal 2011 progetta e conduce workshop itineranti su performing arts e comunicazione 2.0, realizzati fino ad adesso in 18 regioni.

Come storyteller è stato coinvolto in progetti del Teatro Metastasio/Regione Toscana, Teatro alla Scala/Unicredit, Regione Umbria e Teatro Pubblico Pugliese.

Dal 2015 realizza progetti e tiene lezioni e workshop di “social media storytelling” per spettatori e studenti in collaborazione con teatri, festival e compagnie di produzione.

Nel 2018 è uscito il suo libro “Il teatro sulla Francigena”.

Attualmente collabora con le seguenti realtà: Carte Blanche/Compagnia della Fortezza, Teatro dei Venti, Teatro Akropolis, Urban Experience, Giocolieri e Dintorni/Progetto Quinta Parete, Festival Mirabilia, Festival T* Danse, Rete Teatrale Aretina, Festival Suq, Teatro della Tosse, Anghiari Dance Hub.

Per informazioni: simone@fattiditeatro.it

II semester

Bachelor of Arts

Lecturer: Arianna Magnolo

Beginning: being defined

Timetable: being defined

Where: being defined

Objective and ContentThe lab is necessary to enable students to learn how to read manuscripts and navigate the tools needed to do a three-year classical curriculum thesis in an acceptable time frame.

Program: introduction - the manuscript book in Byzantium; use of online resources of Byzantinistics, lexicons, thesauri; online consultation of digitized collections; examples of illuminated manuscripts; exercises.

1 CFU

Lecturer: Rosa Ronzitti

Start: mid-February

Timetable: Fridays 3-5 p.m.

Where: in the classroom will be announced later

Program: The workshop, through the presentation of texts and images, aims to provide the basic tools for understanding the ancient Indian language (Vedic and Sanskrit) and its alphabet (devanāgari). A particular goal is to show students how Greek, Latin, Germanic languages, and Slavic languages are related to the language varieties of northern India and to give students practice in consulting related etymological dictionaries. It will be possible to listen to performances sung by today's Brahmans of the texts presented in class and to practice devanagaric script, which is the basis of all modern scripts in the Indian Union and Nepal, Bangla Desh, Sri Lanka.

II semester

Bachelor of Arts and master of arts degree in modern literature and performing arts

1 CFU 

.

Lecturer: Pier Maria Bocchi

Starting

Timetable: being determined

Where: being finalized

Method: in attendance. To register, send an email between March 1 and March 20, 2024 to the email address piemmebi@fastwebnet.it taking care to indicate "LABORATORY ENROLLMENT" as the subject line and specify last name, freshman, Course of Study, year of course.

The workshop aims to provide students with the necessary and indispensable tools for the proper formulation and communication of critical thinking. During the lectures, critical writing practices will be identified and analyzed with particular reference to the forms of film criticism.
Students will be offered exercises in writing, analyzing and producing texts that differ from each other in context, function and style (newspapers/magazines/dictionary/online). Finally, special attention will be paid to the review, the queen form of criticism.
Part of the workshop will be devoted to the creation of a film review in agreement with CircuitoCinema of Genoa.

In collaboration with the Nettle Theater and the Auxilium Foundation

2 CFUs

Lecturer: Ilaria Piaggesi

Starting

Timetable: being determined

Where: being finalized

Mode: in attendance. The workshop is limited (maximum 10 students). To register, you must contact the lecturer at email ilaria.piaggesi@gmail.com

.

The workshop is aimed primarily at male and female students who wish to learn more about the use of theater as a medium in helping relationships and social work through theoretical and practical enactment.
The workshop includes a practical course based on storytelling, autobiography of the subjects, taking on the themes of oppression and violence, and bodily expression, and is aimed at the creation of a non-preordained dramaturgy.
Before the start of the 2nd semester, information on how to participate in the selection will be provided through an interview.
Compatible with the health situation, the workshop will be held in presence and will involve users (migrant girls) of the facility and students.

In collaboration with Akropolis Theatre

.

1 CFU

.

Lecturer: 

Starting

Timetable: being determined

Where: being finalized

Objective: Through focused exercises and improvisations, you will get to perceive the complexity and expressive possibilities of your instrument-body in the stage space

Contents: The workshop is mainly hands-on and involves work focused on the body and physical relationship, conducted through exercises and training techniques within the reach of all students. Previous experience in theater, dance or performing arts is not required.

.

In collaboration with the Teatro Carlo Felice

.

1 CFU

.

Lecturer: Luca Rossetto Casel 

Starting

Timetable: being finalized

Where: being finalized

Method: in-person. To register you should contact the lecturer at email luca.rossettocasel@gmail.com. The workshop is a closed number (maximum 20 students). In case of overnumber, preferential requirements will be considered:

  1. enrollment in bachelor's degree programs in Humanities and master's degree programs in Modern Literature and Performing Arts and Modern Languages and Cultures
  2. have taken an examination in Music History, Musical Dramaturgy or Musical Theater Directing

The Workshop focuses on the presentation of several titles from the opera repertoire, analyzed and compared in relation to the linguistic and dramaturgical characteristics respectively adopted.
Through the musical reading of the chosen title, the workshop aims to constitute an introduction to opera theater and to develop active and conscious listening.
The workshop activity may take place at the theater premises during rehearsals.

Lecturer: Asborno Greta

Starting: in the process of being defined

.

Time: being determined

Where: under definition

Objective and contentThe workshop aims to initiate students in the use of (free) editing software and the creation of audiovisual products with a focus on their possible use in education. The workshop aims to offer basic knowledge of audiovisual editing and still image editing. The main exercise of the workshop will focus on the interview genre.

For information: greta7194@gmail.com

1 CFU 

.

Lecturer: new lecturer of L-FIL-LET/13

Start: 2nd semester 

Timetable: being finalized

Where: being finalized

Mode: in attendance. 

 

1 CFU 

.

Lecturer: Claudia Pastorino

Starting: being determined

.

Time: being determined

Where: under definition

The workshop will examine the artistic and cultural expression of song in Italy, Europe and the world.

It will look at the evolution of the recording industry from its inception to the present day; it will observe the professional figures within and ancillary to the music and record business, production mechanisms, artistic self-entrepreneurship in the third millennium, artistic production both in the recording studio and in live concert, the songwriting profession, yesterday and today, with special reference to the "Genoese school".

2 CFU 

.

Lecturer: Francesco Leprino 

Start: Friday, March 1, 2024

Time: being determined

.

Where: being finalized

Mode:in-person. To enroll send an email to the email address gransole@gransole.net starting from February 1, taking care to indicate "LABORATORY ENROLLMENT" as the subject line and specify last name, freshman, course of study, curriculum, course year.

Objective of the workshop is to focus on the relationship between expressions that refer to concrete reality (the word and image in audiovisual contexts) and the ineffable sound of music.

Instruments of the workshop will be musical, filmic and video art quotations, through which to focus on the effects and affects that these linguistic intersections provoke on perception, critically reconstructing, through student feedback, the creative processes and underlying communicative mechanisms.

1 CFU

Docente: Lucio Argano

Inizio: giovedì 9 maggio 2024

Orario: giovedì ore 13-17 e venerdì ore 9-13 (4 incontri)

Dove: giovedì Sala Acquario (Darsena - Economia), venerdì aula 9 (Balbi 2)

Modalità: in presenza. Non c’è numero chiuso. Per iscriversi inviare una email all’indirizzo di posta elettronica lucio.argano@gmail.com avendo cura di indicare come oggetto “ISCRIZIONE LABORATORIO AUTOIMPRENDITORIALITÀ” e di specificare nome cognome, matricola, Corso di laurea e curriculum, anno di corso.

Presentazione

Il Laboratorio, coerentemente con le finalità principalmente del Corso di Laurea Magistrale in Storia dell’arte a cui fa riferimento, ma aperto anche agli altri Corsi di studio del DIRAAS, si pone come momento seminariale operativo con lo scopo di fornire ai partecipanti le conoscenze, gli approcci e gli strumenti per agire nella tutela e valorizzazione del patrimonio dei beni e delle attività culturali mediante formule imprenditoriali, organizzative e progettuali. Viene affrontata la creazione di nuove imprese culturali, secondo le forme associative e societarie ricorrenti e attraverso la predisposizione di business plan culturali in grado di valutarne efficacia, opportunità, rischi, spazi d’intervento e sostenibilità nel tempo. Contemporaneamente, il Laboratorio intende stimolare la capacità di progettazione dei partecipanti, incentivando pratiche d’ideazione, fattibilità, pianificazione, attuazione e valutazione delle iniziative e degli eventi culturali. 

Obiettivi

  • contribuire allo sviluppo manageriale dei partecipanti, inquadrando le azioni di promozione e valorizzazione del patrimonio artistico all’interno di una dimensione imprenditoriale, organizzativa e gestionale nelle sue implicazioni critiche più evidenti (opportunità e rischi, contesto, vincoli, governo di risorse, pianificazione e controllo, comunicazione, qualità, valutazione, capacità critica di analisi, verifica delle diverse fattibilità);
  • fornire elementi informativi e di conoscenza sul funzionamento delle imprese culturali, sui modelli giuridico organizzativi ricorrenti, sulla strumentazione di analisi e valutazione per la costituzione di nuovi soggetti;
  • fornire un kit metodologico di approcci, strumenti e tecniche riferite alla progettazione culturale nelle sue fasi ideative, di valutazione ex ante (fattibilità), di programmazione e attuazione;
  • incentivare la capacità di lavoro di squadra e le dinamiche relazionali, attraverso una metodologia di coinvolgimento collettivo dei partecipanti su esercitazioni e discussioni di casi concreti, ma anche sottolineando l’importanza della gestione dei diversi stakeholder di ogni impresa e progetto;
  • agire sullo sviluppo di competenze di comportamento strategico, progettuali, relazionali e di servizio, stimolando le capacità e le attitudini individuali a intraprendere anche come consapevolezze e risorse di fiducia personale.

Struttura, date, orari

La struttura del Laboratorio si suddivide in due parti:

  • la prima parte si concentra sui “soggetti” che agiscono organizzativamente nel settore culturale in varie forme e che, indipendentemente dalla natura profit o no profit, costituiscono forme d’impresa culturale, con particolare attenzione alle modalità, operazioni e valutazioni che vanno considerate per la loro creazione e gestione (competenze, dimensione di mercato, profilo strategico, domanda e offerta, forme giuridiche e modelli organizzativi, dimensione economico finanziaria, sostenibilità), anche con modelli di business plan culturali e Canvas;
  • la seconda parte, invece, privilegia le attività svolte dalle imprese culturali nelle loro differenti tipologie e declinazioni, focalizzandosi sulla cultura di progetto e quindi sugli strumenti e sulle conoscenze pratiche per la realizzazione di progetti ed eventi culturali (project management culturale).

Il laboratorio ha una durata di 25 ore, di cui 16 di lezione frontale e 9 di studio individuale. È articolato in 4 incontri di 4 ore ciascuno nelle seguenti date:

  • Giovedì 09 maggio 2024 ore 13-17 (4 ore)
  • Venerdì 10 maggio 2024 ore 09-13 (4 ore)
  • Giovedì 16 maggio 2024 ore 13-17 (4 ore)
  • Venerdì 17 maggio 2024 ore 09-13 (4 ore)

Metodologia, materiali e valutazione finale

La metodologia didattica prevede lezioni frontali per la parte teorica, con impiego di sussidi didattici (slide), visione di filmati, discussione di casi.
Nel corso del laboratorio i partecipanti vengono invitati a realizzare progetti e altre attività pratiche in gruppo attinenti ai contenuti trattati in aula, che sono oggetto di valutazione.
Testo eventuale di riferimento: L. ARGANO, Manuale di progettazione della cultura. Filosofia progettuale, design e project management in campo culturale e artistico, F. Angeli, Milano, 2012 (pp. 590).
Tutti i materiali didattici, con la sola esclusione della documentazione video, saranno consegnati ai partecipanti. Fonti bibliografiche saranno a disposizione presso il sito www.lucioargano.it

Syllabus degli incontri

I. Le imprese culturali: la dimensione strategica e di mercato

  • Elementi costitutivi, tipologie, caratteristiche, forme ricorrenti;
  • Il profilo strategico, la missione, i valori e l’etica, la visione, il modello d’attività, il rapporto con il contesto (stakeholder, fattori e norme, raccordo con le politiche, peculiarità settoriali);
  • Mercati, arena competitiva, obiettivi, analisi della domanda, target, sistema di offerta, posizionamento.

II. Le imprese culturali: la dimensione organizzativa ed economico finanziaria

  • Forme e modelli giuridici di riferimento (profit, no profit, Testo Unico Terzo Settore, contratti di rete, etc.);
  • Modelli organizzativi, di funzionamento e meccanismi operativi;
  • Bilancio previsionale, rendiconti finanziari;
  • Adempimenti formali e aspetti amministrativi (costituzione e funzionamento a regime).

III. Il project management culturale: aspetti generali e fase ideativa

  • Cenni sui principi di progettazione culturale (azioni, eventi, ambiti progettuali);
  • Collegamenti e attinenze con l’esercizio d’impresa culturale;
  • Ciclo di vita del progetto culturale;
  • Lo start ideativo e gli inneschi progettuali;
  • Analisi e valutazione del contesto interno, esterno e competitivo;
  • Il perimetro strategico e le logiche del progetto;
  • Lo sviluppo del concept (contenuti) e dell’attività connesse (sistema di offerta e palinsesto).

IV. Il project management culturale: attivazione, pianificazione e realizzazione

  • L’analisi della fattibilità tecnica, organizzativa, economica, di marketing;
  • Forme e fonti di finanziamento pubbliche (bandi) e private, (sponsor, crowdfunding);
  • La valutazione dei rischi e i piani di contingenza/convenienza;
  • La definizione delle linee guida di realizzazione, co-produttive, di networking;
  • La pianificazione delle azioni, dei tempi, pietre miliari, azioni di controllo, delle risorse umane e tecniche e il piano economico-finanziario (budget);
  • Cenni su aspetti contrattuali, sulle burocracies, sulla gestione tecnico-logistica e sulla comunicazione.